Processo per la nomina del primario | Caltanissetta, quattro assoluzioni - Live Sicilia

Processo per la nomina del primario | Caltanissetta, quattro assoluzioni

Il tribunale di Caltanissetta

Assolti "perché il fatto non sussiste" gli ex dirigenti dell'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta Alberto Paladino, Giuseppe Amico, Franco Maniscalco e l'ex primario della divisione di chirurgia dello stesso ospedale Silvio Morini.

"Il fatto non sussiste"
di
1 Commenti Condividi

CALTANISSETTA – Il Tribunale di Caltanissetta ha assolto “perché il fatto non sussiste” gli ex dirigenti dell’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta Alberto Paladino, Giuseppe Amico, Franco Maniscalco e l’ex primario della divisione di chirurgia dello stesso ospedale Silvio Morini dall’accusa di avere commesso irregolarità nella procedura di selezione che portò alla nomina a primario dello stesso Morini. Abuso d’ufficio diffamazione e falso le accuse contestate ai tre ex dirigenti, mentre Morini rispondeva soltanto di concorso in abuso d’ufficio. Gli imputati si sono sempre difesi sostenendo di avere agito senza commettere irregolarità ed avendo come unico obiettivo il bene dell’ospedale. La Procura aveva chiesto 3 anni per l’ex direttore generale del “Sant’Elia” Paladino, 2 anni anni a testa per l’ex direttore sanitario Amico e per l’ex direttore amministrativo, Maniscalco e 1 anno e 6 mesi per Morini.

(Fonte ANSA)

(Fonte ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Come mai codesta redazione ha spostato dopo neanche 24 ore l’articolo suddetto nella pagina di Caltanissetta mentre le richieste di condanna avanzate dal PM nei confronti degli imputati oggi assolti, sono state trattenute per almeno una settimana nella pagina generale delle notizie di live sicilia? Non dovrebbe esserci una par conditio anche in questo …? Oppure l’imparzialità è una condizione da trascurare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *