Pulitzer 2013, vince lo scatto |del messicano Manzano - Live Sicilia

Pulitzer 2013, vince lo scatto |del messicano Manzano

Assegnati dalla Columbia University le prestigiose onorificenze dedicate al mondo del giornalismo, della letteruratura, della drammaturgia e della musica. Il premio principale va al messicano Manzano per il suo scatto sulla guerra in Siria





Normal
0


14


false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

























IL RICONOSCIMENTO
di
2 Commenti Condividi

Una delle foto vincitrici nella sezione "Breaking News"

Uno scatto realizzato in Siria per AFP dal freelance messicano Javier Manzano si è aggiudicato il “Feature Photography Pulitzer 2013”. La foto, scattata il 18 ottobre 2012, mostra due cecchini contro l’esercito siriano lungo la prima linea di Aleppo. I ribelli sono illuminati dalla luce del sole che filtra nel covo attraverso i fori provocati dai proiettili.

Rodrigo Abd, Manu Brabo, Narciso Contreras, Khalil Hamra e Muhammed Muheisen, in forza all’Associated Press, hanno vinto nella sezione “Breaking News”. Grazie al loro reportage realizzato in condizioni di estremo pericolo, i cinque fotografi hanno assicurato un’adeguata copertura giornalistica della guerra civile in Siria.

I prestigiosi riconoscimenti, dedicati al mondo del giornalismo, della letteratura, della drammaturgia e della musica, vengono assegnati ogni anno dalla Columbia University di New York. Ventuno le categorie del premio, istituito nel 1917 dall’editore Joseph Pulitzer. Asso pigliatutto, quest’anno, anche il New York Times che ha avuto la meglio in quattro sezioni.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Per me è uno schifo speculare su certi orrori.
    Questo no è giornalismo è sciacallaggio autorizzato per soldi…

    del suo giudizio ce ne faremo una ragione, Daniele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *