Pulvirenti risponde ad Agnelli | "Zitella isterica in astinenza" - Live Sicilia

Pulvirenti risponde ad Agnelli | “Zitella isterica in astinenza”

Secca replica del patron etneo al numero uno bianconero:“Il suo atteggiamento durante l'assemblea è stato strano. Si è comportato come una zitella isterica in crisi di astinenza. Dice che non è rappresentata in Lega la maggioranza del calcio? Beh, direi che quattordici società su venti mi sembrano una bella maggioranza".

La polemica
di
1 Commenti Condividi

CATANIA. Il presidente Nino Pulvirenti non le manda certo a dire. Stuzzicato, meglio, provocato dal collega della Juventus, Andrea Agnelli, risponde stizzito alle accuse di assenza dalla Lega Calcio da almeno dieci anni dopo la sua elezione nel Consiglio Federale. Una polemica ad personam? Forse. O forse no. Ma fatto sta che il patron dei rossoazzurri risponde per le rime: “Il suo atteggiamento durante l’assemblea è stato strano. Andrea Agnelli si è comportato come una zitella isterica in crisi di astinenza. Dice che non è rappresentata in Lega la maggioranza del calcio? Beh, direi che quattordici società su venti mi sembrano una bella maggioranza”. Parole esternate dal presidente Pulvirenti davanti alle telecamere di Sky, prima dell’inizio della vittoriosa sfida contro il Genoa. “Le parole di Agnelli – ha proseguito – sono state una provocazione”.

E quest’anno, sull’asse Catania-Torino le polemiche non si sono proprio risparmiate. Prima la storiaccia del gol (regolare) annullato a Bergessio nella sfida contro i bianconeri. Subito dopo le frecciate a distanza tra le due dirigenze. Oggi, lo scontro diplomatico tra i numeri uno delle due società. Rapporti tesi che difficilmente potranno essere appianati in un batter di ciglio.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Evidentemente il giovane e presuntuoso agnelli pensa che la lega calcio sia il suo club nobiliare dove i “plebei” entrano per pura condiscendenza e devono rispetto ai nobili. Poveretto! Non so se sia più stupido o più arrogante…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *