Regione, che pasticcio: dipendenti in pensione richiamati al lavoro

Regione, che pasticcio: dipendenti in pensione richiamati al lavoro

Alcuni di loro dovranno anche restituire le somme ricevute in questo periodo
14 Commenti Condividi

PALERMO – Dopo aver lavorato per tanti anni al servizio della Regione per alcuni dipendenti, nel 2019, è arrivato il tempo della pensione. Ma qualche giorno fa il meritato riposo è stato scosso da una lettera dal dipartimento della Funzione pubblica con cui la Regione Siciliana annulla, in autotutela il pensionamento anticipato e li richiama in ufficio.

Una situazione del tutto anomala per questi dipendenti, intenti a godersi il meritato riposo. Le anomalie, però, sono diverse. Ben undici di loro sono andati in pensione con la “quota 100”, ma oltre ad essere stati richiamati in servizio, dovranno restituire le mensilità ricevute. Quindi, si tratterebbe di lavorare senza ricevere un compenso per quasi un anno. Altri, invece, sono stati richiamati in ufficio per brevi periodi che oscillano dai 40 ai 60 giorni. Questo perché quando sono andati in pensione i requisiti anagrafici non erano stati adeguati all’aumento, da 3 a 5 mesi in più, dell’aspettativa di vita stabilito dalla legge nazionale.

Tutto questo è dovuto alla legge regionale del 6 agosto 2019, impugnata dalla presidenza del Consiglio dei ministri, con l’articolo 7, che estendeva i benefici della “quota 100” ai dipendenti della Regione, dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale lo scorso ottobre 2020, a causa della mancanza della copertura finanziaria.

Per i dipendenti che dovranno tornare a lavoro per un periodo tra i 40 e i 60 giorni, invece, tutto è nato perché un decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze del 2017 ha stabilito che, a partire gennaio del 2019, i requisiti anagrafici per la pensione di vecchiaia e di anzianità si incrementino di cinque mesi a causa della variazione dell’aspettativa di vita. Molti, quindi, sono andati in pensione dopo tre mesi dalla maturazione dei requisiti, ma adesso si rende necessario recuperare i due mesi di differenza. In questo caso il numero di dipendenti richiamati è molto più alto e dovrebbe arrivare a 210.

Gli ex dipendenti sono già pronti, e l’hanno annunciato, a presentare i ricorsi. In mezzo ci sono i sindacati che cercando di calmare le acque, ma che sanno bene che i dipendenti non hanno colpe. “Un tale livello di approssimazione su norme che riguardano la vita dei dipendenti regionali è inaccettabileè il commento della Cisl Fp Sicilia -. Ci aspettiamo che l’amministrazione regionale adesso corra ai ripari e lo faccia in modo opportuno, prestando la massima attenzione, non solo per sanare il presente ma anche per non ritrovarsi con guai simili in futuro”.

A commentare è anche Fulvio Pantano, segretario generale Sadirs: “Ritengo che la Regione si stia infilando in una situazione infinita. In passato abbiamo avuto qualche caso di rientro, risolto a favore del dipendente. Questo perché l’andare in pensione è una volontà fra le parti e la Regione dà il suo consenso, quindi è responsabile tanto quanto colui che è andato in pensione. Riteniamo, in ogni caso, che la soluzione a compensazione potrebbe trovare strada ed essere risolutiva visto che parliamo di, circa, una dozzina di persone per quanto riguarda la “quota 100”, mentre si tratta di circa 400 persone che dovranno recuperare i due mesi, cosa più semplice da risolvere”.

La Giunta, comunque, sa bene che la partita non sarà di semplice risoluzione. Per questo motivo, alcuni esponenti hanno già espresso la volontà di emanare una norma per sanare le criticità che si sono venute a creare. Anche per questo nella giornata di domani è prevista una riunione tra i sindacarti e l’Assessore alla Funzione Pubblica Marco Zambuto, per cercare una soluzione, ma sembra che si stia cercando per evitare il rientro ed il contenzioso.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    Anche questa sembra una barzelletta. Questa è la cifra dei dirigenti generali che Il catanese ha messo nei posti di comando dei Dipartimenti. Ma quando parlava di grattapancia si riferiva a loro, vero? Non ne indovinano una, neanche per sbaglio.

    Ma come si può richiamare in servizio uno che é stato cancellato dai ruoli???
    E se la corte di fosse pronunciata dopo 7 anni , li avrebbero richiamati??
    Ma uno che legge le sentenze della corte dei Conti in materia pensionistica non c’è alla Regione?
    Glielo deve ricordare il sindacalista?

    Pasticcio? Con questa marmaglia di gente, di nullo vestita, cosa vuoi aspettarti?

    12.6.21.LA CARICA E INVASIONE DI PENSIONATI DI RITORNO NEGLI UFFICI.Chi ha fatto il pasticcio? Nel film di Benigni, Jonny Stecchino, quello gli diceva ripetutamente:”LA DEVI PAGARE!”.In questa vergognosa pagina SICILIANA la vogliono far pagare ai pensionati.Devono pagare questi ANALFABETI che si rifugiano nell’AUTOTUTELA, che non e’ AUTOASSOLUZIONE.
    Cav.Ing.Gaspare Barraco.Marsala.

    E se qualcuno ha avuta già accreditata la liquidazione (parliamo di cifre oltre i centomila euro netti) deve restituire anch’essa?

    Stai tranquillo, il TFR viene erogato dopo un paio d’anni dal pensionamento e per giunta scaglionato in tranche di anno in anno

    Ritorna sulla terra………

    Le sentenze ( giuste o sbagliate, fatte da persone) della Corte Costituzionali su leggi pubblicate sulla Gurs e quindi operative dal giorno della pubblicazione e nel caso riguardante provvedimenti conclusi 15 mesi prima con la cancellazione dai ruoli e la pensione, non valgono.Ing.Gaspare Barraco.Marsala.

    12.6.21.Musumeci ( che si vede lo spettacolo stando “MUTU”) vuole rimpinguare le casse della Regione Sicilia chiedendo i soldi indietro della pensione percepita a 281 pensionati da mesi, mandati da loro in pensione e che ora li rivogliono negli uffici.Cav.Ing.Gaspare Barraco.Marsala

    Ma perché  alla Regione siciliana non paga mai nessuno di errori che commettono i suoi dirigenti  sia che siano in mala fede o in buona fede. Qualcuno ha sbagliato perchè non deve pagare come succederebbe da qualsiasi altra azienda privata o pubblica. No, alla Regione siciliana la dirigenza anche se fa errori non paga mai. Paghiamo noi cittadini sempre.

    Non sarei così sicuro. Il risarcimento per danno per danno sull’affidamento anche da atto legittimo viene riconosciuto dal Giudice ordinario. Sempre va dimostrata la buona fede e la compromissione di un interesse legittimo. Circa la vicenda bisogna conoscere tutto l’iter e come sono andate realmente le cose. La sentenza della Corte è condivisibile, ma non vi è dubbio che vanno tutelati gli effetti maturati. Il problema che questa Dirigenza regionale è alla ricerca di platee e non di verità.

    14.6.21.Il diritto di AUTOTUTELA ( convinzione di aver fatto una cazzata, per l’ AUTOASSOLUZIONE) deve essere riconosciuto entro 60 giorni ( adesso 18 mesi) e non puo’ essere esercitato su COSE CONCLUSE, tipo far rientrare in servizio dipendenti pubblici cancellati dal ruolo e collocati in pensione da 16 mesi.Cav.Ing.Gaspare Barraco. Marsala.

    Le sentenze ( giuste o sbagliate, fatte da persone) della Corte Costituzionali su leggi pubblicate sulla Gurs e quindi operative dal giorno della pubblicazione e nel caso riguardante provvedimenti conclusi 15 mesi prima con la cancellazione dai ruoli e la pensione, non valgono.Ing.Gaspare Barraco.Marsala.

    11.6.21.Presidente MUSUMECI, assessore Zambuto e 30 consiglieri regionali ( che vi definite deputati, con una mossa di anni addietro,con la C.C., non vedente in quel caso) vi rendete conto che la Corte Costituzionale vi ha detto analfabeti bocciando la vostra legge sulla QUOTA 100 valida x tutti ad eccezione dei dipendenti della regione Sicilia?Cav.Ing.Gaspare Barraco.Marsala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.