Consulenze, pioggia di soldi - Live Sicilia

Consulenze, pioggia di soldi

Regione
di
16 Commenti Condividi

Poco meno di sessantamila euro in consulenze nelle ultime due settimane. È questo il bilancio della nuova chiamata alle armi della giunta dei tecnici guidata da Raffaele Lombardo. Cinque nuovi consulenti, per una media di oltre diecimila euro a testa. Si comincia con la Presidenza, dove il governatore dell’Isola ha rinnovato l’incarico ad Antonio Andò, che continuerà ad occuparsi del “monitoraggio dei processi organizzativi correlati ai rapporti istituzionali con gli Organi della Regione e dello Stato”. Dallo scorso primo maggio (ma la consulenza è stata pubblicata l’8 giugno) fino al 31 ottobre, Andò percepirà un compenso lordo pari a 21.949,38 euro.

Anche l’assessore regionale alla Cultura si è avvalso delle competenze di due esperti. Si tratta di Roberto Ferrari e Sebastiano Torcivia. Ferrari si occuperà del “supporto tecnico per la definizione del partenariato pubblico-privato nei beni culturali siciliani e la progettazione del distretto storico-archeologico di Aidone, Morgantina e Piazza Armerina mediante l’utilizzazione degli strumenti programmatici disponibili tra cui le misure di aiuto alle imprese”, mentre Torcivia andrà al servizio di pianificazione e controllo strategico. Chiamati entrambi fino al prossimo 20 ottobre, a ciascuno dei due consulenti verrà elargito un compenso lordo pari a 8.263,32 euro.

E ancora, all’assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale, Mario Centorrino ha nominato Giuseppe Italia, che si occuperà delle “problematiche della pubblica istruzione alla luce della normativa statale di riforma del settore”. Dallo scorso 25 maggio (ma anche in questo caso la consulenza è stata resa nota il 9 giugno) e fino al 24 novembre, a Giuseppe Italia andranno 12.394,98 euro lordi.

Ultima consulenza, infine, per Elio D’Antrassi, che alle Risorse Agricole ha chiamato Saveria Attaguile per coadiuvare il lavoro al servizio di pianificazione e controllo strategico . Fino al prossimo 30 settembre, Attaguille percepirà un compenso lordo pari a 7.230,41 euro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

16 Commenti Condividi

Commenti

    Italia ed Attaguile sono dei cognomi abbastanza “famosi” negli ambienti dell’amministrazione regionale.
    Si tratta soltanto di omonimia o c’è dell’altro?

    Preciso come il neo sindaco di Milano Pisapia.
    Quello a Milano ha tolto TUTTE le consulenze per iniziare il ripianamento delle casse noi che stiamo meglio dilui ne aggiugiamo per il crollo delle casse.
    Bravo Lombardo che ce la fai primda di andav via a mandarci con le pezze.

    io non me la prendo con i politici o con gli assessori perchè lo sappiamo tutti che sono dei ladri e farabutti, me la prendo invece con i magistrati della corte dei conti perchè quest’ultimi potrebbero con il “controllo successivo di gestione” dei relativi capitoli di spesa, potrebbero controllare non solo la legittimità degli incarichi, ma soprattutto la loro necessaria attribuzione.

    @DFOLAR
    Ma se controllano seriamente come fanno poi a chiedere il posto per il figlio o l’amico? E’ tutto uno schifo, e la cosa triste è che le cose non cambieranno mai chiunque sia eletto. Per questo motivo spero, ma non ci credo, che nessun siciliano vada a votare, anzi farei un sit in pochi giorni prima delle elezioni e bruciare davanti l’ars tutte le schede elettorali. Ne parlerebbero tutti i mass media del mondo. Forse solo così possiamo far sentire la nostra voce!

    Se necessitano tutti questi consulenti vuol dire che gli oltre 20.000 dipendenti della regione siciliana sono degli incapaci. allora perchè non li mandiamo a casa?

    attaguile…questo nome non mi e’ nuovo…

    PER QUESTA GENTE IL POSTO C’E’, BELLO CHE IMPIATTATO.
    VERGOGNATEVI POLITICI, SIETE LA ROVINA DELLA SICILIA E DEI SICILIANI PER BENE.
    LA VERA MAFIA SIETE VOI.

    Cavolo, cavolino…chissà a questo punto della legislatura il Presidente Cuffaro quanto aveva speso per consulenze…
    Chissà, secondo me qualcuno lo sa…

    Secondo me ci sono tutte le condizioni perché la Sicilia finisca come la Grecia. Qui (http://9.bb/EY6z, giuro che non è il mio blog e non sto facendo spam) è spiegato perché.

    non capisco xchè si continuano a pubblicare queste notizie: basterebbe un rendiconto semestrale, tanto continuano a fare come vogliono (mentre la sicilia affonda).

    se la sicilia finisce come la grecia sappiamo di chi è la colpa.Lombardo vergognati anche se la legge te lo consente un regione come la nostra prossima al fallimento non puo’ permettersi conulenze esterne di continuo vergogna vergogna vergogna.

    @Francesco
    I 20.000 dipendenti sono 100.000 voti, il loro compito finisce li.
    I consulenti, appalti, forniture sono la giostra che truffa il cittadino siciliano e l’Italia tutta. Piuttosto che tagliare il malaffare tagliano i servizi… sciacalli.

    Non mi meraviglia niente e nessuno, è stranoto che il modo di ripagare i grandi elettori ( capi popolo) è e restera questo, sperperando risorse regionali anche se non necessarie.
    Anche questo si chiama voto di scambio.

    “Picchì chi è?? Dopo aver salvato l’onorevole tizio e l’onorevole caio dai loro ennesimi problemi di giustizia e, per carità, garantendogli il posto in parlamento (mischini!!!), non mi posso sparare 4 incarichi di consulenza altamente qualificati e di elevatissimo profilo tecnico giuridico istituzionale, assolutamente necessari per il proseguio della legislatura??? e ALLORA che c’è di male a chiamare 4 amici e farli lavorare?? La vogliamo smettere con queste sciocchezze…. comunisti!!!! Siete la Sicilia peggiore!!!(u rissi Brunello…)”

    SOLO UN CAMBIAMENTO RADICALE PUO’ PORRE FINE A QUESTO SCHIFO. “NON VOTATE NESSUNO DEGLI USCENTI”. NON CONDIVIDO BRUCIARE LE SCHEDE ELETTORALI FAREMMO IL GIOCO DELLA CASTA, LA POLITICA SI CAMBIA CAMBIANDO GLI UOMINI, SERVE IL CORAGGIO DI NON SENTIRE LE SIRENE E VOTARE GENTE RIGOROSAMENTE NUOVA, CI SONO BRAVISSIMI AMMINISTRATORI LOCALI CHE NON POSSONO ENTRARE ALL’ARS A CAUSA DELLA COLLA SOTTO LE SEDIE. SCIOGLIAMO LA COLLA. MOVIMENTO “NESSUNO DEGLI USCENTI”

    semu pessi ‘nsicilia, sempri sutta scupa… ma a cosa bella è ca semu tutti spetti ( o cumminti!!), viremu sapemu e di unni ci chiovi ci sciddica finu ca putemu mangiari (comu a grecia prima dò 1981 pi capirini),
    ma a storia si ripeti, si non sa caputu finiu a schifiu, pissinu a benzina ca facemu na fanu pavari oru pi manteniri a famosa maison do bri….e tuttu u secutu.
    picciotti ancora stamu dummennu, ancora na stamu fassiannu e continuamu a aspittari cu non meni mai… si non studiamo quaccosa si non ni muvemu subitu senza peddiri tempu si facemu i scelti giusti fossi spiraghiu di luci esisti, non continuamu a fari i picuruni ci voli parola giusta e sustanza pi puttari avanti sta ricchizza ca putissimu campari cu sulu l’aria da sicilia e ‘nveci ni ficimu mettiri i peri na facci di tutti sti politicanti…
    SVEGLI POPOLO DI BRIGANTI SVEGLIA FACEMULU STU MIRACULU DAMUCCILLA STA SCUGNATA, E CASI!!!CI VOLINU REGOLI NOVI NO TASSE PI PAVARI I SO ‘MBROGGHI
    MI SI TASSANU IDDI CU TUTTO CHIDDU CA NI MANCIANU, SI SCUDDANU I FAMIGHI I DIRITTI A SCOLA A SANITA’ A DIGNITA’ I VALORI ECC..ECC..(COMU LI BESTIE), NI STANU FACENNU RINCRETINIRE PI NON CAPIRI U GIUSTU E U SBAGHIATO!!!!!!!!!!!
    SPERO CHE IN LINGUA SICILIANA IL MESSAGGIO SIA PERCEPITO MEGLIO DAI SICILIANI ONDE EVITARE CHE LA LINGUA ITALIANA SIA COMPLESSA PER FAR COMPRENDERE COSA STA ACCADENDO AL SUD, MA ANCORA STIAMO ASPETTANDO (FORSE CHE VADA COMPLETAMENTE A ROTOLI).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.