Il silenzio selettivo dei giornali - Live Sicilia

Il silenzio selettivo dei giornali

Bè, non è che sia proprio silenzio. Diciamo: un silenzio selettivo. Oggi, sul "Giornale di Sicilia" e sull'edizione locale di "Repubblica", ci sono numerosi e puntuali articoli sul Forum della Sanità in scena a Palermo. Poche pagine dopo, sui medesimi quotidiani, campeggia la pubblicità del medesimo argomento. Un caso. Invece, nulla si dice della storia della maxi-gara della Sanità, dell'autorità di vigilanza e dei problemi che ne potrebbero conseguire. Come si dice in questi casi: e i casi sono due.
La Sanità e la pubblicità
di
36 Commenti Condividi

Bè, non è che sia proprio silenzio. Diciamo: un silenzio selettivo. Oggi, sul “Giornale di Sicilia” e sull’edizione locale di “Repubblica”, ci sono numerosi e puntuali articoli sul Forum della Sanità in scena a Palermo. Poche pagine dopo, sui medesimi quotidiani, campeggia la pubblicità del medesimo argomento. Un caso. Invece, nulla si dice della storia della maxi-gara della Sanità, dell’autorità di vigilanza e dei problemi che ne potrebbero conseguire. Come si dice in questi casi: e i casi sono due.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

36 Commenti Condividi

Commenti

    cara REDAZIONE, hai presente quando un mensile di moda stronca malamente un ristorante fashion che appartiene agli stilisti fashion ? ? ? La ritorsione immediata – da parte degli stilisti fashion – è quella di ritirare paginone intere di pubblicità dalla medesima rivista di moda tacciàta di aver screditato il ristorante fashion…
    Questo è pressapoco lo stesso meccanismo… solo che funziona al contrario: “IO TI COMPRO” (attraverso la paginona intera di pubblicità) e TU mantieni dei toni – diciamo – “MORBIDI” sull’argomento d’attualità…
    <
    AH MONELLI…

    Visto che bannate i commenti, anche quelli non offensivi, potrei solo sapere sottintende la frase “i casi sono due” ?? Grazie e buona giornata

    E tra un po’ sarà bannato del tutto, visto che continua a insultare questo giornale. Dipende solo da lei. Non esistiamo? Lo dica ai nostri ventimila contatti quotidiani.

    Mi dispiace che lei si innervosisca così, ma guardi che lei mi fraintende. Non è assolutamente mia intenzione offendere nessuno. Ho solo scritto, in commento ad altro articolo, che Livesicilia non esiste in confronto alla diffusione di altre testate giornalistiche ( giornale di Sicilia, oltre 500.000 giornali, La Sicilia, mi pare 470.000) . E’ colpa mia se i dati sono questi ? Perchè si offende ? Le ripeto che mi dispiace che lei la prenda così, ma non è mia intenzione. Cordialità

    Io non mi offendo, gentile Massimo. Lei è però un lettore che non rispetta le persone e i luoghi di cui è ospite e che fa confronti su dati non omologabili, dimostrando la sua scorrettezza. Aspettiamo ancora la sua risposta sui nostri finanziatori occulti. Sappiamo che non la darà. Proprio lei che pontifica tanto, con la sua tecnica di gettare il sasso e nascondersi, ricorda da vicino quella Sicilia di cui sostiene di essere nemico e che invece rappresenta perfettamente. La Sicilia legata ad antiche e consolidate realtà che non tollera il nuovo, nemmeno nell’informazione. Livesicilia è il primo quotidiano online della Sicilia, sui dati omologabili di siti nativi che non si appoggiano al giornale cartaceo. Capisco che la cosa la innervosisca. Ma la prego di avere considerazione di quello che non le va giù e di accettarlo serenamente, facendo finalmente pace con i fatti. Ricambio le cordialità.

    Una volta c’erano i cosiddetti “Provocatori”, gente da evitare in quanto sempre pronta ad innescare l’azzuffata, fine a se stessa, per distogliere il “focus” dell’argomento trattato.

    Qualcuno fa ancora questo di mestiere, forse a libro paga, forse da dentro il “palazzo”!

    @Massimo, TACI E SMETTILA!!!

    Le chiedo la correttezza almeno di pubblicare questo : Le ho già risposto sui “finanziatori occulti” e anche su questo avete frainteso clamorosamente. Il resto lo può anche bannare. Grazie e serena giornata

    quando la regione siciliana esaurira’ le risorse del capitolo della pubblicita’ istituzionale,state tranquilli che inizieranno(GDS,REPUBBLICA,LA SICILIA) a picchiare.E’ INDEGNO E VERGOGNOSO FARLO DOPO,MA SARANNO COERENTI.

    Caro dottor Puglisi, poiché non posso evitare l’incontro fortuito con minus habens, posso però contribuire ad evitare la diffusione di notizie false. Sulla vendita del Giornale di Sicilia il dato del 2009 è di 66.995 copie, de La Sicilia è di 63.243 copie.
    A mio avviso, se “ogni lassata è perduta”, nel caso in specie il vantaggio di “lassari” sarebbe un bene sociale. Un abbraccio.

    Spiace per i veri minus habens, ma i dati Audipress sono i seguenti. Lettori medi per giorno nel 2010: Giornale di Sicilia 427 ; La sicilia 476 ; La gazzetta del sud 398 ; La Repubblica 3.250. Ovviamente questi numeri vanno moltiplicati per 1000. Visitatori sito web : Gds 30 ; La sicilia 48 ; Gazzetta del Sud 15, sempre moltiplicando per mille. Il sito è quello dell’Audipress. Se il signor Foresta dice che i lettori di Livesicilia sono 18000, faccio i miei complimenti perchè ha superato la Gazzetta del Sud !! Buona giornata

    La ringrazio per l’informazione sulla pagina . Infatti i dati di contattodi Livesicilia in un mese sono 430.000, che diviso 30 fa 14.333. I dato dei lettori che avevo scritto prima sono dati ufficiali Audipress e sono anch’essi riferiti ai lettori quotidiani. Purtroppo non avete superato la Gazzetta del sud. Peccato perchè ci avevo sperato sinceramente. Grazie ancora

    Chiedo scusa a Livesicilia, ma la loro pagina mi ha tratto in inganno . Nella realtà il sito di google sostiene che i lettori unici (cioè i singoli pc che si collegano ogni giorno a livesicilia) sono in un mese 160.000. Ovviamente il numero di 430.000 è dato dagli stessi lettori che vanno più volte su Livesicilia. E quindi 160.000 diviso 30 fa 5333,3 periodico. Come dicevo prima, non è che sia importante, ma dato che qualcuno ha fatto la professorina…

    Oggi invece “Il Giornale” pubblica un pezzo sull’argomento, e citando “S”….

    @Romano, ma quello è il giornale dei Servi del Padrone! Come vedi invece i giornali con la schiena dritta, tipo Repubblica Palermo, stavolta non hanno pubblicato nessuna articolessa indignata.
    E’ certo che da questo caso si può capire cos’è la stampa del nostro paese, disposta a pubblicare solo quello che fa gioco al padrone di turno.
    Con l’aggravante dell’ipocrisia per certi giornali che hanno il coraggio di proclamarsi liberi.
    Penso che Live Sicilia ospitando molte voci renda un servizio migliore in confronto a questi qui, che citano o oscurano a seconda della convenienza di chi li paga.

    Io preferisco leggere Live Sicilia che le veline di giornali cartacei.
    Se poi penso che La Sicilia ha pubblicato la lettera di Santapaola e non ha voluto pubblicare il necrologio di Montana e che il Giornale di Sicilia è quello che è, buono per vedere che film fanno nei cinema e chi è morto il giorno prima…
    preferisco essere uno dei “pochi” (si fa per dire) che legge Live Sicilia.

    A tutta la redazione di I LIVE SICILIA: la verità è che siate rimasti in Sicilia l’unica voce di STAMPA LIBERA……….COMPLIMENTI!

    @Puglisi. Sarebbe così gentile da dirmi se lei ritiene se il commento di Mariele è offensivo ?? Per esempio la frase : “E’ certo che da questo caso si può capire cos’è la stampa del nostro paese, disposta a pubblicare solo quello che fa gioco al padrone di turno.”, e il riferimento a Repubblica nella riga precedente. Se l’avesse scritto a proposito di Livesicilia, lei che avrebbe fatto. La ringrazio
    in anticipo del riscontro che certamente fornirà. Ho sincera fiducia in lei e nella sua corretteza ed equilibrio di giudizio. Buona giornata

    Il meccanismo della pubblicità è consolidato nell’editoria. basta guardare quanto spazio avete dato ultimamente a cateno de luca dopo la pubblicità che ha fatto. su ogni sito internet ha più spazio di chiunque anche se spara cavolate!!!!!!!!!!!!!

    Caro Coordinatore,
    con riferimento al provocatore di turno, so di essere in contraddizione con quanto le scrissi qualche giorno fa ma non posso che dirle: “ogni limite ha una pazienza!”
    Non se ne può più.

    Su questo fatto della pubblicità politica sui giornali, qui a Catania si potrebbe fare un’enciclopedia.

    Tutti questi commenti sono ridicoli. Punto primo: perche’ Livesicilia ha necessiota’ di attaccare la carta stampata? Cosda c’entra Livesicilia con il Giornale di Sicilia o laRepubblica; perche’ fa le pulci? Che senso ha cercare di rincorrere un avversario che tale non e’, vista la diversita’ sia di contenuti sia d’utenza; è da piccini volersi accreditare al grande pubblico dei lettori attaccando la carta stampa, che pure ha miliardi di difetti. Punto secondo: ma chissenefrega del numero di contatti o di lettori; un articolo, un’inchiesta. un sito ben fatti si legittimano da soli. Tutti quanti rappresentate la sintesi di quanto vale oggi l’informazione… Saluti

    Live sicilia se ne deve fare una ragione che la Sicilia si sta smarcando dalla subcultura che Vanno Marchi e compagine governativa siciliana hanno alimentato per molti anni ed in cui cerca di sguazzarci la disinformazione anche informatica foraggiata dal marciume che giorno dopo giorno perde pezzi.
    Romano è alleato di Scilipoti,
    Russo è alleato dei cittadini siciliani onesti,
    Signori e Signore.

    Purtroppo non si può non notare la differenza di trattamento tra il commento di Mariele e quello di Sam in altro articolo. A parte il fatto che hanno entrambi superato il controllo del coordinatore, altrimenti non sarebbero stati pubblicati, ma a me sembrano molto simili nei contenuti.

    moderazione? ma dove vivete! ma riuuscite a vedere le cose o avete il cervello annebbiato dalle falsità? qui serve la rivoluzione del linguaggio, del pensiero, della politica: altro che moderazione

    bravi… censurate. siete tutti la stessa cosa

    Scusate ma è il caso di continuare a discutere con certo Massimo che spara c****te moraliste a senso unico sostenendo che la feccia sta tutta dall’altra perte? Direttore lo faccia non pubblichi le cose che offendono la libertà di espressione. Mi sono affacciato da poco a Live Sicilia, e nel panorama giornalistico locale – vivo ad alcamo- le notizie sono pubblicate a secondo della convenienza politica..o se dà fastidio.. non si pubblica, e condivido pienamente le scelte editoriali della redazione perchè sono assolutamente non condizionate da nulla, ed ognuno di noi può ..se vuole ..esprimere un proprio dissenso o condivisone alle notizie date. Un dato è certo, come ha scritto qualcuno, ..se fosse stato totò Cuffaro.. quali corazzate si sarebbero messe in moto e per ordine di quali pupari??? e che cosa avrebbero detto e scritto. La libertà di espressione è un bene che ancora ..molti non sanno apprezzare. Direttore continui ha la nostra solidarità.

    Qualcuno vuole un sito della serie “ce la cantiamo e ce la suoniamo da soli”. Capisco che dia fastidio sentire voci difformi, ma parafrasando un famoso fil, che tra l’altro casca a proposito: “è la democrazia bellezza, e tu non la puoi fermare”. Per qiuesto condivido la scelta di Livesicilia. L’importante è l’educazione ed il rispetto, anche per gli assenti e quelli che sono citati ma non partecipano al blog. Per questo il ruolo del coordinatore deve essere super partes e non bannare gli insulti che arrivano solo DA una parte o VERSO una parte. Guardi che non ho mai detto che la feccia sta solo da una parte, anzi !! Solo che accuse generiche, insulti o chiacchiere da bar senza costrutto andrebbero evitate. E proprio perchè non sono moralista dico che chiunque può sbagliare. Ben altra cosa è essere, ad esempio condannato per favoreggiamento della mafia. O lei non è d’accordo ?

    tutto ciò è aberrante. e’ aberrante che non accontentandovi più di contesare Russo, contestate i quotidiani che non lo contestano… Sembra quasi una barzelletta.
    Mi auguro di vedere pubblicato almeno questo mio commento. dato che ultimamente fate la cernita.

    Noi scriviamo soltanto che su certi quotidiani ci sono articoli di cronaca e pubblicità sullo stesso argomento. Parliamo di Sanità. E nessuno ha scritto dei rilievi dell’Autorità di vigilanza. A proposito di aberrazioni. Saluti.

    Siciliana ha ragione. C’è qualcosa di anomalo in certi comportamenti, qualcosa di eccessivo, di inspiegabile. C’è un livore, un accanimento, un continuo cercare pagliuzze o travi, poco importa, ma c’è un forte nervosismo attorno alla riforma della sanità. Che è poi quella per la quale si è dissolta la vecchia maggioranza Cuffaro-Miccichè-Lombardo-Schifani-Alfano, solo per citare i politici di riferimento. Questo dovrebbe fare riflettere sui motivi del contendere. Le domande che, stranamente, tutti i detrattori del governo regionale eludono sono le seguenti : la sanità doveva essere riformata ? La riforma attuale consente un risparmio rispetto agli sprechi del passato ? Credo che ai cittadini non interessi come va un bando di gara, ma certo interessa a chi “ha interessi” economici nella sanità. Ai cittadini interessa se si risparmia e se il servizio funziona. E’ questo che sto cercando di far capire, ma invece c’è chi sposta il dibattito sul gossip o su aspetti marginali, se non addirittura su questioni totalmente infondate. E’ veramente un peccato per LIvesicilia, che potrebbe essere un ottimo strumento di informazione e di dibattito, con tutto il rispetto per chi ci lavora e scrive

    Ma pubblicare articoli di cronaca e pubblicità sullo stesso argomento è qualcosa che LiveSicilia non ha MAI fatto? proprio mai ? Perchè IO RICORDO PAGINONI SU LIVESICILIA CON ARTICOLI DI CRONACA non più tardi di qualche mese fa. Allora il problema qual è, in un sistema non bello di suo, che c’è chi è rimasto senza pubblicità ?
    Alla faccia delle aberrazioni… Sarà MEMORIA SELETTIVA ?
    E’ stata mai fatta una gara per la pubblicità sui giornali ? E deve essere fatta con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa o della qualità ? PERCHE’ NON VI BATTETE PER UN PO’ DI TRASPARENZA IN QUESTA DIREZIONE ? Servirebbe a bonificare il sistema, a uniformare tariffe, a far sì che la stessa pagina non sia venduta a prezzi diversi a rami della stessa amministrazione ? CHI HA PAURA DEL TERREMOTO NELLE SPESE PER LA PUBBLICITà ?
    Live Sicilia è certamente capace di stare sul mercato: è seguita, è accattivante, è on line, è su carta… SIATE PROVOCATORI COSTRUTTIVI !

    La pregherei di essere più specifica e di citare casi concreti, così ci confrontiamo sulla realtà non sui suoi ricordi indistinti. La cosa grave, oltretutto, è la pubblicazione selettiva. Perché nessuno ha scritto dei rilievi dell’autorità che sono importanti? Saluti

    @massimo,
    ai cittadini interessa certo un servizio sanitario che funziona,e purtroppo siamo ancora lontani.

    Ma interessa sapere pure se qualcuno fa la “cresta” sulla spesa, e come vanno le procedure degli acquisti.Se qualcuno si arricchisce o ci specula per interesssi personali che contrastano con gli interessi della collettività.
    Grazie per l’attenzione e per il dare voce ai cittadini.

    I cittadini, però, non sono “sudditi distratti”!

    Io non conservo i numeri di LiveSicilia ma devo dare ragione a chi si pone dei dubbi sul fatto che la VOSTRA MEMORIA E’ SELETTIVA: nel periodo in cui l’assessore ai Beni Culturali era Gaetano Armao uscirono pagine e pagine di pubblicità e interviste (e non fu l’unico caso).
    se il caso è concreto, visto lo sforzo di memoria, magari speriamo lo sia pure la risposta… PERCHE’ NON PUBBLICATE QUANTO AVETE PRESO DALLA REGIONE E DAI SINGOLI ASSESSORI DA QUANDO USCITE e magari si scopre che CON IL GOVERNO CUFFARO LE COSE VI ANDAVANO MEGLIO.
    NON E’ CHE AVETE PAURA DI FARLO PERCHè SI SCOPRE CHE questo assessore alla sanità tagliando gli sprechi ha tagliato pure sulla comunicazione e non avendo avuto una lira è per questo che siete così attenti… (Naturalmente sarebbe interessante leggere anche quanto hanno preso gli altri giornali e da chi)

    Noi di Livesicilia siamo giovani. Non abbiamo avuto il tempo di prendere soldi. Su Armao sono stati pubblicati soprattutto degli articoli di critica che può trovare quando vuole. Il problema non è la pubblicità in sé. Ma quando la pubblicità addolcisce la tastiera. Ora, l’assessore Armao fa parte di un governo su cui siamo stati e siamo fortemente critici. Rilegga i pezzi su Bilancio e Finanziaria di Giulio Ambrosetti, poi giudichi con più elementi a disposizione. Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.