Vittorio Emanuele, ematologo |condannato per violenza sessuale - Live Sicilia

Vittorio Emanuele, ematologo |condannato per violenza sessuale

Alfio La Ferla, ematologo di uno dei più importanti ospedali catanesi, è stato condannato a sei anni di carcere con l'accusa di violenza sessuale. Avrebbe eseguito particolari ispezioni vaginali e rettali a giovani donne durante i controlli medici. A segnalare il caso alla procura la stessa Azienda sanitaria.

SCANDALO
di
9 Commenti Condividi

Alfio La Ferla

CATANIA – Una triste pagina della sanità catanese. Un medico che approffita del suo ruolo per trarre un piacere sessuale: Alfio La Ferla, ematologo dell’Ospedale VIttorio Emanuele, avrebbe eseguito esplorazioni vaginali e rettali a giovani e avvenenti ragazze durante i controlli medici.

Con questa accusa la procura di Catania, un paio d’anni fa, aveva chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio per lo specialista. Oggi pomeriggio è arrivata la sentenza della sezione penale del tribunale di Catania: sei anni di reclusione per violenza sessuale e il pagamento di un risarcimento danni di 10 mila euro a ciascuno delle quattro parti civili che si sono costituite: tra queste anche l’Azienda ospedaliera. L’accusa rappresentata dal procuratore aggiunto Marisa Scavo e il sostituto Antonella Barrera aveva chiesto la condanna a otto anni.

“L’inchiesta – racconta Marisa Scavo a LiveSiciliaCatania – era stata avviata dopo una segnalazione da parte dei vertici dell’Ospedale Vittorio Emanuele che aveva ricevuto diverse lamentele da alcune pazienti malate di celiachia che erano stato visitate da La Ferla. I manager avevano disposto anche un’indagine interna – continua il procuratore – per accertare la veridicità delle dichiarazioni”.

Una volta aperta l’inchiesta il magistrato ha iniziato a parlare con le varie pazienti che avevano manifestato questo “particolare” comportamento. “Ho potuto appurare – racconta Marisa Scavo – che si trattava di donne tutte giovani e particolarmente belle e si rivolgevano all’ematologo in quanto affette da celiachia. La visita si svolgeva secondo un preciso modus operandi: le pazienti erano accompagnate nell’ambulatorio, La Ferla invitava i familiari a lasciarli da soli e una volta chiusa la porta iniziava la visita, che prevedeva, appunto – aggiunge il magistrato – le esplorazione molto accurate nelle parti intime”. Come motivava questi particolari controlli? “Diceva alle pazienti che doveva controllare se sentivano dolore in queste parti del corpo”. E la risposta di Marisa Scavo.

A quel punto l’indagine si è allargata e il magistrato ha voluto sentire anche gli uomini e gli anziani che erano visitati dall’ematologo per accertare se erano accertamenti di prassi: nessuno di questi, però, aveva ricevuto da La Ferla controlli medici così “approfonditi”. Da questa l’ipotesi che la particolare procedura era riservata solo a una certa tipologia di paziente.

“Ci tengo a precisare – evidenzia il procuratore aggiunto – che questa condanna arriva grazie alla segnalazione della stessa Azienda Ospedaliera che si è costituita parte civile nel procedimento. A dimostrazione – aggiunge Marisa Scavo – che gli stessi manager hanno voluto con forza fare giustizia e tutelare le pazienti coinvolte”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Questo si è scoperto perchè qualcuno ha denunciato….sapeste lo schifo che c’è in certi consultori……

    Ma siamo certi che dietro la denuncia di costituzione di parte civile dell’Azienda non ci siano motivi meno nobili? Dal momento che situazioni siffatte, vere o false , se ne verificano sicuramente non poche, sarebbe interessante sapere la percentuale di frequenza di COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE DI UNA AZIENDA SANITARIA QUALE QUELLA DEL VITTORIO EMANUELE. Porcherie di tutti i generi nevengono segnalate in un Ospedale così grande ma non risulta evidenza pubblica di provvedimenti e correttivi.

    marcella, se lei è al corrente di fatti scabrosi che succedono nei consultori perchè, per l’appunto, non li denuncia pubblicamente? non è una polemica, sia chiaro

    invece di schifarti perchè non denunci?

    il problema è che questo medico, anche dopo la condanna, è regolarmente in servizio

    Non credo che i più grandi clinici della terra, esperti di celiachia, facciano un esame obiettivo così ‘dettagliato’. E poi, fatemi capire: che cosa c’entra l’ematologo con la celiachia che viene curata dal gastroenterologo essendo l’anemia da carenza di ferro solo un aspetto della malattia ?

    Presunzione d’innocenza sino a condanna definitiva

    basta appunto conoscere due parole d’inglese per leggere nel link da te segnalato che l’esame rettale (e si badi bene, mai vaginale come invece il La Ferla avrebbe anche “effettuato”) consiste esattamente in una biopsia rettale. E, francamente, non credo che una biopsia del genere sia competenza di un ematologo. Cinzia, perché lo difendi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.