Scuola, assistenza ai disabili | Dalla Regione nuovi fondi - Live Sicilia

Scuola, assistenza ai disabili | Dalla Regione nuovi fondi

L'assessore Ippolito ha chiesto alla giunta regionale di stanziare altri 6,4 milioni di euro.

I SERVIZI
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – L’assessore regionale delle Politiche sociali Mariella Ippolito ha reperito altri 6,4 milioni di euro per “dare un ulteriore contributo alle Città metropolitane e ai Liberi consorzi di comuni per l’assistenza igienico-sanitaria, il trasporto, l’assistenza alla comunicazione e gli altri servizi agli alunni delle scuole”. Del tema si era occupata anche la trasmissione Le Iene. L’assessore ha proposto il reperimento di risorse aggiuntive ai 25,5 milioni già erogati dalla Giunta regionale che ha provveduto con altri 6,4 milioni.

“Sarà così possibile evitare l’interruzione di un servizio indispensabile per gli alunni portatori di disabilità – ha detto – finalizzato a garantire il diritto all’istruzione. In particolare, l’impegno delle somme è stato già effettuato e lunedì 19, dopo la registrazione della Ragioneria, saranno liquidate per prime le somme richieste dal Libero Consorzio di Caltanissetta, che aveva già comunicato le maggiori difficoltà economiche”.

L’assessore ha comunicato che con le ulteriori risorse si raggiungerà una erogazione complessiva di circa 32 milioni coprendo al 97% il totale del fabbisogno comunicato dagli enti. “Le ulteriori risorse – ha concluso – dimostrano ancora una volta la grande attenzione del governo regionale sul tema della disabilità e si aggiungono alle ingenti somme già poste a disposizione per le persone portatrici di disabilità, allo scopo di assicurare il massimo del benessere di vita possibile”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *