Sei leghista, confessalo! | Parte la caccia agli "alieni" - Live Sicilia

Sei leghista, confessalo! | Parte la caccia agli “alieni”

La polemica sui social. Ecco cosa succede.

Manovra a Tinaglia
di
12 Commenti Condividi

Ho seguito con vivo interesse l’effervescente dibattito che si è sviluppato sui social, a proposito dei recenti risultati elettorali. Mi hanno incuriosito le posizione di coloro che, evidentemente insoddisfatti dell’esito, hanno pubblicamente chiesto, a chi aveva votato per la Lega, di “eliminarsi” dalla lista dei contatti.

Per carità, ciascuno è libero, anche su FB, di selezionare i propri “amici”. Però mi sono domandato per quale motivo chiedere l’autoeliminazione, quando sarebbe molto più semplice eliminarseli da sé.

Guardate, le statistiche dicono che in Italia il numero degli omicidi è in calo. Sono convinto che questo dipenda molto dal meccanismo dell’eliminazione virtuale, perché riesce a canalizzare in modo non sanguinario, la violenza che alberga dentro ciascuno di noi. Eliminare, “bannare”, una persona, equivale a farla sparire dal nostro orizzonte esistenziale. Io non l’ho mai fatto., non ne ho avuto occasione. Ma deve essere fantastico.

La sola risposta plausibile che mi sono dato, è che i titolari delle bacheche non riescono ad individuare, tra i loro virtuali amici, gli elettori leghisti. Chissà, forse nel momento in cui si è stabilito il primo contatto, secondo il tipico schema richiesta/accettazione di amicizia, erano convinti di potere cogliere, magari già dalla foto del profilo, tratti fisici distintivi dell’elettore leghista. Tipo, le orecchie a punta, o il naso a proboscide ed un viso ammantato da una verde fluorescenza.

Invece no. I risultati elettorali devono averli risvegliati da una sorta di inconsapevole suggestione lombrosiana, tanto da essere lambiti dal sospetto, o dalla certezza, che anche tra i loro contatti si fossero mimetizzati elettori leghisti non riconoscibili. Naturalmente mi riferisco a quelli che non manifestano i loro orientamenti, e si limitano a pubblicare foto dei loro pelosi, panorami mozzafiato o piatti di pasta con sarde.

Elettori leghisti. Carne e sangue, idee ed opinioni. Esattamente come loro. Difficile, impossibile censirli uno per uno, ed individuarli. Da qui, la richiesta di una confessione spontanea da declinare con un click. Curioso, no? Spero che siano riusciti a risolvere il loro problema. Il punto è che,, oltre FB, c’è la vita reale. Chissà come faranno lì. Già me li immagino. Uscire da casa ogni giorno, e guardare con aria investigativa o finto indifferente tutti coloro che incontrano e che fanno parte della loro quotidianità, il portiere dello stabile, l’edicolante, il fruttivendolo, il collega di lavoro, alla ricerca di un segno distintivo che possa disvelare, oltre ad ogni apparente sembianza umana, la loro reale dimensione di elettore della Lega. Perché è così. Deve essere per forza così. La terra è piatta. E gli alieni sono tra noi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Non voto Salvini ma condivido la sua linea sulla gestione dell’immigrazione.

    Se il tuo paese e il suo futuro ti interessano e la lega di salvini si arricchisce di persone di spessore che possono con le loro capacità dare una speranza all’ Italia… si pensi a borghi. Bagnai
    Foa…. Rinaldi… perché non votarlo? Qui non è più un problema tra sud e nord comunisti e fascisti. Qua e in atto una lotta mondiale tra turbocapitalismo e popolo. Una lotta di classe che solo Gramsci e Marx avevano previsto. Complimenti a salvini.

    E’ molto facile individuare leghisti ( e grillini: in pratica sono la stessa cosa ) sui social: lo sono tutti quelli che ti hanno chiesto l’amicizia due mesi prima delle elezioni. Tu hai accettato perchè si trattava di gente che conoscevi, ma non vedevi e sentivi da anni, e loro, subito dopo, hanno cominciato ad inondarti di link che rimandavano a famosi siti di fake-news

    Salvini non mi preoccupa. Mi preoccupano i fascisti che gli vanno appresso, sempre più numerosi.

    Meravigliosa lotta di classe! Ah Salvini come Gramsci, e addirittura come Marx! LE HO LETTE TUTTE!! IMBARAZZANTE L’IGNORANZA GALOPPANTE! Salvini e Gramsci messi l’uno accanto all’altro nella stessa frase è il piu grande ossimoro della storia linguistica italiana!

    Conn tutto il rispetto, ma gramsci avrebbe più facilmente votato salvini (che io non voto) piuttosto che zingaretti e calenda.

    Bhè, se la Lega continua a crescere a dismisura nei sondaggi e se questi paladini della democrazia autoreferenziale continuano a tagliare tutti quelli che ritengono leghisti, tra qualche giorno resteranno senza nemmeno 1 iscritto… E la cosa sta diventando più che probabile…

    Certo che i siciliani che li hanno votati ci dovrebbero un poco riflettere.
    Tra non molto ne avranno l’opportunità, appena approveranno la alutonomia differenziata. Ma già sarà tardi!

    forse non ho espresso bene il concetto. ti chiedo scusa. Salvini e Grillo non sono Gramsci o Marx, hanno intercettato il malcontento popolare conseguente ad una deriva economica figlia di un capitalismo e del neoliberismo che si è affermato negli ultimi 30 anni, anche attraverso la attuazione del progetto UE. Non ti sfugge il fatto che in questi 30 anni tutta una serie di tappe politico-economiche tendono a chiedere agli stati una progressiva perdita della propria sovranità e democrazia in cambio di una “serenità” che di fatto non esiste. Ad oggi questo processo ha favorito banche e multinazionali che ci impoveriscono, concentrando soldi e dunque potere nella mani di pochi: è una lotta di classe, tra pochissimi straricchi al mondo che vogliono controllare la stragrande maggioranza di poveri o simil-poveri, azzerando la stratificazione delle classi sociali, la scala sociale, manipolando media e governi a favore di questo progetto su scala mondiale. Non è complottismo, è un dato di fatto. Non ti chiedo di credermi se pensi che io sia ignorante, ti chiedo di documentarti anche attraverso altri canali. M5s e Lega hanno intercettato i favori del popolo, sono il meno peggio che potesse capitare all’Italia, considerato che i precedenti partiti si sono chinati alla logica della finanza mondiale favorendo politiche di dismissione delle proprietà dello stato, compreso anche di parte della sua democrazia, impossessandosi del cosiddetto “debito pubbico”. Non ti chiedo di credermi, ti chiedo di documentarti. Da una mia semplice risposta potrei non essere chiaro.

    Ma c’è caccia e caccia. E per intanto, sono altri i corni che risuonano nella selva italica. Ammorbandola. Anche se le acque in cui ha nuotato in questi anni il Csm, quasi certamente, da molto tempo, avevano perso la loro limpidezza. Del resto, se non fossero state già da lustri cosi torbide e limacciose, non sarebbe stato possibile ai Davigo di turno di diventare i “dottor sottili” della situazione. Come da qualche parte si legge. Non solo. Senza la complicità della sinistra tutta, e della sua cosiddetta intellighenzia, sempre in servizio permanente effettivo, a strombettare dalle pagine ideologiche della stampa solidale, sarebbe stato impossibile trasformare un’istituzione alta come il Csm in una cupola del malaffare. Tacere, adesso, allora è d’obbligo. Per tutta la filiera. Tuttavia, l’inquilino del Quirinale, anche per salvare il salvabile ed evitare che anche lui, il primo cittadino d’Italia, venga inesorabilmente travolto da questa frana mafiotica (come chiamarla altrimenti?), le parole, per forza di cose, le dovrà trovare. Rompendo la consegna del silenzio. Ed è la stessa Costituzione (Art. 66) ad indicargli la via. Se non ora quando, infatti, inviare un messaggio alle Camere? Che di ‘alieni’ lo Stivale è pieno.

    Da non elettore della Lega dico: Non sarà il caso del Sig. Tinaglia ma non credo chi abbia votato x lo stesso sindaco x molti anni possa criticare chi vota il segretario della Lega Nord in Sicilia.

    Palermitani votate Salvini se desiderate come avete fatto fin adesso, lasciate stare chi vi dice di non farlo dicendo che i Leghisti insultarono x molti anni il Sud sono solo scusanti, chi vi dice di non votarlo sono gli stessi che votarono lo stesso sindaco dal 1993, questo spiega tutto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.