Si stacca il portellone: proteste sul traghetto per Lampedusa

Si stacca il portellone | Proteste sul traghetto

La Caronte&Tourist: "Situazione sotto controllo. Passeggeri riprotetti".
PARTITO DA LAMPEDUSA
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Il portellone di poppa del traghetto di linea “Sansovino” della Caronte&Tourist, partito da Lampedusa e diretto a Porto Empedocle, s’è staccato ed è finito in mare durante l’ormeggio nel porto di Linosa. A Bordo ci sono circa 150 passeggeri e 80 migranti trasferiti dall’hotspot di Lampedusa. Secondo quanto riferiscono alcuni testimoni sull’isola, erano state completate le operazioni di carico e imbarco a Linosa quando i cavi del portellone si sono spezzati ed è rimasto ancorato alle sole catene finendo in mare. Si registrano tensioni: i passeggeri protestano per il ritardo e perchè non sanno se torneranno a Porto Empedocle con la stessa nave o sarà necessario un trasbordo. “La situazione è sotto controllo – spiegano dalla Caronte&Tourist – Si è spezzato un cavo che reggeva il portellone. Entro un’ora sapremo se il guasto sarà riparato o manderemo una nuova nave per proseguire il viaggio di ritorno”.

L’azienda: “Passeggeri riprotetti”

“Durante le operazioni di disormeggio e chiusura, a causa della rottura di un cavo d’acciaio il portellone centrale della nave “Sansovino” ha ceduto sganciandosi dai supporti. La nave è rimasta in rada a Linosa in attesa dell’autorizzazione delle competenti autorità per poter effettuare il viaggio di trasferimento e avviare i necessari lavori di riparazione una volta giunta a Porto Empedocle”. E’ quanto fa sapere la Caronte&Tourist. “Caronte & Tourist sta provvedendo a riproteggere i 347 passeggeri a bordo. In particolare, 147 migranti con relativa scorta saranno imbarcati sulla motonave ‘Cossyra’ e 200 sull’aliscafo ‘Ettore’ di Liberty Lines – si legge in una nota – C&T sta inoltre valutando diverse opzioni per garantire – nei prossimi giorni – il passaggio sui propri mezzi ai passeggeri che avevano già prenotato, prevedendosi per la ‘Sansovino’ lavori di riparazione di una certa importanza e dunque una fermata in cantiere non brevissima”. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    E meno male che ancora galleggia. Dite a Conte di fornirvi una nave nuova perchè gli immigrati debbono viaggiare in sicurezza.Con i soldi che debbono arrivare?????dall’Europa può fare questo e altro.

    Benissimo: per i passeggeri italiani le bagnarole per i migranti le super navi veloci. Prosita!!

    stavo scrivendo lo stesso ma mi hai anticipato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.