Sicilia, allerta incendi e ondate di calore - Live Sicilia

Sicilia, allerta incendi e ondate di calore in cinque province

La protezione civile regionale lancia l'allarme
METEO
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – La protezione civile siciliana ha diffuso un avviso per rischio incendi e ondate di calore per la giornata di oggi in tutta la regione. Massima allerta in cinque province, con livello di attenzione ‘alto’: Palermo, Enna, Catania, Siracusa e Ragusa.

“Il robusto anticiclone di origine nord-africana presente sul Mediterraneo centrale, indurrà un ulteriore aumento delle temperature che registreranno valori massimi elevati o molto elevati, specie al Centro-Sud – si legge -. La ventilazione, seppur di debole o moderata intensità, si disporrà dai quadranti meridionali, con locali rinforzi sulle due Isole maggiori e lungo i settori costieri centro-settentrionali”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Lettera aperta inviata da un gruppo di cittadini palermitani a Ministero della Salute, Protezione Civile

    “Siamo un gruppo di cittadini palermitani, segnaliamo il clamoroso errore del bollettino ondate di calore del Ministero della Salute e della Protezione civile in particolare nella giornata di mercoledì 29 giugno, quando il bollettino prevede allerta rossa e temperatura massima di 37 gradi a Palermo: invece basta vedere qualunque sito meteo e nessuno prevede 37 gradi su Palermo. Gran parte dei siti meteo prevede per il 29 giugno a Palermo minima di 23 gradi e massima di 29 gradi, i più pessimisti prevedono una massima di 33 gradi, nessuno prevede 37 gradi.
    Peraltro tutti concordano che i venti soffieranno da est e da nord est, quindi dal mare ancora fresco e le brezze marine mitigheranno il clima.
    Pertanto chiediamo la revoca di allerta rossa su Palermo per il 29 giugno ma anche per il 28 giugno. rinnoviamo la nostra civile protesta contro le continue allerte ondate di calore che danneggiano la psiche dei palermitani, scatenano angoscia e panico, distolgono i cittadini dall’andare a ristoranti, bar, teatri, negozi, quindi di fatto danneggiano l’economia e il turismo già affossati da 2 anni e mezzo di pandemia.
    Le persone sono arrabbiate e indignate.
    L’economia è in ginocchio, non affossiamola ancora di più con continue allerte ondate di calore. Di caldo non muore nessuno, di fame invece muore tanta gente. E le continue allerte caldo impediscono all’economia e al turismo di risollevarsi, favorendo altre zone del mondo e penalizzando ulteriormente la Sicilia.
    Inoltre operatori turistici, economici e commerciali di Palermo stanno meditando class action e richieste di risarcimento danni contro le allerte caldo, che danneggiano le loro attività economiche e il turismo.
    cordiali saluti”

    Mercoledì 29 giugno sarà una giornata gradevole su Palermo, Protezione Civile e Ministero della Salute revochino l’allerta rossa, lo chiedono a gran voce i cittadini
    .
    Meteogiuliacci prevede su Palermo minima di 22 gradi e massima di 28 gradi.
    Meteo.it prevede su Palermo minima di 24 gradi massima di 30 gradi.
    3bmeteo prevede su Palermo minima di 23 gradi massima di 29 gradi.
    meteogiornale prevede su Palermo minima di 23 gradi, massima di 30 gradi.
    accuweather prevede a Palermo minima di 23 gradi massima di 30 gradi.

    Nessuno prevede 37 gradi.
    Non si capisce dunque sulla base di quali previsioni la Protezione Civile e il Ministero della Salute abbiano disposto per il 29 giugno l’allerta rossa caldo su Palermo.
    La revoca è obbligata allla luce di tutte le previsioni dei siti meteo e dei modelli meteo.

    Fuochi d’artificio, terreni abbandonati, scarsa vigilanza dei territori. Amministrare un paese significa dare risposte, no sfilate nelle manifestazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.