Siracusa, svanisce l'Eccellenza| Si ritira anche Cristauro - Live Sicilia

Siracusa, svanisce l’Eccellenza| Si ritira anche Cristauro

Siracusa non avrà una squadra di calcio nella prossima stagione. Dopo la Prima Divisione e la serie D è infatti svanita anche l'occasione d'iscrivere la società nel campionato di Eccellenza. L'imprenditore catanese Giuseppe Cristauro abbandona dunque il suo progetto: "La politica ha fatto promesse che non ha mantenuto".

ADDIO AL CALCIO
di
3 Commenti Condividi

L’ultima speranza diventa incubo. La città di Siracusa non avrà una squadra di calcio nella prossima stagione. I colori azzurri, dai fasti dei play off per accedere alla serie B nel maggio scorso, si sono visti prima esclusi dalla Lega Pro, a causa dell’ormai famosa fideiussione da 600 mila euro non presentata dall’ex presidente Salvoldi, poi dalla serie D, cercata ma mai voluta sul serio dalla politica locale, fino a giungere all’ultimo triste capitolo rappresentato dall’Eccellenza.

Proprio nel campionato regionale, gli aretusei si auguravano di ripartire valorizzando il settore giovanile a disposizione e magari mantenendo qualche importante pedina dell’ultimo esaltante torneo di Lega Pro. Niente di più lontano dalla realtà. Giuseppe Cristauro, vicepresidente dell’Enzo Grazzo ed ultimo impreditore che avrebbe potuto far rinascere qualcosa dalle macerie, ha gettato la spugna. L’accusa del dirigente catanese, con un passato nei quadri societari di altre società siracusane (Avola, Pachino e giovanili Siracusa), si concentra maggiormente nei confronti dei politici, con in primis il sindaco Visentin, che non avrebbero mantenuto le promesse fatte.

Per iscrivere la squadra sarebbero bastati 110 mila euro, il resto sarebbe venuto da se. Città e tifosi, evidentemente troppo scottati da un’estate piena di delusioni, hanno invece deciso di staccare la spina.  Alle porte si profila dunque un anno sabatico per riflettere e programmare qualcosa di sano e serio. La prima squadra cittadina diventa dunque quell’Enzo Grasso in mano proprio a Cristauro, chissà che in futuro non cambi nome per dare nuovamente lustro al defunto Siracusa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Visentin deve andare a casa, è un sindaco invisibile, cosa ha fatto per Siracusa? Niente. A casa.
    Siracusa è nei uai seri, non solo per la società di calcio che è lo specchio attuale di una città in piena emergenza.
    Qui la situazione è serissima, non seria ma serissima. Con un simile tragico quadro generale tutti i politici inutili, a partire dal sindaco, devono essere sbattuti fuori a calci ed essere sostituiti con altri più efficienti.
    Qui o si ci mette in azione o non oso nemmeno immaginare cosa succederà.
    Per il calcio mi dispiace molto, il Siracusa calcio meritava molta più attenzione di quella che ha avuto, ma a partire dai nostri politici e per finire ai nostri imprenditori non hanno voluto far quel che dovevano fare per salvarlo.
    Ed oggi questo è il risultato, niente calcio a Siracusa. Altra tragedia che si unisce alle altre… Qualcuni riuscirà a salvare le sorti di questa città?
    Speriamo vivamente di si.

    Purtroppo è proprio così,il Siracusa Calcio è naufragato così come è naufragata la città di Siracusa.
    Dai fasti di un tempo,calcistici e no,siamo arrivati ad arrabbattarci nella speranza che un imprenditore, non siracusano e da quello che mi pare senza neanche un progetto concreto per far ripartire il calcio aretuseo,possa “onorarci” della sua presidenza.
    E noi che speravamo di andare in serie B ma come? senza uno stadio decente,senza una programmazione decente e senza neanche una dirigenza decente che voleva trovare 600 mila euro in una settimana ma che durante l’anno non riusciva apagare gli stipendi.
    E poi che dire della classe politica? Giustamente dovremmo prenderli a calci,ma con chi sostituirli se i siracusani migliori,ovvero quelli con competenze,sono stati costretti ad andare via da una città che ormai si sta spegnendo?

    ci si preoccupa del calcio ? ok è una ribalta per la città,ma vi rendete conto dello stato di abbandono e incuria di Siracusa? è uno schifo ! forse chi ci vive si è abituato, ma chi ci viene durante l’anno si rende conto del disastro .Siracusa vive perchè la storia ci ha donato un gioiello purtroppo in mano ai porci!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.