Stipendi per 7 anni senza lavorare | Prof di religione condannata - Live Sicilia

Stipendi per 7 anni senza lavorare | Prof di religione condannata

Il suo contratto a tempo determinato era scaduto nel 2004, ma fino al 2011 incassò 143 mila euro.

3 Commenti Condividi

PALERMO – Il cervellone elettronico che accreditava gli stipendi l’aveva inserita fra i professori di ruolo. Ed invece l’insegnante di religione aveva un contratto a tempo determinato. Risultato: Francesca Calandra ha incassato per sette anni lo stipendio senza andare al lavoro e per un totale di 143 mila euro. La prof è stata condannata per truffa a due anni mezzo di carcere.

La vicenda emerge nel 2011, quando Calandra ottiene la cattedra a Grosseto. Solo allora si scopre dell’errore nel data base del “Centro elaborazioni servizi sistema informatico integrato di Latina”. L’insegnante di Partinico su indicazione della Curia arcivescovile aveva lavorato nel 2004 negli istituti Don Calogero Di Vincenti di Bisacquino e Don Giovanni Colletto di Corleone. Scaduti i contratti, lo stipendio le fu accreditato fino a giugno 2011. Fu lei stessa, una volta emerso l’inghippo, ad autodenunciarsi.

Solo che contestualmente trasferì le somme su un altro conto corrente subito estinto. I finanzieri, però, su richiesta del pubblico ministero Sergio Demontis, oggi procuratore aggiunto, le sequestrarono i beni che ora sono stati confiscati su ordine del Tribunale che l’ha condannata per truffa aggravata. La difesa basata sulla “buona fede” non ha fatto breccia nel giudice. E neppure la tesi che non potesse restituire il denaro in quanto disoccupata.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    C’è qualcosa che non mi quadra: se è stata lei stessa ad autodenunciare il fatto, dov’è la truffa aggravata?

    L’unico paese al mondo in cui lo stato paga insegnanti di una sola religione, per altro scelti scelti da un altro stato (vaticano) senza un concorso pubblico, sottraendo risorse alla scuola che per la Costituzione e per definizione è laica. Per questa simpatica usanza siamo stati molto criticati dall’Europa.

    Mi scuso, ma non riesco a tratternermi: meno male che in-se-gna-va (cioè educava) e che insegnava Religione Cattolica!
    E se avesse insegnato Economia A-zien-da-le…?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *