"Strangolò la moglie in casa"| Condannato a 30 anni - Live Sicilia

“Strangolò la moglie in casa”| Condannato a 30 anni

Stavano per divorziare. Il massimo della pena prevista con il rito abbreviato

0 Commenti Condividi

PALERMO – Quando i poliziotti, nell’aprile 2019, arrivarono nell’appartamento di via Antonino Pecoraro Lombardo c’era una coperta sul cadavere di Elvira Bruno. Un gesto, quello del marito, Moncef Naili, che l’aveva strangolata, non nuovo nei casi di femminicidio. Un gesto di accudimento post mortem. Materia di studio degli psichiatri. L’uomo è stato condannato a trent’anni di carcere. Il massimo della pena prevista con il rito abbreviato.

Il tunisino, cuoco di professione, 52 anni, aveva confessato il delitto. Parlò di un raptus, uno scatto di ira provocato dal gesto della moglie. Si era avvicinato per accarezzarla, forse cercava un approccio sessuale, e lei lo aveva graffiato.

Non andavano più d’accordo. Lei, di un anno più grande, le aveva chiesto il divorzio e lui, anche se non di buon grado, si era detto disponibile. Le pratiche legali erano state avviate. Gli investigatori, coordinati dal procuratore aggiunto Annamaria Picozzi e dal sostituto Federica La Chioma, ricostruirono la rabbia che covava nell’uomo, il quale rimproverava alla moglie di essere cambiata. Un cambiamento che imputava alla scelta della donna di lavorare – faceva la badante – per rendersi autonoma e libera. “Vorrei essere morto io”, disse Moncef Naili nel corso dell’interrogatorio.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *