Tasi, il Consiglio vara le aliquote| Si paga a ottobre e a dicembre - Live Sicilia

Tasi, il Consiglio vara le aliquote| Si paga a ottobre e a dicembre

Le rendite catastali fino a 300 euro godranno dell'azzeramento, previste agevolazioni anche per i figli minorenni e i disabili. Acconto il 16 ottobre e saldo a dicembre, ma a casa non arriverà alcun bollettino. La maggioranza orlandiana batte l'ostruzionismo del centrosinistra grazie all'asse con Forza Italia.

Comune di Palermo
di
99 Commenti Condividi

PALERMO – Aliquota al 2,89 per mille, detrazioni per oltre 36mila famiglie e un asse orlandiani-centrodestra che mette fuori gioco l’ostruzionismo di Pd e Idv. La Tasi arriva anche a Palermo, dove il consiglio comunale ha approvato le tariffe alle sette del mattino, dopo una maratona di 12 ore, con alcune importanti novità specialmente per i proprietari di case con una rendita catastale fino a 300 euro (circa 33mila) per i quali scatterà una detrazione pari a 100 euro che equivale nei fatti all’azzeramento.

La nuova tassa sui servizi indivisibili porterà nelle casse del Comune circa 16 milioni di euro, ma rispetto alla proposta della giunta variano le fasce di popolazione su cui peserà l’imposta. Un sub-emendamento firmato congiuntamente da Forza Italia e Mov139, primo firmatario il capogruppo azzurro Giulio Tantillo, prevede infatti una detrazione di 100 euro per le rendite catastali che vanno fino a 300 euro (circa 36mila), una detrazione di 50 euro per le rendite da 301 a 400 euro (circa 31mila) e 20 euro per figli minorenni, figli disabili, minori in affido familiare e ultrasettantenni. A conti fatti, per le rendite da 0 a 200 euro l’azzeramento è scontato; da 200 a 300 dipende se il proprietario è ultrasettantenne o se ha figli minorenni o disabili a carico, altrimenti l’importo sarà comunque minimo. Salta la detrazione fissa di 50 euro per tutti. Il risultato, ovviamente, è che il carico dell’imposta graverà tutta su chi ha le rendite catastali maggiori (circa 50mila persone), anche se sono esentate le case signorili e le ville su cui già si paga l’Imu, oltre a costruzioni rurali e industriali.

La Tasi si verserà in due rate: acconto entro il 16 ottobre e saldo entro il 16 dicembre, ma non arriverà a casa alcun bollettino visto che, come per l’Imu, si tratta di un tributo in auto-liquidazione. Il calcolo è semplice: si considera la rendita catastale maggiorata del 5%, si moltiplica per 160 (coefficiente per le case), poi si divide per mille e si moltiplica ancora per 2,89 applicando eventuali detrazioni. Non paga nulla l’affittuario, visto che la tassa peserà solo sulle prime case. Se l’atto non fosse stato approvato entro la mezzanotte di oggi, sarebbe scattata in automatico l’aliquota all’1 per mille e l’acconto con pagamento tutto a dicembre.

L’aliquota è inferiore a quella applicata a Torino, Firenze, Messina e Catania, ma superiore alle altre città siciliane. I servizi indivisibili graveranno per 110 milioni e saranno così suddivisi: illuminazione pubblica 11 milioni, pubblica sicurezza 41, cimiteri 1,9, manutenzione strade e verde 14,7, servizi socio-assistenziali 30,4, protezione civile 0,9 e tutela degli edifici comunali 4,4.

E adesso andiamo al dato politico. La maratona d’Aula premia indubbiamente la maggioranza orlandiana, che riesce a portare a casa il risultato concedendo pochissimo: il gettito resta invariato, l’approvazione è arrivata in tempi relativamente brevi rispetto al previsto e il gruppo del Mov139 ha tenuto (a parte l’astensione di Nadia Spallitta) nonostante il sindaco non sia più venuto a Sala delle Lapidi. Esce vittorioso anche il centrodestra che, pur non votando l’atto, firma il sub-emendamento che riconosce le detrazioni per le famiglie meno abbienti o più in difficoltà e si conferma interlocutore privilegiato (e indispensabile) per gli uomini di Orlando, disinnescando l’ostruzionismo di Pd (soprattutto renziano) e Idv. Sconfitta invece per il centrosinistra, che aveva presentato 5mila emendamenti e provato a fare muro contro muro fino alla fine per raggiungere l’azzeramento: gli emendamenti facevano infatti tutti riferimento a una tabella che è stata soppressa con il primo emendamento (presentato da Tony Sala del Mov139), il che ha fatto decadere tutti gli altri in automatico, e con un sub-emendamento trasversale a firma Tantillo, Milazzo, Mineo, La Commare e Veronese la tabella è stata sostituita con una nuova. Il Pd può consolarsi con la sua prima vera prova d’Aula costringendo la maggioranza a ricorrere a un escamotage per spuntarla, anche se è il centrodestra oggi a esultare.

“Ancora una volta – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – esprimo il mio apprezzamento per l’ottimo lavoro del Consiglio Comunale che ha approvato la Tasi, imposta stabilita dal Governo nazionale e resa necessaria dai tagli ai trasferimenti ai Comuni. Il Consiglio comunale ha confermato l’impostazione dell’assessore Luciano Abbonato e degli uffici competenti fatta propria dalla Giunta e ha ulteriormente definito e migliorato le già previste agevolazioni”.

LE REAZIONI
“Approvata dal consiglio comunale la Tasi al 2,89 per mille – dice il capogruppo di Forza Italia Giulio Tantillo – una tassa ingiusta, voluta dal governo nazionale, che colpisce la prima casa dei cittadini. L’amministrazione comunale ha presentato la delibera con delle agevolazioni solo per cittadini ultrasettantenni e famiglie numerose. Grazie a un sub-emendamento delle opposizioni sono state introdotte delle agevolazioni per circa 30mila proprietari di casa che non pagheranno la Tasi. Abbiamo oltresì ottenuto dall’amministrazione l’impegno affinché l’introito della lotta all’evasione, a regime, diminuisca di anno in anno la Tasi. Grazie al nostro sub-emendamento tutti i 5mila emendamenti delle opposizioni di sinistra sono stati dichiarati decaduti, evitando così che la tassa, seppur al minimo di legge, colpisse indistintamente tutti i proprietari senza alcuna agevolazione. Per essere riusciti a togliere questa tassa a 36mila proprietari veniamo accusati di inciucio, accusa che rimandiamo al mittente, ovvero ai vertici del Pd. Se avessero seguito i lavori d’aula si sarebbero accorti che il voto di Forza Italia è stato contrario. La sinistra tutta è la vera responsabile dello sfascio che vive la città di Palermo. Ribadiamo che il nostro voto è stato contrario, Forza Italia non ha mai votato delibere proposte dall’amministrazione Orlando, mentre il Pd non può certo dire la stessa cosa. Siamo e rimaniamo all’opposizione della giunta di sinistra che governa la città, ma prendiamo atto che l’altra sinistra rappresentata dal Pd è priva di proposte costruttive per la città”.

“Da un ragionamento d’aula con chi ha a cuore le sorti della città, è emersa una modifica che a gettito invariato ha distribuito diversamente il peso della Tasi con un occhio più attento alle fasce meno abbienti – dicono i vice capigruppo del Mov139 Pierpaolo La Commare e Tony Sala – la linea del Pd era quella di applicare l’1 per mille senza agevolazioni, il che sarebbe risultato più iniquo nei confronti di tutti. Non capisco la posizione del Pd, arroccatosi su una tattica ostruzionistica che fortunatamente per i palermitani non ha portato a nulla. L’auspicio è che si sia trattato di un episodio isolato e non di una linea a mio avviso errata”.

“Il consiglio comunale alle 7 del mattino, dopo una maratona di 12 ore, ha approvato la delibera che definisce le aliquote della Tasi – dicono Paolo Caracausi e Filippo Occhipinti di Idv – un atto passato a maggioranza, con il voto contrario di Pd ed Idv, che prevede un’aliquota al 2,9 per mille. Siamo amareggiati per il comportamento in aula della maggioranza, che pur di portare a casa il bottino da 16 milioni di euro si è alleata con le forze che negli anni scorsi hanno sostenuto la giunta Cammarata. I nostri sforzi di evitare la tassazione che grava mediamente per circa 150 euro a famiglia, o comunque di ridurla al minimo, è stata contrastata da questo asse anomalo e ormai consolidato tra centrodestra e Mov139. Nel dibattito d’aula abbiamo evidenziato l’assurdità del pagare troppe tasse per servizi che abbiamo definito più invisibili, che indivisibili. Oltre alla stangata Tari, adesso arriva anche la Tasi che colpirà le famiglie già messe alle corde da una disoccupazione crescente e da una crisi economica gravissima. L’unica cosa che rende meno amaro questo atto sono le detrazioni previste che riprendono in buona parte le nostre proposte”.

“Nel corso di questa notte si é palesata la strana alleanza di governo della città tra Forza Italia e i Consiglieri fedelissimi del Sindaco – dice Fabrizio Ferrara del Pd – in realtà sin dal primo giorno di questa consiliatura, nei corridoi del palazzo, correva forte la voce che il centrodestra facesse da stampella in aula al Sindaco Orlando, ma oggi, in occasione della Tasi, la nuova tassa che tartassa i palermitani, questa alleanza è emersa da sotto le ceneri scagliandosi contro il Partito Democratico colpevole di volerla azzerare e contro una città che a causa di questa nuova alleanza di governo sarà costretta a versare nelle casse del comune gli ultimi spiccioli rimasti nel salvadanaio. Il Partito Democratico ha fatto un’opposizione dura, presentando 5000 emendamenti e intervenendo per il massimo previsto dal regolamento nelle comunicazioni generali. Soltanto all’alba l’accordo tra berlusconiani e orlandiani ha avuto la meglio. Da oggi la città sa da chi è governata e i cittadini sapranno chi ringraziare per questa ennesima tassa a fronte dei pessimi servizi offerti”.

“Con la votazione di ieri sera Leoluca Orlando ha certificato di essere il nuovo leader della destra cittadina e un classico esempio di “sindaco della prima Repubblica”, in grado di governare soltanto spremendo i cittadini o gravando sulle casse del Stato centrale. Il Pd si è battuto con forza per evitare l’applicazione di aliquote che soffocheranno i cittadini e che sono l’ovvia conseguenza di scelte amministrative marcatamente conservatrici, una tra tutte quella di impegnare oltre 140 milioni di euro per la Rap invece di riformare il sistema delle partecipate rendendolo produttivo ed efficiente. Con quale coraggio l’autore di questa carneficina sociale continua a sostenere che la determinazione dell’aliquota Tasi al massimo consentito dalla legge è stata causata dai tagli dei trasferimenti statali? Davvero non c’era la possibilità di reperire in altro modo i fondi necessari per i sevizi? Siamo sicuri che non si sarebbe potuto, ad esempio, fare cassa attraverso un serio piano di smaltimento di quelle migliaia di pratiche di sanatoria pendenti da anni? Con quale coraggio il Sindaco chiedere ai cittadini di fare sacrifici, mentre lui decide di spendere più di 40 Mila euro all’anno per un addetto alla comunicazione su Facebook? Anziché scaricare la responsabilità della propria inadeguatezza amministrativa sul Governo, per il tempo residuo del suo mandato Orlando provi prendere spunto dal Presidente del Consiglio che, con la sua politica di equità sociale, per primo nella storia politica italiana sta restituendo qualcosa ai cittadini, per prima la speranza. In alternativa, prenda atto di non essere più adeguato ai tempi e si “autorottami”, lasciando spazio ad una nuova generazione che é in grado di cambiare anche Palermo”. Così il segretario provinciale del Pd Carmelo Miceli sulla Tasi.

“Il Consiglio comunale ha approvato a maggioranza le aliquote Tasi sostanzialmente lasciando invariato quanto deliberato dalla Giunta Orlando – dice il presidente della commissione Bilancio Francesco Bertolino (Mov139) – le aliquote applicate sono tra le più basse delle città capoluogo. Il voto di stamattina dà anche un chiaro segnale politico di come la maggioranza e il gruppo Mov139 sono compatti a sostegno di atti di responsabilità come questo. E’ inoltre evidente il paradossale comportamento di alcune forze politiche, responsabili politicamente dell’introduzione di questo tributo e che in altre città applicano aliquote maggiori, che a Palermo per pura demagogia chiedono il suo annullamento”.

“Il voto sulla Tasi, arrivato dopo una lunga maratona in consiglio, certifica la nascita in città di una nuova maggioranza: il sindaco Orlando governa insieme al centrodestra di Cammarata. Un matrimonio contro-natura che fa uscire allo scoperto le contraddizioni di un’amministrazione che si dice di sinistra, ma poi fa gli inciuci con la destra, grazie all’emendamento a firma Tantillo, Milazzo, Veronese e La Commare. La Tasi a Palermo resta tra le più alte d’Italia e penalizzerà le famiglie, specie chi ha una rendita catastale oltre i 400 euro, su cui graverà tutta l’imposta”. Questo quanto dicono in una nota il segretario provinciale del Pd Carmelo Miceli e i consiglieri comunali democratici Carlo Di Pisa, Fabrizio Ferrara, Rosario Filoramo, Luisa La Colla, Sandro Leonardi, Giovanni Lo Cascio, Antonella Monastra e Loris Sanlorenzo.

“La delibera approvata, con le connesse aliquote Tasi, pone Palermo al livello più basso rispetto a tutte le altre grandi città italiane, a conferma di un percorso di risanamento del bilancio comunale che consente oggi anche una politica di graduale contenimento della pressione tributaria”. Lo ha detto l’assessore al Bilancio, Luciano Abbonato dopo l’approvazione da parte del consiglio comunale della delibera che definisce le aliquote della Tasi sulla prima casa che è stata fissata al 2,89 per mille sul valore catastale. “I due giorni di confronto in aula – continua Abbonato – sono stati senz’altro utili a confermare la bontà dell’impostazione dell’amministrazione e a migliorare il provvedimento predisposto. Il Consiglio Comunale ha approvato infatti un emendamento che rimodula le detrazioni, azzerando sostanzialmente l’imposta per tutte le unità immobiliari la cui rendita catastale è inferiore a 200 euro e rendendo minimo l’esborso per rendite tra 200 e 300 euro, casi che interessano complessivamente circa 36mila famiglie che certamente si collocano nelle fasce più povere della popolazione. È stato quindi mantenuto l’impegno di eliminare sostanzialmente l’imposizione sulla casa a circa 1/3 dei proprietari di abitazione principale, senza gravare ulteriormente sulle proprietà già sottoposte a Imu (abitazioni diverse da quella principale, fabbricati industriali e immobili rurali). Anche per questo mi unisco all’apprezzamento a tutto il Consiglio Comunale”.

“Le aliquote Tasi proposte dalla giunta Orlando e approvate stamattina in Consiglio comunale, con una maggioranza-inciucio tra centrodestra e il movimento del Sindaco, massacreranno i palermitani”. Lo dice il deputato regionale del Pd, Fabrizio Ferrandelli. “Ai tagli dei trasferimenti ai Comuni – continua – un sindaco non può rispondere, come fanno i ragionieri, esclusivamente con la calcolatrice; deve usare prima della testa il cuore, soprattutto nel bel mezzo di una crisi economica e sociale senza precedenti che sta penalizzando le famiglie e le imprese di Palermo. Non può neppure, come ha fatto, prendersela con il governo nazionale. Ma si sa, quando non si vuole ammettere di non saper fare le cose, come ad esempio tagliare gli sprechi delle aziende partecipate e della macchina comunale, si attribuisce la colpa agli altri. E’ semplice inventarsi un nemico e Orlando questo lo sa fare. Ieri voleva prendere la tessera del Pd e oggi Renzi è il suo peggior nemico”. “Ringrazio il gruppo del Pd e di Idv – aggiunge Ferrandelli – per aver difeso sino alla fine i palermitani opponendosi alla tassa di Orlando, che diventa pure paladino del centrodestra in una strana alleanza tra berlusconiani e tanti consiglieri di sinistra che oggi dicono sì alla stangata Tasi e ieri insieme a me, durante la sindacatura Cammarata, facevano le barricate per l’abolizione della Tarsu”. “Due anni e mezzo fa – conclude – mi rifiutai per coerenza e storia personale, al secondo turno delle amministrative, di apparentarmi con il centrodestra di Tantillo & Co., consegnando la maggioranza assoluta in Consiglio al sindaco eletto. Quella maggioranza, con Orlando in prima linea, ha scelto, e non da ora, di fare asse con gli uomini di Cammarata. Se i palermitani si aspettavano una certa discontinuità politica e amministrativa dalla precedente gestione, il voto sulla Tasi conferma che ci troviamo di fronte allo stesso copione, un film già visto che non fa per niente ridere”.

“Conosciamo la politica disfattista di Ferrandelli – dice il deputato regionale di Forza Italia Giuseppe Milazzo – l’ha fatta nel periodo di Cammarata e ora continua con Orlando. A Roma il suo partito mette le tasse e qui a Palermo fa finta di non saperne nulla. Avremmo voluto che la Tasi non esistesse, ma è una legge voluta dal partito di Ferrandelli. Almeno grazie a noi 36mila proprietari di casa saranno esentati totalmente dal pagare questa tassa. Auspico che Ferrandelli faccia arrivare contributi romani affinché Orlando e ogni sindaco siciliano possano esentare i propri cittadini anche da Tari e ogni altro balzello statale”.

“È andato in scena uno scontro tutto interno al centrosinistra in ordine a un’imposta, varata peraltro dal Governo Renzi – dice Andrea Mineo di Forza Italia – in questo scenario gli unici che hanno fatto davvero gli interessi di migliaia di palermitani siamo stati noi del centrodestra, che abbiamo pensato ad allargare la platea dei beneficiati dalle detrazioni concentrandoci sulle fasce più deboli”.

L’approvazione della delibera della Tasi, che quantifica l’aliquota al 2,89 per mille, è un errore che la città pagherà caramente”. Lo afferma Angelo Figuccia, consigliere comunale di Forza Italia che prosegue: “Avendo intuito che il documento sarebbe stato approvato soltanto con l’accordo tra il partito del sindaco, Movimento 139, e alcuni esponenti dell’opposizione, ho preferito abbandonare i lavori d’Aula perché, seguendo coerentemente la linea nazionale e regionale del mio partito, sono e voglio restare all’opposizione. Con questo accordo, i palermitani saranno costretti ad un ulteriore salasso, mentre sarebbe stato meglio che fosse stata applicata l’aliquota nazionale dell’1 per mille e che le risorse mancanti fossero recuperate con una seria politica di risparmi e di tagli agli sprechi, che ancora continuano a regnare sia al Comune che nelle società partecipate. Io non mi renderò mai complice di nuove tasse ai palermitani, che sono già costretti a stringere sempre più la cinghia senza intravedere alcuna luce in fondo al tunnel dove ci troviamo”.

“E’ stata approvata un’ulteriore tassa ingiusta dall’amministrazione comunale Orlando – dicono i consiglieri di Ncd Alessandro Anello e Francesco Scarpinato – Ncd aveva già manifestato in conferenza dei capigruppo l’intenzione di azzerare l’aliquota e c’erano tutti i presupposti per evitare l’applicazione del 2,9 per mille, ma con il centrosinistra in disaccordo su tutto e con una maggioranza intenzionata ad andare fino in fondo non e’ stato possibile arrivare ne’ all’azzeramento ne’ alla riduzione dell’aliquota. Siamo riusciti quantomeno a fare approvare un sub-emendamento di tutto il centrodestra che consente una serie di agevolazioni per circa 30.000 famiglie che non erano previste nelle delibera. Dopo avere assistito ad uno scontro tutto interno ad un centrosinistra sempre più confuso e litigioso, abbiamo abbandonato l’aula non votando ovviamente l’ingiusta delibera che la maggioranza ha deciso di approvare. Siamo convinti che i palermitani sempre di più si renderanno conto del pessimo operato di questa amministrazione”.

“Investire sul cosidetto” mattone” è stato l’obiettivo di tante famiglie, ma coloro che sono riusciti a raggiungere questo sogno oggi vivono un vero e proprio incubo – dice Giusy Scafidi del Mov139 – il nuovo tributo che i cittadini dovranno versare si aggiunge a quello che scadrà il 16 settembre e cioè l’acconto Tari,in poche parole cambieranno le “sigle fiscali” che creeranno confusione e apprensione. Come presidente della commissione politiche sociali voglio esprimere la mia rabbia per questa “gabella” non solo perchè imprevista ma soprattutto perchè imposta da un Governo Nazionale che attraverso i tagli dei trasferimenti agli Enti Locali ha demandato ai Sindaci il ruolo di esattori dello Stato. Dopo una lunga notte di confronto, con una ingiustificata azione ostruzionistica del Pd, una responsabile mediazione con alcune forze dell’opposizione, il Mov139 ha condiviso e integrato un emendamento che attraverso l’introduzione di detrazioni e agevolazioni esclude da questo tributo molte famiglie che attraversano un difficile momento socio-economico. Considerato che le aliquote dei tributi saranno affrontate anno per anno, auspichiamo un maggiore intervento da parte dell’amministrazione sull’evasione fiscale, perchè si giunga, attraverso nuove entrate, ad un abbattimento dell’aliquota appena inserita”.

“Tasi, si continua a tartassare i cittadini palermitani – dice Stefania Munafò del Pd – una nuova stangata, per i cittadini Palermitani, visto che il Comune di Palermo ha approvato una delle aliquote più alte, il 2,89 per mille, per il pagamento della Tasi. L’aliquota è stata votata con i soli voti contrari del Pd e di Italia dei Valori che fino all’ultimo si sono battuti per l’azzeramento, considerato che l’aliquota risulta essere troppo alta con un aggravio enorme sui cittadini. Probabilmente si poteva optare per un’aliquota più bassa in un momento di crisi economica così forte, visto che il Comune di Palermo presenta un avanzo di amministrazione di 70 milioni di euro e che in questi casi la Legge prevede l’applicazione dell’aliquota minima contributiva all’1 per mille. Perché tartassare così i cittadini palermitani, quando il tutto si poteva ridurre al minimo? Aliquota tra l’altro approvata grazie ad un asse trasversale creato dalla maggioranza orlandiana e Forza Italia. Ancora poco chiaro l’utilizzo delle somme che si ricaveranno dal pagamento della Tasi, non si fa menzione infatti di come verranno impiegati questi soldi che dovrebbero servire per il mantenimento dei pubblici servizi. Nella delibera approvata dal Comune non è stata inserita alcuna descrizione analitica rispetto a quali saranno i servizi pubblici finanziati e in quali percentuali, mentre la Legge Nazionale che istituisce la Tasi impone ai Sindaci di comunicare in modo analitico l’utilizzo di queste somme. Visto che vi è l’obbligo da parte delle Amministrazioni di inviare entro oggi al Ministero tale delibera per consentirne la pubblicazione entro giorno 18, non si capisce chi deciderà quali dei servizi e in che percentuale della tabella allegata al regolamento verranno finanziati. Lo spirito della tasi e’ finalizzato alla trasparenza negli intenti ed i cittadini devono sapere subito a cosa sarà destinato un ulteriore sacrificio che principalmente viene chiesto loro .Pertanto mi attiverò a presentare ricorso alla commissione tributaria qualora la delibera non presentasse i dettagli analitici così come imposto dalla normativa . Sarà inoltre , un caso che subito dopo la delibera dell’aliquota per la Tasi, il Sindaco abbia trovato i fondi per l’integrazione a sostegno degli Operai Gesip? È infatti notizia dell’ultima ora che il Sindaco Orlando abbia siglato un accordo con i Sindacati che prevede lo svolgimento da parte dei Lavoratori Gesip, di ore aggiuntive al fine di ottenere l’indennità intera. Giusto battersi per l’integrazione oraria del personale, ma giusto anche reperire le risorse secondo criterio, sicuramente non potranno essere utilizzate per questo fine le somme ricavate dal pagamento della Tasi, che serviranno esclusivamente per il finanziamento dei pubblici servizi e non già per l’integrazione oraria del personale”.

“Abbiamo approvato all’alba le aliquote della Tasi. Tassa sui servizi indivisibili. L’aliquota, la più bassa tra le grandi città, permetterà al comune di far fronte ai tagli operati nei trasferimenti dallo Stato e dalla Regione. Il peso sulle famiglie verrà attutito dalla detrazione di 100 euro per gli edifici con rendita catastale fino a 300 euro, circa 36000 secondo le stime degli uffici, praticamente esenti dal pagamento, e dalla detrazione di 50 euro per le rendite catastali da 301 a 400 euro. Adesso l’Amministrazione dovrà dimostrare di saper bene utilizzare il sacrificio richiesto ai cittadini con l’applicazione di questa nuova tassa, impegnandosi a migliorare la qualità e l’efficienza della macchina comunale nonché dei servizi alla collettività che rendono ancora modesta la qualità della vita nella nostra città. Il tempo degli sconti è finito e i responsabili di servizi fondamentali come i trasporti e l’igiene urbana è bene che si regolino di conseguenza”. Lo afferma in una nota il consigliere comunale del Mov139 Alberto Mangano.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

99 Commenti Condividi

Commenti

    Che vergogna… continuano a tartassare senza alcuna riforma o taglio dei costi (vedi TARES del 2013) e adesso escono fuori con questa vergognosa delibera che ignora la realtà del Catasto palermitano (rendita catastale di 300 euro a mq non vuol dire niente: ci sono case in Via Libertà con questa rendita e case in via del Sagittario con rendite più alte – basta solo aver avuto un architetto sgamato al momento della compilazione del DOCFA, Sinnacollando). Peraltro con il sistema di agevolazioni attuali si arriva la paradosso, almeno nel mio caso, di una TASI più alta dell’IMU prima casa del 2012!!! Orlando, vai a casa, tu e il caravanserraglio socialista-comunista di Forza ITalia.

    In sostanza mi pare di capire che si è creata una nuova maggioranza in consiglio comunale fra il MOV139 di Leoluca Orlando e Forza Italia. Immagino quindi che gli orlandiani non abbiano più nulla da rimproverare all’ex partito di Diego Cammarata. Porebbe pure essere che Leoluca Orlando alle prossime elezioni comunali sia il candidato sindaco della stessa Forza Italia.

    Siamo al Paradosso per tassare tutti i palermitani Orlando si unisce con i Cammaratiani Tantillo e Milazzo che a loro volta sono corresponsabili dell’ennesima tassa sopra i palermitani e dello sfascio di Palermo.
    Orlando ha ucciso il centro sinistra e sei rinato con il centrodestra tutto sulle spalle dei Palermitani.
    Centrodestra scandaloso… reintroduce la IMU prima casa ..bravo Tantillo e bravo Milazzo siete il peggio per la città

    Parlatemi di leonardi

    Che vergogna!!!!! Cittadini sempre più tartassati per servizi inesistenti. Povera Palermo e poveri palermitani.mi sembra questa la tassa sui sogni. Ed invece è un incubo.

    Q.STI SOLDI SERVONO PER PAGARE ANCHE QUELLA FETTA DI NOMINE CHE ORLANDO HA FATTO DI RECENTE, PAGARE GLI STIPENDI DI QUELLI ASSUNTI COME PRECARI CHE HANNO SOSTENUTO LA CAMPAGNA DEL SINDACO.
    LA VERITA’E’ UNA BISOGNA PAGARE UNA SOLA TASSA ALLA FONTE DEL REDDITO -BASTA- LO STIPENDIO VA VIA PER TASSE, MUTUI, BOLLETTE, ED ALTRO,SI RISPARMIA ADESSO ANCHE SUL MANGIARE

    Pur di farci pagare riescono pure a mettersi d’accordo con lopposizione. MI FATE SCHIFO.

    Mi sono fatto 4 calcoli con una rendita di € 300 e con detrazione di base di 100 € :
    300 + 5 % = 315
    315 x 160 = 50400
    50400 : 1000 = 504,00
    504,00 X 2,89 = 145,66
    145,66 – 100 = 45,66.
    C’è qualcosa che non quadra !!!!
    Aiutatemi a capire l’arcano

    mi vergogno di essere italiano/siciliano/palermitano.. servo solo per pagare le tasse e mandare avanti sto carrozzone di nullafacenti vitalizzati.. destra e sinistra dove ti giri giri è la solita minestra .. il sindaco vive nella sua dimensione gattopardiana e la città soffre suda e puzza…

    GRAZIEEEEEEEEEEE sindaco orlando e compagnia bella. Poi ci danno gli 80 euro (lordi) in busta per poi riprenderseli con gli interessi.

    Concordo in pieno, le rendite catastali non rispettano la realtà e pertanto la tassa in questo modo non sarà per niente equa.

    OLLANDO DIMETTITI ,INDEGNO E IMMORALE , MEDICINALI X TUTTI VOI

    Per il mio appartamento le modifiche in Consiglio sono state peggiorative rispetto a quanto proposto in Giunta e, ovviamente, anche rispetto all’IMU 2012…
    IMU 2012: 166,49 euro
    TASI 2014 (in Giunta): 151,42 euro
    TASI 2014 (in Consiglio): 200,66 euro

    E, intanto, la Tarsu diventa Tares ed aumenta, la Tares diventa Tari ed aumenta, …senza requie…

    LO DICO DA DUE ANNI: ORLARATA. UN MISTO TRA ORLANDO E CAMMARATA. CHE VERGOGNA CONTINUARE A VIVERE IN QUESTA CITTÀ. ORLANDO IL SINDACO CHE CI HA PRESO IN GIRO LO SA FARE.

    Ma quanto ci costa pagare i voti ad Orlando? Con i nostri voti si pagano i parassiti della società spediti a non far nulla negli uffici comunali. I cittadini onesti ormai campano non solo i politici ma ora sovvenzionano pure il loro bacino elettorale. Basta non se ne può più, tartassati e beffati nei servizi, ci vorrebbe una rivoluzione.
    Chi paga sempre, non dovrebbe più soccombere e stare zitto. Dobbiamo rivoltarci.
    Lo abbiamo capito o no, che qua comanda solo chi distrugge cassonetti, chi fa blocchi stradali, chi estorce il denaro per un parcheggio, chi si allaccia abusivamente alla rete elettrica e idrica, chi sporca.
    Ai nostri cari politici questo sta bene anzi benissimo, perchè questi individui sono quelli che poi li votano. Questi parassiti vengono sovvenzionati, esentati dai tichet con i nostri soldi. Sono gli stessi che possono girare in città davanti alla polizia municipale senza casco ed in tre sulle motociclette, tanto non li fermano! Fermarli sarebbero solo rogne, meglio girarsi e far finta di nulla. Fiorai che occupano interi marciapiedi e manto stradale, fruttivendoli con le casse di frutta pure sulle strisce pedonali, interi quartieri dove regna l’anarchia, lo spaccio e l’evasione fiscale totale. In una città dove nessuno fa il suo dovere, l’unico dovere sembra essere solo far pagare le tasse a chi già le paga, perchè gli altri non devono essere disturbati … hanno altro da fare, fregarci in tanti altri modi. Siamo i polli da spennare. Più passa il tempo e più ho ribrezzo per questa giunta comunale e per tutti coloro che gli vanno appresso. Avete tutto il mio disprezzo.

    Siete uno scandalo

    Miii !!!!!!
    Che opposizione “corna dure” invece del 2.90% hanno ottenuto il 2,89%,
    questo dovete permetterlo di dire “BUFFONI”.
    Da destra a sinistra e arrivando al centro.
    Deluso deluso deluso ma incazzato incazzato……….

    Non mi sento di fare commenti perchè troppo amareggiato e sconcertato. Ma noi cittadini palermitani cosa possiamo fare per sfiduiare questa amministrazine? Dobbiamo per forza aspettare le prossime elezioni?

    Ci riempiono di Tasse ed immigrati. Stamattina giro zona viale campania , fermato 5 volte da extracomunitari in cerca di soldi..Poi di quali servizi stiamo parlando ???? Al comune non sono in grado di mandare i bollettini a casa ma sanno benissimo fare i calcoli quando si tratta di fare sanzioni e multe raddoppiate…….

    …ma chi l’amministra mánco babbìa.

    Il tuo calcolo mi sembra corretto…..che c’è di strano?

    Di recente ho spesso contestato l’atteggiamento di questa amministrazione rispetto alle problematiche che affliggono questa citta, però questo provvedimente mi sembra che vada nella direzione giusta (considerato i correttivi apportati e suggeriti dalle opposizioni) e che effettivamente aiuti i più deboli, ho letto tra le righe che “penalizzerà” le rendite oltre le 400 Euro….
    Ma Buon Dio!
    Se hanno una rendita di 400 Euro sarà altrettanto vero che avranno anche una belle e spaziosa casa, se non le pagano loro la tassa chi la dovrebbe pagare GLI GNOMI che vivono tra i meandri dei boschi???

    piero gli 80,00 Euro sono NETTE…..infatti è un BONUS (quindi aggiuntivo).

    CERTO!
    Abberrante è l’accoppiata vincente M139/FORZA ITALIA dove i due si tengono stretti stretti per non decadere ripromettendosi ODIO E AMORE, a breve assisteremo alla “replica” dello spettacolo teatrale che sara’ in ondo sulla vicenda TARI……dopodicchè vivranno ancora per molto “FELICI E CONTENTI”.

    I cittadini non riescono a vivere e voi aumentate sempre le tasse vergogna. Ci ricorderemo i nomi e non vi voteremo mai più. Se servono soldi diminuitevi i vostri stipendi.

    Stiamo per rimpiangere Cammarata. Orlando vergognati. Ti devi dimettere. I sacrifici non li possono fare solo i cittadini.

    Se non paghiamo cosa succede. Iniziamo noi cittadini a non pagare. Cosi capiranno la realtà. C’è Pitittu

    Peggio di Cammarata.

    Cittadini non paghiamo cosa succede. Nulla non vi allarmate. Perchè se pagate il prossimo hanno si inventeranno altre tasse. Quante volte esci da casa, quante volte vai in bagno e tanto altro, quanto sei alto, che misura solo le tue scarpe tutto questo accade dove non c’è DEMOCRAZIA . Ci stiamo arrivando.

    Non paghiamo tutti cosi non si inventano altre tasse.

    Orlando ci farai fare la fine degli extra comunitari.

    Ridateci Diego Cammarata! Facciamo una petizione popolare.

    I 5000 emendamenti del pd erano una truffa era tutto concordato tra leonardi e scavone lo sanno pure i bambini

    Leonardi ė a servizio del mov 139 e prende per il c…. Miceli

    Ti posso subito rispondere che con l’avvio della riforma delle rendite catastali la CGIA di Mestre ha calcolato che l’aumento in percentuale di TASI e IMU oscillerà per abitazione tra il 400 ed il 600%.

    Certo il pd messo bene ė!! Leonardi non conosce il regolamento del consiglio comunale e si fa bocciare 5000 emendamenti l’attacco politico affidato alla munafô ex consigliere comunale di forza italia

    In questo momento: via Libertá é una sfilata di bancarelle di schifezze.
    Grazie Orlando, grazie Messina, grazie a tutti quelli che fanno carriera raccontando bugie e campándo con le tasse dei cittadini infelici.

    Ci fanno vivere in una città di merda e quella merda ce la fanno pagare carissima. Questa cariatide dal tono lamentoso questa volta ha passato il segno.

    Una domanda al Sindaco Orlando ma sulle seconde case su cui grava L’Imu si applica anche la Tasi ?

    Orlando, M139, Forza Italia IIIIIIIIIIIIIIIPOCRITI!!!!!!!!

    E che cosa poteva dire Tantillo? Una tassa voluta dal governo, calata dall’alto! Ma ci saranno agevolazioni per gli ultrasettantenni e per le rendita sotto i 300 euro ( che sono pochissime )! Gia’ lo sapevamo che finiva cosi’ predicendo addirittura pure le parole di circostanza dette alle 7 del mattino col sudore in fronte!
    Non dico altro se no non viene pubblicato, ma e’ intuitivo!

    Molto ma molto meglio Diego Cammarata!

    Cose da pazzi! Si sono assicurati le poltrone! Chissa’ cosa ricevera’ in cambio il sig. Tantillo pr questo suo appoggio !

    @castigamatti
    c’è di strano, da quello che i burocrati scrivono, che i fabbricati con una rendita inferiore a € 300 non dovrebbe pagare niente ma dal conteggio fatto non è così.

    È la pura verità!

    Sono d’accordo, fanno pena! Quando ci sono interessi non esiste maggioranza e opposizione! Ma lo sapevamo gia’ da due giorni che finiva cosi’ hanno solo fatto la recita!

    Se leggete i miei precednti commenti sull’argomento, ho pure indovinato cosa avrebbe detto il signor Tantillo alle sette del,mattino! Ho sbagliato solo l’orario, perche’ scritto le sei del mattino! Ho sbagliato di un’ora!!

    Ma quale 5000 emendamenti! Minchiate!

    Quoto al 1000×1000, tutte osservazioni reali e pienamente condivisibili. Nella rabbia impotente derivante dall’ennesima iniqua tassa, non vi è nulla da aggiungere al commento di @Lucio.

    Fanno la sceneggiata dei 5.000 emendamenti e, quando vogliono, riescono a fare le maratone per approvare queste schifezze. Intanto la città è un delirio, spazzatura ad ogni angolo, scippi e rapine non si contano più, servizi di giardinaggio inesistenti, abusivismo dilagante. Ma non avete vergogna????? Con quale ricatto siete riusciti a trovare la quadra?? Con le mani ancora sporche di sangue sareste capaci di negare la vostra responsabilità. Il sig. Tantillo ha ceduto perché poteva andare peggio? Potevate lasciar perdere e far perdere questi incassi al Comune, tanto servizi continueranno a non darne.
    Che schifo….

    Dopo questa ultima elezione da Sindaco, Orlando ha messo in atto tutto quello che aveva imparato, da giovane, dalla vecchia Democrazia Cristiana e quindi dai vecchi ed usurpatori della città: ricordate i nomi? Qualcuno viene spesso ricordato ancora oggi…..
    Complimenti al Consiglio: 2,89 e’ come dire comprate a 9,99:
    Il prossimo provvedimento pre elezione sarà quello di indire un maxi concorso per dipendenti comunali, naturalmente bisogna farsi raccomandare.
    Ricordate che Il nostro Sindaco governa Palermo dal 1985 ripeto 1985, con la parentesi Cammarata. E in questi anni Palermo e’ sempre stata per qualità della vita tra le ultime
    Città d’Italia. Oltre 150 milioni di euro alla Rap e viviamo in una città sporca con dei servizi scadenti. Ah dimenticavo colpa dei Palermitani se abbiamo contenitori rotti e senza coperchio, colpa dei palermitani se i mezzi della Rap vengono colpiti da VIRUS e si guastano tutti insieme, colpa dei Palermitani se per asfaltare 100 metri al giorno servono una ventina di operatori. Il Comune di Palermo ha oltre 18000 dipendenti, molti di questi non sanno cosa fare se non riscaldare una sedia ed occupare una scrivania, ma nonostante ciò il nostro Sindaco preannuncia assunzioni di personale qualificato, invece di formare il personale esistente.

    @castigamatti
    Io non sarei così sicuro del fatto che tassare la rendita di 400 euro significhi colpire i benestanti. Ti spiego: io ho una casa di 110 mq sulla quale, da 15 anni, continuo a pagare il mutuo e che, situata in v.le strasburgo, ha una rendita superiore ai 400 euro. Famiglia monoreddito con tre figli a carico di cui 2 universitari (immagini da solo le tasse?). Almeno qualche detrazione per il carico familiare pensi che mi spetterebbe o consideri pure un lusso fare studiare i figli??? Se poi consideriamo che ho appena pagato la tari per avere la garanzia dei rifiuti sotto casa e che la tasi continuerà a garantirmi le aiuole potate e ripulite ogni 2 anni e l’illuminazione pubblica a singhiozzo, allora…….

    e come diceva mia nonna …cu mani’a……… un pini’a……….

    Penso che questa gente che ha approvato ( tuti d’accordo, TUTTIIIIIII ) questa tassa, leggendo le nostre lamentele, che sono praticamente ad ora il 100% di tutti quanti scrivono, diranno : ma chi minchia vogliono, qua non siamo a Posollipo, qua’ vuliemu i picciuli, qualcuno li deve pagare i nostri mega stipendi, i nostri privilegi, chi minchia avevamu a fari? A zita chista e’!

    Non lo poteva fare, non se lo poteva permettere, non gli sarbbe convenuto, lui e’ tutto pro-orlando………..di dietro, e contro davanti. Ma forse oggi e’ stao pro pure davanti! D’altronde cosa possono capire della gente che non riesce VERAMENTE a non potere piu’ campare? Niente! E poi diciamocelo chiaro : ma che minc..a gliene fotte a questi qui’?

    La mia, di nonna, invece diceva : cu sparti avi amegghiu parti! Mi pare piu’ adatto a questi personaggi ch non saprei con quale aggettivo dfinire!

    @Joack,credo si possano chiediamo le immediate dimissioni del Sindaco Leoluca Orlando in questo modo:

    Pregiati Consiglieri del Comune di Palermo,

    a nome di migliaia di palermitani vi chiediamo di promuove e firmare la sfiducia al Sindaco Leoluca Orlando per la sua assoluta incapacità e inidoneità rispetto al delicato ruolo che ricopre.

    Quello che vi chiediamo è un atto dovuto per il bene della città e per il rispetto dei cittadini ed è una responsabilità che siete tenuti urgentemente a prendere; oggi siete ancora in tempo per non essere complici del disastro che si sta consumando nella nostra e vostra città.

    Questa amministrazione che voi rappresentate – ma che non rappresenta i palermitani – gestita in maniera dittatoriale da Leoluca Orlando, ha fatto registrare un repentino e costante declino di Palermo sotto tutti i punti di vista: economico, culturale e sociale.

    I disagi aumentano quotidianamente rendendo la vita dei cittadini impossibile: più degrado, maggior povertà, aumento della criminalità, diminuzione del reddito procapite, cattiva gestione delle società gestite dal Comune, assenza totale di una programmazione delle priorità reali della città, spreco di denaro pubblico.

    Secondo le classifiche stilate da autorevoli istituti statistici, Palermo è ormai all’ultimo posto per qualità della vita tra tutte le città dello Stivale: la città più invivibile d’Italia e mai così in basso. Mai!

    Tutte queste accuse, assolutamente fondate ed ampiamente documentate, saranno nei prossimi giorni raccolte in un fascicolo che verrà inviato alla Procura della Repubblica Italiana a firma di migliaia di cittadini pronti a testimoniare affinché si intervenga per mettere fine agli abusi e soprusi del Sindaco Leoluca Orlando verso la città ed i cittadini di Palermo.

    I consiglieri che non firmeranno la sfiducia al Sindaco saranno colpevoli di essersi opposti, pur ben conoscendola, alla volontà dei cittadini di Palermo, ma soprattutto saranno ugualmente responsabili di tutti i capi di accusa documentati e rivolti al Sindaco Leoluca Orlando.
    Le conseguenze saranno pesantissime.

    La presente lettera ha come scopo esclusivamente lo stimolo a prendere coscienza della gravità della situazione ed invogliarvi a fare la cosa giusta per il bene della città. Oggi forse siete ancora in tempo, domani sarà irrimediabilmente troppo tardi.

    La presente lettera non ha alcuna connessione con il mondo della politica che è lontana anni luce dai problemi veri e seri di Palermo; è una denuncia che dà voce ai cittadini palermitani che sono stanchi di vivere in queste condizioni e che chiedono solo una città normale.

    Firmato,
    i cittadini palermitani.

    Claudio 08-09-2014 – 18:52:57Segnala
    Mentre Palermo affoga nella monnezza,la criminalità,le ordinanze sulle zone pedonali dove è incontrovertibile il calo degli affari, con arrogante superbia pretende attribuire al Governo Nazionale la responsabilità degli aumenti che il Consiglio Comunale approverà per il recupero delle somme che serviranno anche per le annunciate assunzioni (probabilmente amici) che a breve farà,per questo credo il massacro,SOCIALE, lo stia facendo lei Sindaco.

    Gli 80 euro e’ stata una genialata di quel Renzi ed e’ il classico specchietto per le allodole! L’ho detto pulito, vediamo se me lo pubblicano! ( ovviamente avrei voluto scrivere una marea di volgarita’, ma tant’e’ )

    Una sola parola : VERGOGNA! Siete senza dignita’!

    Naturalmente, mentre Noi siamo incazzati, loro festeggiano e ridono di questi commenti, e già pensano a come dividersi questi ulteriori circa 20 milioni di euro. Ora servono dei costosissimi Consulenti per organizzare il lavoro, per controllare se esistono i tombini, se esistono buche sulle strade e così via. Già uno dei bracci destri del nostro Sindaco usa le stesse parole che aveva utilizzato il nostro Sindaco ” ora che ci sono i soldi non c’è n’è per nessuno, nessuno può sbagliare: infatti da quando ha detto questo le nostre strade sono sempre più pulite, sono sparite le montagne di rifiuti e si vedono più mezzi in strada… Forse è il caso che vi guardiate allo specchio. Ah caro Sig Alberto, circa 1 anno fa Lei aveva giustamente criticato che Zamparini non aveva consegnato i beni costruiti allo Zen, ma visto che questi sono stati consegnati da parecchi mesi, può per favore rispondere come questi vengono utilizzati? Forse si aspetta che questi vengano distrutti dai vandali?
    Sono certo che saprà dare una risposta.

    É ‘ questa l’opposizione forza Italia che dovrebbe fare gli interessi della classe media ma chi li vota piu’ scellerati!

    Poi dicono che l’economia non parte, è logico con questo tartassamento di tasse facciamo capriole per arrivare alla fine del mese.

    Invece ho la vaga sensazione che tale avvicinamento tra Orlando e Forza Italia potrebbe essere legato a una probabile successione a Berlusconi. Ormai Orlando ,come sindaco di Palermo, è bruciato.

    la verita che nn dovrebbe pagare nessuno in massa tutti assieme uniti possono colpire una piccola minoranza che nn paga nn tutto il popolo palermitano. oppure paghiamo ed uniamoci per combattere con i mezzi legali avvocati esperti del settore etc etc questa situazione perchè è diventata insostenibile

    IO NON PAGO LA TASI!!!!!

    SIETE MAI PASSATI DA VIA MONTEPELLEGRINO (E NON SOLO)?

    GUARDATE QUELLO CHE C’E’. SEMPLICEMENTE VERGOGNOSO.
    E LI’ C’E’ ANCHE UN ALBERGO!!!!
    MI SONO VERGOGNATO DI ESSERE PALERMITANO!!!!

    IL SINDACO PASSA DA LI’?

    Spero che non abbia la faccia tosta di ripresentarsi a sindaco, visto che ci sta massacrando di tasse x salvare a tutti i parassiti del comune, da parte mia faro il mea culpa x averlo votato e aspetto la prossima io e la mia famiglia.

    Secondo la delibera, i “servizi indivisibili” graveranno per 110 milioni sulle tasche dei cittadini palermitani e tali soldi , che il Comune incasserà dalla TASI, saranno così suddivisi: illuminazione pubblica 11 milioni, pubblica sicurezza 41, cimiteri 1,9, manutenzione strade e verde 14,7, servizi socio-assistenziali 30,4, protezione civile 0,9 e tutela degli edifici comunali 4,4.
    Orlando mente sapendo di mentire, perchè tali soldi solo in parte andranno ai cosi detti ” servizi indivisibili”. Le promesse elettorali si devono mantenere e visto che da quel bacino elettorale pescano a piene mani sia Orlando che Forza Italia, ecco spiegata l’alleanza.
    P.S. Chissà cosa pensano di tale alleanza , i vari “comunisti duri e puri”presenti nella giunta Orlando? Forse dovremo rinunciare al sorriso di Giusto Catania, o alla fermezza e al decisionismo di Emilio Arcuri e alla combattività di Giovanna Marano? Certo il pericolo che al posto di Giusto Catania ci troveremo al più presto quel simpaticone di Giulio Tantillo esiste. Però siamo convinti che Catania, Arcuri e la Marano non faranno un passo in dietro e rimarranno al loro posto di combattimento per la gioia dei palermitani.

    Ho scelto questo nick perché anziché andare avanti si torna indietro . Caro Sindaco ho letto che è soddisfatto ma mi chiedo di cosa ? Lei dice che la colpa è di Renzi potrei esser d’accordo ma questo scaricabarile è poco serio perché a pagare saranno le migliaia di Suoi concittadini che dovranno pagare multe e sanzioni raddoppiate non solo perché impossibilitati a pagare ma perché errori di calcolo saranno fatte pagare ai cittadini . Lei che in campagna elettorale ha detto che il Sindaco lo sa fare cosa ha fatto per rendere più efficiente la schiera di dipendenti comunali e far si che il Comune si assuma l’obbligo di mandare a casa i bollettini per il pagamento di Tari e Tasi ? Nulla . Allora abbia il pudore di non dichiarare la sua soddisfazione per il Nulla.

    Calcolo esatto. Cosa non quadra?

    No. Chi paga l’Imu non deve pagare la Tasi

    tantillo è uno dei migliori trasformisti che vi sono attualmente in consiglio comunale.. e quanto sia povero di contenuti è dimostrato dal fatto che è ancora consigliere comunale pur essendo anziano d’età… ritirati ci fai più figura!!!
    per quanto riguarda ollando ricordo che ” LUI IL SINDACO LO SA FARE” e si vede!!!

    Orlando come Cammarata? Ma stiamo scherzando? Qui si confonde la cura con la malattia. Se il Comune di Palermo è stato portato sul lastrico da Cammarata, come si pensa che Orlando potesse salvare la baracca se non chiedendo dei sacrifici ai cittadini? Era inevitabile. Se i palermitani la smettessero di votare per i Cammarata, forse i sacrifici servirebbero a qualcosa. Invece… Plebisciti per Cuffaro, per Lombardo, per Cammarata… I palermitani dovrebbero capire che oggi si pagano gli errori fatti da loro stessi nel passato. Tutto si può dire di Orlando, tranne che in questi due anni abbia fatto scelte demagogiche per ottenere più consensi. Sta solo cercando di salvare questa povera città

    Si tutelano la poltrona. Ma il cittadino non dimentica i loro visi.

    quindi, se ho ben capito, la maggioranza del voto e’ formata dai consiglieri orlandiani PIU’ forza italia? In effetti il meglio della vecchia DC … o no? Comunque anche questo consiglio e’ …a termine!!!

    Ricordiamoci delle facce e dei nomi dei componenti di questa gunta, alle prossime elezioni mi raccomamdo votiamoli nuovamente!!!

    Questa Citta’ e’ ridotta cosi per colpa di TUTTI:
    QUINDI COSA SI DOVREBBE FARE PER FAR SI CHE SI POSSA RINASCERE.COME DICEVA UN MIO VECCHIO PROFESSORE DI LICEO:PER FAR FUNZIONARE UNO STATO,UNA REGIONE O UNA CITTA’ BASTA APPLICARE LE LEGGI CHE CI SONO. PER CUI SE LA POLITICA COMPROMISSORIA NON FA NIENTE ASSECONDATA DA TUTTI IN QUESTA SUA MANCANZA DI ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA’,IL RISULTATO NON PUO’ ALTRO CHE LO SFASCIO DI CUI NOI SIAMO AUTORI E CONTEMPORANEMENTE VITTIME.

    salvando come? lasciandola marcire nell’immondizia? lasciandola morire nell’inefficienza? dimmi una sola cosa che funziona a palermo!!!! una!!! io paghero’ 420 euro di tari… per avere cosa?? cataste di immondizia e cattivi odori sotto casa? responsabilizzare chi ha il controllo della situazione comporta un pesante esborso economico? o è soltanto indolenza…. credimi è indolenza!!

    scusa ma 50400:1000=50,400……e nn 504,00…..quindi continua…….

    Eumelo, ma dove vivi, il Comune di Palermo ha il bilancio in attivo e tra Orlando e Cammarata, cambiando l’ordine dei fattori il prodotto non cambia.
    Forse Tu mangi il piatto di lenticchie di cui fa riferimento il Nostro Sindaco, io di sicuro non lo mangio ne dall’uno ne dall’altro.

    E sia Cuffaro che Cammarata sono stati eletti per colpa del malgoverno di Orlando, il chiacchierone snob.
    Per toglierselo di mezzo, hanno votato quei due.
    Il voto, purtroppo, non é per il progetto ma per punire chi ha governato male. E Ollando, a’ scurdáta, é stato rieletto da 4 ragazzotti che 10 anni fa avevano 10 anni. Lo slogan berlusconesco “lui lo sa fare” ha completato l’inganno. Appresso sono rispuntati i vari Giambrone, Arcuri e il pessimo Catania. E se fosse stata piú giovane, tornava pure la Battaglia.
    Finirá, ma se il futuro é Tantillo, meglio NESSUN SINDACO.

    Cammarata al confronto e’ un gran signore! Ci si lamentava finche’ non abbiamo conosciuto altro! E non c’e’ niente da fare!

    Il dottore
    Veramente era gia’ bruciato da almeno venti anni, purtoppo ha preso i voti di 4 poveri disgraziati senza lavoro e di altri 4 amici e amici dgli amici che poi si sono piazzati. Ma il resto dei palermitani a votare non c’e’ andato!

    Certo che qualche soddisfazione Diego Cammarata se la stara’ prendendo!

    Claudio
    Gia’ la tua lettera comincia male, perche’ chiami i consiglieri con l’aggettivo di pregiati! Ma pregiati perche’?

    Quelli di Forza Italia sono ormai della stessa pasta di quelli del pd, il partito delle tasse!

    E poi ci lamentiamo che i furti, gli scippi e ele rapine aumentano!

    Ma chi e’ Giusto Catania?

    Eumelo
    In effetti dopo una miriade di commenti tutti lamentosi, giustamente, nei confronti di sindaco e consiglieri, ci pareva strano che non si fosse ancora presentato il solito galoppino di turno, il solito tappetino, meno male che sei arrivato! Un po’ in ritardo ma sei arrivato! Ora simao piu’ tranquilli!

    Nei Paesi seri, per molto meno, si fa la rivoluzione! A parte che questa gente non sarebbe stata dove e’!

    Grazie a tutti coloro che hanno votato… forse non capite che noi miseri mortali non Guadagniamo quanto voi, inoltre per esenzione reddito catastale €300? bravi le case popolari (quindi ceto medio basso) hanno un valore catastale da un minimo di €305 ad un massimo di 345€ se realmente volevate aiutarci dovevate soltanto informarvi, ma a voi che ve ne frega, spero con tutto il cuore che un domani (presto) iniziate una vita con grossi problemi finanziari… hei sindaco pensavamo che andandosene uno incapace avremmo trovato ……

    @tore errore di battitura

    E questo non è pizzo ? Estorsione legalizzata ? Chi chiede il pizzo ti intima di pagare a Pasqua e a Natale……loro ad ottobre e dicembre….simile, no ?

    @Schifiato,hai perfettamente ragione,scusami!Spero vada bene il resto per cominciare altrimenti, facciamo come loro,SOLO CHIACCHIERE!

    Se consideriamo che nemmeno gli uffici preposti era attrezzati alla massa di contribuenti,come forma di protesta TUTTI,non dovremmo pagare nessuna tassa.

    Pippo russo e leonardi non dovevano bloccare tutto? O sono incapaci o in malafede?

    Speriamo non si siano venduti per un piatto di lenticche! Certo la zita questa e’!

    Povero ma onesto
    Condivido in pieno il tuo post ed aggiungo che oltre ai 4 ragazzotti radical chic di sto ca..o, che all’epoca avevano 10 anni e forse meno, i voti sono spuntati da quei 4 disgraziati e disperati della Gesip, con l’aggravante che a votare c’ e’ andato forse il 60% degli aventi diritto! Quinsi se fai un po di conti……………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.