Tremonzelli, scoppia una ruota| Nuovo mistero nel tunnel maledetto - Live Sicilia

Tremonzelli, scoppia una ruota| Nuovo mistero nel tunnel maledetto

Pullman a fuoco, incidenti inspiegabili e oggi lo scoppio della ruota di un mezzo pesante, rimasto fermo sulla carreggiata. Nella galleria dei misteri, l'intervento dell'Anas e della polizia stradale.

A19 Palermo-Catania
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Il camion stava procedendo sull’A19 in direzione Catania, ma all’improvviso qualcosa è andato storto: un rumore strano ha allarmato il conducente che subito dopo ha perso il controllo del mezzo. A scoppiare è stata la ruota posteriore: il camion è uscito fuori strada, rimanendo al centro della carreggiata, all’interno della galleria di Tremonzelli.

Al chilometro 70+100, si è così verificato l’ennesimo episodio “inspiegabile” che mette ancora una volta l’accento sul mistero del tunnel che si trova sulla Palermo-Catania. negli ultimi anni, infatti, diversi automobilisti all’ingresso della galleria si sono ritrovati a perdere il controllo della propria auto finendo contro il muro.

Ma non solo, perché i casi che aumentano la riflessione sulle strane coincidenze sono quelli che riguardano decine di macchine che, negli ultimi anni, si sono improvvisamente spente per riaccendersi soltanto dopo qualche secondo. Auto in avaria, incidenti immotivati, guasti improvvisi.

Proprio come non era prevedibile lo scoppio della ruota avvenuto oggi: il mezzo pesante è stato fatto uscire dalla galleria dai mezzi dell’Anas, sul posto è arrivata anche la polizia stradale. Ma l’ultimo episodio preoccupante risale soltanto allo scorso giugno, quando un pullman della ditta “Zimmardi” ha improvvisamente preso fuoco.

Trentotto le persone che al suo interno hanno rischiato di essere avvolti dalle fiamme, per fortuna messe in salvo dalla Protezione civile giunta velocemente in galleria. Soltanto qualche settimana prima, a metà maggio, era stato un autobus con 23 studenti di Modica ad incendiarsi. Anche i ragazzi sono stati miracolosamente salvati nel corso di una notte da incubo.

Un mistero che ha dato vita a vere e proprie leggende. Per alcuni anni si è anche parlato di una fonte di energia misteriosa che provocherebbe un’esposizione eccessiva a campi elettromagnetici. Quello che da tempo ha assicurato l’Anas è che la galleria viene alimentata con un sistema di illumiazione elettrico tradizionale e che nel corso dei numerosi sopralluoghi effettuati, non sono mai risultate dispersioni termiche, elettriche o elettromagnetiche.

 


4 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *