Tribunale, guasto ai condizionatori: nota infuocata dell'Anm - Live Sicilia

Tribunale, guasto ai condizionatori: nota infuocata dell’Anm

"Condizioni di lavoro insostenibile", denuciano il segretario Gaetano Bono e il presidente Andrea Migneco
SIRACUSA
di
0 Commenti Condividi

SIRACUSA – Un guasto ai condizionatori al Tribunale di Siracusa sta rendendo insostenibile il lavoro ai magistrati e al personale che vi opera. La sottosezione dell’Anm di Siracusa, con il segretario Gaetano Bono e il presidente Andrea Migneco, ha inviato a tutti gli organi competenti – tra cui il Ministero della Giustizia – una nota molto provocatoria. Non il solito comunicato stampa, ma una serie di domande e risposte, che fanno ben comprendere quale è la situazione al Palazzo di Giustizia aretuseo. Dove quello che è accaduto poteva essere previsto e prevedibile.

Chi se lo sarebbe mai aspettato un giugno rovente in Sicilia? “Eccezionali le temperature di questi giorni, del tutto anomale – si legge nella nota – a questa latitudine che, nei mesi tra giugno e settembre, solitamente regala temperature alpine.”

Chi se lo sarebbe mai aspettato che il sistema di condizionamento dell’aria non avrebbe funzionato? “La sfortuna sembra essersi accanita sul nostro Tribunale – scrivono ancora – perché all’insolito caldo estivo si è aggiunto un evento altrettanto insolito: ossia il guasto del sistema di condizionamento dell’aria. Un evento del tutto imprevisto e imprevedibile, visto che lo scorso anno i condizionatori sono stati riattivati (sempre in ritardo) solo dopo interventi di rattoppo del tutto precari, del tutto simili a quelli compiuti da qualche anno a questa parte e che, dunque, avrebbero dovuto indurre a verificare per tempo il funzionamento del sistema di condizionamento dell’aria in modo da poterne garantire l’efficienza entro l’inizio del mese di giugno. E comunque non ci stupiamo di ciò, visto che la stessa cosa è accaduta per la caldaia che –sorprendentemente!– non funzionava, ma ciò è stato verificato quando il primo freddo era ormai arrivato con la conseguenza di farci lavorare in stanze e aule d’udienza gelate per diversi giorni.

Chi se lo sarebbe mai aspettato un groviglio burocratico che avrebbe impedito di rimediare tempestivamente? “Stranamente in un Paese come il nostro, connotato dalla semplicità e chiarezza delle leggi, in questo specifico settore – rispondono – sussiste un groviglio di norme che, favorendo l’antica pratica dello scarica-barile, impedisce di risolvere i problemi celermente e favorisce il rimpallo di responsabilità dal Ministero al Tribunale, dal Tribunale alla ditta di manutenzione e così via in ordine sparso.

Chi se lo sarebbe mai aspettato che i magistrati di Siracusa avrebbero reagito? “Questo sì che è un evento veramente eccezionale!”, è la risposta provocatoria.

Poi arriva l’affondo: “Noi magistrati, infatti, ci sforziamo sempre di svolgere le nostre funzioni con disciplina ed onore e, per spirito di servizio, spesso preferiamo subire inefficienze organizzative che in qualunque altro ambito lavorativo solleverebbero le dovute sacrosante proteste. E lo facciamo solo per evitare di distogliere l’attenzione e le energie dai fascicoli e dalle udienze.E così ci facciamo carico di rimediare, col sacrificio quotidiano, a mancanze che non dovrebbero gravare sul singolo magistrato e ci siamo talmente assuefatti a tutto ciò che evitiamo persino di reclamare quel benessere organizzativo che dovrebbe essere la precondizione per potere garantire all’utenza il migliore servizio-giustizia.Forse è per questo che manca quella pianificazione atta a prevenire i problemi, poiché comunque si è consci del fatto che poi noi magistrati non protesteremmo più di tanto.

“Anche stavolta, infatti, sebbene in questi giorni le temperature esterne abbiano toccato i 45°, abbiamo continuato a lavorare in silenzio, fiduciosi – argomentano i magistrati – che da un momento all’altro l’aria condizionata sarebbe stata ripristinata. Ma i giorni passano e non si intravedono soluzioni a breve termine, giacché financo gli straordinari interventi manutentivi di rattoppo non hanno funzionato. In considerazione della insostenibilità di lavorare con temperature che nelle stanze dei magistrati e nelle aule d’udienza superano costantemente i 30° e dunque in condizioni indegne di un Paese civile, come Sottosezione dell’Anm, ci siamo  presi la responsabilità di interpretare il sentimento di tutti i magistrati, con la maggior parte dei quali abbiamo interloquito di persona, raccogliendo il loro disagio e la legittima aspirazione ad ottenere quel minimo standard di benessere lavorativo che è necessario per potere prestare il proprio servizio con dignità ed efficienza. Non solo, ma riteniamo in questo senso di cogliere anche il sentimento degli avvocati, del personale amministrativo e dei cittadini – concludono – che si vengono a trovare loro malgrado in Tribunale”. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *