Cammarata azzera la giunta e chiede| a Berlusconi cento milioni l'anno - Live Sicilia

Cammarata azzera la giunta e chiede| a Berlusconi cento milioni l’anno

Il sindaco di Palermo batte cassa a Roma e chiede a Berlusconi cento milioni di euro l’anno per l’Amia, annuncia l’azzeramento della giunta cittadina ed il possibile ritorno dell’Mpa nell’esecutivo, affronta l’emergenza rifiuti e chiede il sostegno del Pdl e della maggioranza
"Dopo la risoluzione della crisi regionale"
di
22 Commenti Condividi

Il sindaco di Palermo batte cassa a Roma e chiede a Berlusconi cento milioni di euro l’anno per l’Amia, annuncia l’azzeramento della giunta cittadina ed il possibile ritorno dell’Mpa nell’esecutivo, affronta l’emergenza rifiuti e chiede il sostegno del Pdl e della maggioranza. Sono questi i temi sui quali si è concentrata la riflessione post elettorale di Diego Cammarata, deciso a rilanciare l’azione di governo piuttosto che “trascorrere i prossimi tre anni galleggiando o sopravvivendo”.
Nel corso di una conferenza stampa convocata questa mattina, il primo cittadino si è detto “convinto che il presidente del Consiglio risponderà in tempi brevissimi alla richiesta di sostegno” proveniente dal capoluogo dell’isola ed ha “escluso la possibilità di non trovare risposte”.
“Berlusconi non ha mai voltato le spalle ai palermitani ed ai siciliani in generale – ha detto Cammarata – In tutti i casi, sono pronto a lottare. In questi otto anni non abbiamo commesso errori strutturali o politici. La strada per continuare la crescita necessita di risorse per un concreto progetto sviluppo. Non dubito che il governo nazionale ci darà la possibilità di andare avanti. Nei prossimi tre anni del mio mandato non intendo galleggiare o sopravvivere”.
Secondo il sindaco “la vicenda Amia deve essere vista in un contesto generale di sviluppo della città, del quale ho parlato con il presidente del Consiglio alcuni mesi fa”. Cammarata ha ricordato di avere “anticipato a Berlusconi che se è stata fatta la scelta politica, da lui condivisa così come dalla maggioranza che l’ha sostenuta in Parlamento, di stabilizzare i precari, poi è necessario colmare il conseguente gap finanziario per le casse comunali. Oggi, senza tema di smentita, bisogna affermare che per la stabilizzazione servono 100 milioni di euro, ogni anno, di risorse comunali e non statali, che servono ad altro”.
Soldi per rimettere in sesto l’Amia, l’ex municipalizzata che si occupa di raccolta e smaltimento dei rifiuti. “Bisogna far fronte subito ai problemi di liquidità dell’azienda, per il pagamento degli stipendi e dei creditori – ha aggiunto – Inoltre stiamo elaborando un progetto che prevede l’individuazione di fondi strutturali per coprire il contratto di servizio. La soluzione alternativa all’aumento della Tarsu è che il governo nazionale ci aiuti”.
In sindaco si è detto sorpreso delle dimissioni dell’ex presidente dell’azienda, Marcello Caruso. “Erano nell’aria – ha ammesso – Mi ha sorpreso pero’ il tempo e il modo in cui sono avvenute”. Quindi, ha affrontato anche la questione relativa al’inchiesta giudiziaria in corso sul falso in bilancio e sulle spese allegre dei dirigenti della ex municipalizzata. “Non mi sono sottratto ai miei doveri di amministratore e non ho coperto nessuna responsabilità – ha spiegato Cammarata – Nel momento in cui verranno accertate delle colpe chiederò delle risposte. Sulla vicenda dei viaggi a Dubai il mio atteggiamento è laico. Si tratta di operazioni censurabili, sia sul piano operativo che strategico, anche se da qui a dire che hanno inciso sull’azienda ce ne passa. Tuttavia se c’è qualcuno che ha sbagliato pagherà”.
Sull’emergenza rifiuti e la discarica di Bellolampo, Cammarata ha sottolineato: “L’impianto non può reggere all’infinito, per questo vanno fatti i lavori di ampliamento della quarta vasca e costruita la quinta. Fatto ciò la discarica avrà una capacità di 35 mesi, tempo che servirà per fare i termovalorizzatori o prendere altre misure. Questi ragionamenti saranno oggetto di una riunione alla Protezione civile che si terrà oggi a Roma, a cui parteciperà il nuovo direttore generale Lo Cicero”.
Stante la situazione, Cammarata ha chiesto la collaborazione delle forze politiche che compongono la maggioranza in Comune. “Ho necessità di continuare un progetto forte per il governo di questa città – ha dichiarato – Chi, all’interno del mio partito e della mia maggioranza, sarà con me a difenderla sarà mio amico, chi, nel mio partito e nella mia maggioranza, sarà contro la città sarà, naturalmente, anche contro di me”. Per il primo cittadino “nel Pdl non bisogna ragionare nella lettura del voto con la logica della resa dei conti ma pensando ad un partito unito, che deve deve contrapporsi alla sinistra ed avere come interlocutore l’Mpa, che, dal canto suo, deve riformare la maggioranza che lo ha fatto vincere”.
Per questo, dopo la risoluzione della questione politica regionale, Cammarata ha annunciato l’azzeramento della sua giunta e la possibile apertura ad esponenti dell’Mpa. “Bisogna sedersi attorno ad un tavolo e fare un ragionamento comune – ha concluso – Dopo la soluzione delle vicende regionali azzererò la mia giunta, voglio attorno a me gente che ami Palermo e lavori ad un progetto di sviluppo della città. Mi riferisco sia al mio partito, il Pdl, sia all’Udc e all’Mpa. Non escludo che questa ultima forza politica possa rientrare in giunta. I miei rapporti con il presidente Raffaele Lombardo si sono interrotti proprio sulla mancanza di supporto alle esigenze della mia città. Oggi il presidente della Regione deve portare rispetto al Pdl, primo partito in Sicilia, anche perché il movimento autonomista non mi pare che abbia dato prova di grande forza in questa tornata elettorale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

22 Commenti Condividi

Commenti

    Ma chi a Palermo ha prodotto macerie negli ultimi anni come può parlare di ricostruzione?

    Chi azzera invece Cammarata? Si dimetta solo questo le rimane da fare.

    Ma che è… una moda?

    Ma che se ne vada! Lui è il primo della Banda Bassotti!
    Sciòòòòòòòòòòòòò………

    ma a lui chi lo azzerra???
    quanto te ne vai cammarata???????????????

    ma non siamo in trepidante attesa della sentenza sui consulenti per la quale il pm ha chiesto un anno di arresto, che se confermata potrebbe far scattare l’interdizione dai pubblici uffici con conseguente decandenza del sindaco? stavolta se dovesse succedere credo saranno in pochi a dire sentenza rossa.

    ancora insisti nel dire che ‘mancano’ cento milioni di euro, che hai destinato alla stabilizzazione dei precari non sparare cazzate! i soldi sono stati sempre a fondo statale a differenza di quelli che si sono succhiati i tuoi fedeli di partito tra viaggi e alberghi.
    ti ammiro come uomo ma odio le bugie

    Ma la giunta non può azzerare il sindaco?
    Sarebbe decisamente meglio 😀

    Premetto che non difendo nessuno!
    Ma per la poca esperienza che ho amministrare è difficile, poi farlo in una grande città è pure peggio.
    Certo il ridente Sindaco ha messo del suo avallando certi “comportamenti”…ma negare che l’aver dovuto stabilizzare i precari (che avevano comunque maturato negli anni un diritto) non sia una valida causa per la crisi finanziaria delle casse comunali è a dir poco scorretto.
    Poi si può apprezzare o meno chi governa la città…ma i numeri sono numeri nel bene e nel male…

    Mamma mia ancora TRE anni di cammarata!!!! Qualcuno ci aiutiiiiiii……

    Per l’amore della città si dimetta anche Lei. Vada al mare, si goda la famiglia,non è adatto a governare ne ad amministrare. Siamo in tantissimi a pensarlo. Non succede niente se si dimette. Magari diventa più simpatico. Potrà tornare a passeggiare nella sua città. Oggi rischia una caterva r’uova.

    BASTA CAMMARATA VATTENE VIA TU ALFANO CASTIGLIONE SCHIFANI ANDATE DAL VOSTRO PADRONE AVETE TRADITO IL POPOLO SICILIANO.

    Cammarata azzerati pure tu….tanto la citta’ l hai azzerata…mi raccomando azzerati insieme a schifani,castiglione,vizzini,e tutta la compagnia…andate ad arcore con le signorine…farete un favore a tutti tranne che alle signorine

    Dire che il suo atteggiamento “sulla vicenda dei viaggi a Dubai è laico” è come dire che Cicciolina è vergine. Per quali vizietti serviranno stavolta i 100 milioni l’anno? Dobbiamo proprio farci odiare da tutta l’Italia? Anche la nostra pazienza è azzerata…

    E berlusconi disse a cammarata aspetta e spera che il desiderio si averà.mi sa che tra qualche giorno ritornerà la spazzatura visto che l’Amia non ha soldi e spero che la magistratura faccia giustizia per i Palermitani.

    Atteggiamento laico… Ma che dice? Dovrebbe chiedere scusa per non avere difeso la cittá ci contro qualche balordo che a furia do viaggi e pubbliche relazioni adeguate oggi si trova tra i banche del senato… Invece insiste su posizioni “laiche” che probabilmente non sa nemmeno cosa significa.
    Cammarata, vattene

    Adesso tutti si lamentano di Cammarata, ma io domando: dove eravate, cari palermitani, nel maggio del 2007, quando lo avete votato in massa?
    Allora Cammarata andava bene, talmente bene da preferirlo a quello che a mio modesto avviso, simpatico o no che possa essere, è stato il miglio sindaco della storia di Palermo, Leoluca Orlando.

    Riflettiamo tutti quando andiamo a votare, è una scelta fondamentale, e soprattutto scegliamo non con il metro del “favore” che si può ricevere, ma sulla base delle storie personali, della credibilità politica e della capacità di amministrare dei candidati, perchè poi le conseguenze di scelte sbagliate sono pesantissime…

    Che c’entra Il Presidente Schifani? Vi siete scordati che anche palermitano? Cosa dovrebbe fare? Chiudere con la sua città? Vederla ricoperta da tonnellate di spazzatura? E’ Miccichè che con Cammarata ha saccheggiato l’Amia e tutte le altre Municipalizzate. E’ stato Miccichè a volerci stupire con Cammarata. Qualcuno qui accanto mi dice di suggerire di cambiare pusher, non so cosa vuol dire. Ma non mistifichiamo la realtà. Il Presidente Schifani ama la sua città ed è addolorato quanto noi per quello che accade. Secondo voi chi ha seguito l’emergenza rifiuti di questi ultimi giorni con gli occhi di Sua Eccellenza il Prefetto? Non spariamo nel mucchio ci faccamo tutti torti. Finiamola con questo senso di appartenenza che vi trasforma in bande tipo New York.La Politica dovrebbe essere cosa seria, sta invendo scemando ad un avvilente gioco di rappresaglie e vendette. Smettiamola tutti per il bene comune. Si parli di problemi e di soluzioni. Si vigili. Si contesti pure il Sindaco. Ma nei modi consoni di una società civile.

    @carmelo: io l’ho votato, ho votato cammarata nel 2007. quindi? non posso parlare? non posso esprimere il mio profondo disprezzo per l’azione amministrativa di questi ultimi due anni?
    io credo di si, lo faccio adesso e lo farò al momento debito alle prossime elezioni (spero avvengano presto)

    Signor Cammarata, non vuole cortesemente ricordarsi che la Sicilia è una regione autonoma? Ha mai sentito che il Friuli, per es, chieda milioni al governo centrale? E perchè Lei, invece di regolare il suo modo di governare, chiede che i suoi debiti vengano ripianati dalle altre regioni (alias, Governo centrale)?

    Per Cammarata vale, a mio avviso, lo stesso discorso di Lombardo.
    Come si fa a svuotare di senso politico un voto dato dal popolo sovrano. Certamente il popolo non è infallibile e gli errori poi vengono a galla.
    Quello che infastidisce è vedere con quale spregio di autorità, una volta eletti, alcuni esponenti politici si comportano.
    Quando non si è all’altezza del compito si rimette il mandato punto e basta, non si cercano alleanze trasversali, non si cercano nuovi volti stc…!!!
    Come ebbi a dire a un mio amico che una volta eletto, ad una delle Istituzioni, improvvisamente mi faceva dei discorsi più acculturati di quelli che si facevano prima, pretendendo di avere sempre ragione. allora gli dissi “Caro amico sai qual’è la novita per te ? Che entrando dalla porta di questa Istituzione ti hanno bombardato il cervello con l’Enciclopedia Treccani ecco perchè discorri cosi bene, ma stai attento che quando uscirai, perchè non rieletto, da quella porta, l’Istituzione si risuccherà tutto il sapere che ti aveva profuso per non fartifare mala fiura !!!!!!

    Cammarata cosi come l’ho votato cosi le chiedo dimettersi. E guai a Roma se pensano di inserirlo in qualche candidatura senza preferenza! Guai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.