Una barca a fuoco| Paura al porticciolo - Live Sicilia

Una barca a fuoco| Paura al porticciolo

L'imbaracazione in fiamme alla bandita

Ad avvisare i vigili del fuoco del comando provinciale i pescatori che si trovavano nella zona.

ALLA BANDITA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Momenti di paura al porticciolo della Bandita, dove ieri una barca è stata improvvisamente avvolta dalle fiamme. Quando è divampato l’incendio, sul posto si trovavano i pescatori e i proprietari delle piccole imbarcazioni ormeggiate: sono stati loro a lanciare l’allarme ai vigili del fuoco del comando provinciale, che sono intervenuti domando il rogo ed evitando che le fiamme si diffondessero.

Al porticciolo i pompieri hanno quindi raccolto tutti gli elementi per risalire alla causa dell’incendio, ancora non chiare. La prima ipotesi è che siano state le sterpaglie vicine a prendere fuoco. Inoltre, secondo i primi accertamenti, non sarebbe possibile risalire al proprietario della barca, quest’ultima risulterebbe quindi abbandonata.

Un altro incendio, ieri, si è verificato a Monreale, a pochi chilometri da Palermo. Le fiamme sono divampate all’interno di un appartamento di via San Martino. All’interno, una donna con la sua bambina di sette mesi, che in quel momento stava dormendo nella culla.

E’ stata proprio la mamma ad evitare il peggio: non appena ha visto il fumo che si diffondeva nell’abitazione è corsa a salvare la sua piccola, portandola immediatamente fuori dalla palazzina al civico 5. In strada si trovavano già diversi residenti della zona che oltre ad aiutare la donna hanno tentato di spegnere le fiamme mentre attendevano l’arrivo dei vigili del fuoco. Sia la mamma che la bimba non avuto bisogno delle cure dei sanitari del 118.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *