Via Felice Emma, c'è la soluzione | Intesa tra Comune e residenti - Live Sicilia

Via Felice Emma, c’è la soluzione | Intesa tra Comune e residenti

Immobili destinati a una famiglia Rome e a una palermitana.

Palermo
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – “Ci hanno detto all’inizio che eravamo razzisti ma noi residenti di via Felice Emma non lo siamo affatto, siamo per una vera integrazione che significa anche suddividere in varie zone della città i Rom che si trovano nel parco della Favorita. Era impensabile portare oltre 100 persone in un piccolo quartiere residenziale dove ci conosciamo tutti e dove c’è una strada senza uscita. Siamo quindi contenti che la questione si sia risolta e che nella villa confiscata andrà una famiglia con due bambini”. Lo dice Giovanna Di Franco, portavoce dei residenti di via Felice Emma, tra via Altofonte e la borgata di Pagliarelli, dove si trovano le due ville confiscate alla mafia su cui si è aperta la polemica perchè destinate a famiglie Rom.

Il Comune ha deciso di destinare una parte degli spazi a una coppia rom con due bambini piccoli e un’altra a una famiglia palermitana inserita nella lista dell’emergenza abitativa. L’accordo tra il Comune e i residenti finalmente è stato trovato e sarà presentato nel pomeriggio a palazzo delle Aquile alla presenza del sindaco Leoluca Orlando e dell’assessore Giuseppe Mattina, che parleranno anche della dismissione del campo Rom. Saranno presenti anche i residenti di via Felice Emma e i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione che hanno partecipato agli incontri. “Siamo ben lieti di poter integrare questa famiglia rom, ma l’ipotesi di portare qua tutte le famiglie – aggiunge – avrebbe fatto soltanto spostare il problema da una parte all’altra della città e nasconderlo, alterando e destabilizzando la nostra comunità”.

La seconda villetta, con il Comune che si farà carico di tutte le opere, sarà trasformata in un piccolo parco urbano con giardino aperto al quartiere e la possibilità di organizzare all’interno attività per bambini e anziani. “Questa storia dei Rom alla fine – conclude Di Franco – è servita per far venire alla luce una serie di problematiche che abbiamo da anni, come la mancanza di spazi, di illuminazione pubblica, la conduttura dell’Amap che l’amministrazione comunale adesso ha promesso che farà”.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Chapeau ai residenti, avete sconfitto il razzismo. Lo stesso valga in tutti i quartieri residenziali della città dove andrebbero ripartite non solo tutte le famiglie Rom ma anche tutti i Migranti presenti a Palermo che non possono rimanere a vita a carico della Curia e delle Cooperative Sociali. Sarebbe bello vedere Migranti e Rom abitare ad esempio in piazza Unità d’Italia (dove abito), in via Libertà, in viale Strasburgo, Croce Rossa o anche nelle ville di Mondello, Capo Gallo, via dell’Olimpo ecc.. Con spese di acqua, luce e telefono a carico di tutta la collettività palermitana come gesto di solidarietà nei confronti di queste categorie economicamente svantaggiate rispetto a noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *