"Il verbale era falso" | Vigile urbano condannato - Live Sicilia

“Il verbale era falso” | Vigile urbano condannato

La Cassazione scrive la parola fine sul processo. Aveva ragione l'automobilista.

10 Commenti Condividi

PALERMO – Ricorso inammissibile, la condanna diventa definitiva. Otto mesi di carcere per avere falsificato un verbale sono stati inflitti al vigile urbano Giovanni Ferina. Lo ha deciso la Cassazione. Confermate anche le attenuanti generiche, la sospensione della pena e la non menzione nel casellario giudiziale.

La storia inizia con il più classico dei battibecchi fra automobilista e vigile urbano. Nel 2012 Ferina è in servizio in viale delle Alpi. Ci sono diverse auto parcheggiate male. Una di queste è di proprietà di Claudio Bajardi. Avvertito dal portiere l’uomo scende e chiede al vigile se ha già elevato la multa. “Non ancora”, avrebbe risposto il poliziotto municipale. L’automobilista si affretta a parcheggiare la macchina altrove. Torna a casa convinto di essersi risparmiato una doppia multa per avere lasciato l’auto in divieto di sosta ed in prossimità di una curva.

Ed invece, pochi mesi dopo, riceve la multa per posta. Solo che l’infrazione è diventata la sosta in doppia doppia fila. Non si parla più, dunque, di parcheggio vietato e in prossimità di una curva. Bajardi non ci sta. La sua auto non era in doppia fila. Si rivolge prima al giudice di pace e poi scrive al Comando della polizia municipale chiedendo spiegazioni. Non riceve risposta e allora decide di querelare per falso il vigile urbano. Da qui la condanna dell’imputato che dovrà pure pagare le spese legali alla parte civile assistita dall’avvocato Fabrizio Bellavista.

Di avviso opposto l’imputato, secondo cui le cose sarebbero andate in maniera diversa. Bajardo avrebbe fatto in tempo ad evitare la multa. Solo che avrebbe spostato la macchina parcheggiandola, stavolta in doppia fila, sul lato opposto rispetto alla portineria dove avvenne la discussione con il vigile. Tra il primo e il secondo episodio ci sarebbe pure un’ora di differenza.

“A Ferina viene contestato un falso illogico – spiegò il suo legale, l’avvocato Vincenzo Lo Re -. Se davvero Ferina avesse voluto agire al solo inspiegabile scopo di recare a Bajardi uno sfregio, di certo non lo avrebbe sanzionato per sosta in doppia fila, ma per sosta in zona vietata ed in prossimità di una curva che, sulla base delle norme del codice della strada, è infrazione punita ancor più gravemente della prima”.

“La Cassazione ha cristallizzato quanto ampiamente motivato dal giudice di merito di Palermo – spiega ora l’avvocato di parte civile, Fabrizio Bellavista -. La contravvenzione indicava dei dati falsi e non si poteva consentire che ad un ispettore dei vigili urbani fosse consentito alterare la realtà dei fatti. Non fa mai piacere perseguire un appartenente a una forza di polizia fino a giungere ad una sentenza di condanna e certamente questa sentenza non vanifica il quotidiano lavoro dei vigili urbani che operano correttamente. Credo – conclude – che proprio non perseguire la condotta alla fine condannata avrebbe costituito una macchia anche per i colleghi”.

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    Meno male che ogni tanto si trova un giudice che fa “giustizia” bella e candida parola.
    Questo vigile dovrebbe cambiare mestiere.

    La morale della storia qual é, dunque?
    Continuate pure a parcheggiare in doppia fila o in prossimità di una curva, palermitani.
    Nella peggiore delle ipotesi, cioè se dovesse passare una pattuglia di vigili urbani che cercano di fare il proprio dovere in una città in mano agli strafottenti e agli incivili, sappiate che, se avete tempo da perdere e soldi da spendere, un astuto avvocato troverà sempre il modo per farvi annullare l’eventuale contravvenzione inflitta.

    La verità nonla sapremo mai, la sanno solo le due parti…

    Assolutamente vero quello che scrive cico,altrettanto vero però e che i primi che dovrebbero dare l’esempio sul rispetto del codice della strada dovreste essere voi della polizia municipale.

    Salve, desideravo sapere se sulla corsia di fronte la banca S. Angelo in via Cavour si può posteggiare, un vigile dice mi ha risposto di si un’altro mi ha detto no.

    Prendo spunto da questo articolo.
    Ma nessuno sa come è andata a finire la storia dell’ispettore in borghese della municipale e dell autista della Prestia e Comandè?
    Tutto tace?

    Ma veramente hanno sentenziato che il verbale era falso! Cosa c’entra con la morale sulla doppia fila o in curva? Chi sei il difensore dell’indifendibile? Sono due cose differenti. L’inciviltà ormai la viviamo ogni giorno in una città allo sbando, ma qua si parla di altro mi pare! Oppure ho letto male?

    Ma l’Ammistrazione comunale di Palermo e il Comando della Polizia municipale che posizione hanno assunto rispetto a quanto accaduto e che provvedimenti hanno adottato, perchè non se ne parla proprio. Sarebbe interessante saperlo.

    L’auto era parcheggiata in modo difforme da quanto previsto dal CdS. E, se il portiere non avesse avvertito il proprietario prima che venisse sanzionata, sarebbe rimasta in tali condizioni per chissà quanto altro tempo. Il vigile poi ha commesso un illecito nell’applicare la sanzione e per questo è stato condannato, ma la condotta dell’automobilista non mi pare affatto esente da critiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *