"Io non volevo, mi faceva male"| Condannato lo zio orco - Live Sicilia

“Io non volevo, mi faceva male”| Condannato lo zio orco

Gli abusi sessuali avvenuti mentre i nonni guardavano il televisore. Risarcimento da 100 mila euro.

4 Commenti Condividi

PALERMO – “Lo zio faceva il porco”, raccontò qualche anno fa la vittima agli assistenti sociali. Doveva essere una parentesi di serenità ed invece il fine settimana a casa dei nonni diventava un incubo.

Fino a quando non si è scoperto che Claudio, il nome è di fantasia, all’epoca tredicenne, era vittima degli abusi sessuali dello zio materno.

Ora l’uomo, poco meno che trentenne, è stato condannato a sei anni di carcere dal giudice per l’udienza preliminare Lorenzo Matassa. Una pena ridotta di un terzo per il rito abbreviato. Lo zio dovrà risarcire la giovane vittima con 100 mila euro.

Erano stati i responsabili della comunità a cui era stato affidato il ragazzo, tolto alla madre nel frattempo trasferitasi fuori città, prima a notare i turbamenti del ragazzino e poi a raccoglierne la confessione choc: da sette anni subiva i soprusi dello zio, persino quando in casa c’erano gli altri parenti, che non si sono mai accorti di nulla.

Le richieste dell’imputato erano diventate pressanti e insostenibile: “Ci provava sempre, anche se io dicevo no lo faceva lo stesso… si metteva sopra di me… fare sesso significa mettersi a letto e fare il porco… faceva male… a casa del nonno non ci vado più”. E dire che il rientro saltuario a casa dei parenti avrebbe dovuto essere per la vittima un modo per continuare a sentirsi parte della famiglia.

I nonni anziani ascoltavano la tv e non si accorgevano di quanto accadeva nella stanza accanto. Il racconto della vittima era pieno di particolari raccapriccianti. Un racconto ritenuto credibile dagli esperti. E così lo zio orco finì in carcere. Ora la condanna.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Sei anni?una vacanza dunque….
    Mi dispiace sentire queste cose….lo stupro. ..su un minore poi …dovrebbe essere giudicato alla pari di un omicidio.
    D’altronde sono stati uccisi i diritti di un essere vivente. …..

    Ora che si faccia questi sei anni senza che qualche giudice pivellino o irresponsabile lo liberi ai domiciliari o in qualche casa di cura.

    se era davvero colpevole ( perchè errori in italia ce ne sono eccome) 6 anni non è una pena ridicola??

    Matassa, ma che condanna é 6 anni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *