Zisa, baby rapinatori al "Conad"| I clienti fanno arrestare due giovani - Live Sicilia

Zisa, baby rapinatori al “Conad”| I clienti fanno arrestare due giovani

In manette un 14enne e un 15enne.

PALERMO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – A 14 e 15 anni in azione con coltelli e cappellini. Hanno fatto irruzione al “Conad” di via Settembrini due baby rapinatori subito segnalati da due clienti alla polizia.

E’ successo sabato pomeriggio, quando i due giovani hanno minacciato i dipendenti e si sono fatti consegnare circa cinquecento euro. Durante le fasi concitate della fuga, marito e moglie che erano poco prima usciti dall’attività commerciale hanno lanciato l’allarme al 113 e indicato ai poliziotti la direzione in cui i rapinatori hanno tentato di far perdere le proprie tracce.

I Falchi della squadra mobile hanno subito avviato le ricerche nella zona della Zisa e individuato i due minorenni: durante la corsa spericolata a bordo di uno scooter si erano sbarazzati degli abiti indossati durante il colpo, mentre nelle loro tasche è stato trovato l’intero bottino, poi restituito ai titolari del supermercato. Per entrambi è così scattato l’arresto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Apprezzamento per l’efficace intervento della coppia che ha prontamente fornito elementi utili alle FF.OO. per acciuffare i malfattori: non si sono voltati dall’altra parte, non hanno fatto finta di nulla.
    La costante collaborazione tra i bravi cittadini e la polizia riuscirà, se non proprio a liberarci, almeno a ridurre le azioni malavitose.

    Se volete fare una cosa seria,visto che sono minorenni, costringete i genitori alla firma presso un commissariato di polizia tre volte al giorno, in questa maniera i genitori cominceranno a insegnare l’educazione a questi piccoli delinquenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *