25 anni senza Franco Franchi | Quando disse: "Devo tutto a voi" - Live Sicilia

25 anni senza Franco Franchi | Quando disse: “Devo tutto a voi”

L'iniziativa a Palermo per ricordarlo.

L'ANNIVERSARIO
di
7 Commenti Condividi

Sarà forse un caso, ma su YouTube, auditel popolare quanto attendibile, il video più cliccato di Franco Franchi è quello della sua ultima sua apparizione in tv nel 1992 a Domenica In quando era ormai molto malato e vicino alla fine. Si vede un attore comico provato, ma ancora pieno di quell’umanità che lo ha contraddistinto tutta la vita e che dice visibilmente commosso al pubblico in studio: “Devo tutto a voi”.

Cosa resta oggi di Franco Franchi a 25 anni della sua scomparsa avvenuta il 9 dicembre del 1992? Sicuramente la sua faccia di gomma, che lo rendeva una sorta di Jim Carrey italiano ante litteram, e che dava alla coppia comica, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, un valore aggiunto al comprimario imbranato e ingenuo, ma pieno di esuberanza e fuoco popolare, mentre Ingrassia era quello più furbo, informato, serio e maltrattatore. Un po’ come è per tutte le coppie comiche da Stanlio & Ollio in poi. Ma come titola l’omaggio che si terrà a Palermo, ‘Franco Franchi, maschera di Palermo’ Franco Benenato (questo il suo vero nome) era soprattutto una maschera siciliana. Un uomo nato povero, quarto di tredici figli, che è costretto subito a lavorare, ma anche a commettere piccoli furti, cosa che gli costò il carcere nel 1950. Le cose cambiano grazie all’incontro prima con Salvatore Polara, con il quale iniziò a recitare, suonare e cantare per strada con il nome d’arte di Ciccio Ferraù, poi con Ingrassia, ex calzolaio ma già attore affermato a livello popolare.

Da qui il loro lungo sodalizio (interrotto da due rotture professionalità poi ricucite) prima in strada, poi in teatro e, infine al cinema dove i due hanno prodotto ben 116 lungometraggi, quasi tutti definiti dai critici di serie b. Ma al là di questo giudizio, per loro fu grande successo al box office (circa il 10% degli incassi annuali in Italia negli anni Sessanta). Poi per Franchi alcune partecipazioni in film ‘alti’ come Kaos, dei fratelli Taviani e in Tango blu di Alberto Bevilacqua. Non manca nella vita del comico siciliano, nel 1989 un avviso di garanzia per associazione mafiosa da parte del magistrato Giovanni Falcone per il maxiprocesso quater. In quella occasione Franchi riconobbe di aver incontrato, anche grazie al suo lavoro, boss mafiosi, ma a scagionarlo fu il fatto che questi personaggi erano di famiglie rivali.

Nel ricordo di Franchi che si terrà a Palermo al cinema De Seta, l’associazione Lumpen, che ha organizzato le due serate, il 9 e il 10 dicembre, ha coinvolto gli attori palermitani Ficarra e Picone, Marco Giusti, autore televisivo e critico cinematografico, e il regista Franco Maresco, autore di Come Inguaiammo Il Cinema Italiano, il documentario più completo mai dedicato alla vita e all’arte di Franchi e Ingrassia, scritto e montato insieme a Daniele Ciprì e a Claudia Uzzo. Nel corso delle due serate saranno proiettati filmati rari e inediti e mostrate anche foto della coppia Franchi e Ingrassia sui set, in teatro e nella vita privata , insieme a rare locandine e poster realizzati per la distribuzione dei film della coppia in paesi stranieri come Francia, Germania e Argentina. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Grande Franco, da piccolo ci hai fatto divertire. È sempre bello vederti e ricordarti. Grazie per le risate che ci hai fatto fare. Riposa in pace

    un grandissimo artista , e una grande persona….!!!

    E’ stato un grande attore, ma come è successo per il grandissimo ed unico Totò, solo dopo la sua morte e grazie all’interessamento dei figli di Franco, Letizia e Massimo, è stato rivalutato, anche se come avrebbe dovuto essere! Forse un giorno si capirà il genio comico di Franchi!

    Senza nulla togliere ai figli bisogna riconoscere il grande impegno dello storico Giuseppe Li Causi che ha lavorato tanto per fare intestare la piazzetta “Franco Franchi e Ciccio Ingrassia” ed e’sempre stato promotore di tante iniziative per ricordarLo andando in giro per la sicilia e partecipando a vari programmi televisivi.Grazie Sig. Li Causi per tutto quello che fa.

    Franco Franchi è stato un attore immenso dalla immagine perenne. Ho avuto la fortuna di conoscerlo in via Orologio (di fronte al Teatro Massimo) e con lui ho preso un caffè. L’ho visto recitare al Cine- Teatro Golden, in delirio e applausi a non finire, ovazioni e grida festanti. La sua bravura non ha avuto limiti e confini. Entra nella storia di Palermo tra i cittadini più illustri in assoluto, di un talento senza fine. Il suo linguaggio e la sua mimica facciale furono di miracolosa immediatezza. Personalmente mi commuove sino alle lacrime allorché si parla di lui – povero. Dallo stile assolutamente unico, Palermo non può perdere l’amore per Franco Franchi rimasto se stesso. La sua epoca è nel mio cuore.

    Su You tube si trova anche Core n’grato che x me è semplicemente spettacolare…. 2 mostri sacri. I loro film saranno anche di serie B, ma come loro non c’è ne saranno mai più.

    tante le persone del cinema che mi hanno dato.. FRANCO e CICCIO e sicuramente soggettivo tutto…io devo dire grazie siete un sorridente pensiero.FIORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.