A Salemi "Ammirazioni": |da Augias a Camilleri - Live Sicilia

A Salemi “Ammirazioni”: |da Augias a Camilleri

Incontri culturali
di
1 Commenti Condividi

Luca Beatrice, 48 anni, critico d’arte contemporanea (ha realizzato monografie e cataloghi di mostre personali di importanti artisti italiani e internazionali), curatore del “Padiglione Italia” alla 53^ Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, inaugura martedì 28 luglio alle 19,30 sul sagrato dell’ex Chiesa Madre in piazza Alicia a Salemi, la rassegna dal titolo “Ammirazioni”, ciclo di incontri e confronti tra i più brillanti autori contemporanei su temi che animano l’attuale dibattito culturale e politico del Paese.

Nel corso della serata una jam-session del clarinettista di fama nazionale Nicola Giammarinaro. La rassegna è promossa dal Comune e dall’Assessorato alla Creatività, in collaborazione con l’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e la Provincia Regionale di Trapani.

“Il festival di letteratura Ammirazioni – spiega Vittorio Sgarbi – si ricollega al capolavoro di Emil Cioran ‘Esercizi di Ammirazione’. La letteratura produce ammirazione. Sentire qualcuno parlare non è altro che ammirare le sue parole”.

“Ammirare – osserva invece Oliviero Toscani, assessore alla Creatività – è un esercizio importante. Dovremmo esser capaci di ammirare fino ai nostri più grandi nemici”.

Dopo Beatrice arriveranno a Salemi Corrado Augias, Pierluigi Battista, Andrea Camilleri, Antonio Gnoli, Vladimir Luxuria, Vito Mancuso, Dacia Maraini, Francesco Merlo, Piergiorgio Odifreddi e Debora Serracchiani.
L’ingresso alla serata è gratuito.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    lo scrittore camilleri ??lui ha parlato male dell’Italia,in un giornale spagnolo,a detto che chi ci governa è un dittatore.in’Italia siamo abbstanza liberi tutti,fin troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *