Almaviva-Covisian, conclusa la vertenza con Ita: lavoratori salvi - Live Sicilia

Almaviva-Covisian, conclusa la vertenza con Ita: lavoratori salvi

I 522 operatori call center saranno assunti entro la fine dell'anno
0 Commenti Condividi

PALERMO – Si è finalmente conclusa, con una buona notizia, la vertenza che vedeva coinvolte Covisian, Almaviva e Ita Airways. I 522 operatori call center saranno assunti, entro l’anno, da Ita Airways e Covisian.

I dipendenti, dopo due mesi di proteste, dunque salvano il loro lavoro e non vedono più in bilico il loro futuro.

L’accordo è arrivato nella tarda serata di ieri sera. Tra le parti c’è stata una lunga riunione terminata alle 22 al ministero del Lavoro. I sindacati, la compagnia Ita Airways e le società Covisian e Almaviva hanno firmato l’accordo che nel giro di sei mesi dovrebbe consentire a tutti gli operatori di tornare al lavoro e nel frattempo assicurare gli ammortizzatori sociali a chi attende di essere riassorbito. Di questi 200 saranno assunti direttamente da ITA e 322 assorbiti da Covisian.

“Una buona notizia per le lavoratrici e i lavoratori. Un risultato non scontato per il quale esprimo grande soddisfazione – dichiara il ministro del Lavoro Andrea Orlando -. Ringrazio tutti i soggetti coinvolti a partire dal mio staff, le parti sociali, le imprese e il MISE che ha lavorato per mettere in campo una risposta che ha consentito di salvaguardare i livelli occupazionali. Avevamo detto che avremmo gestito il tavolo senza clamore e senza propaganda, con l’unico obiettivo di non lasciare i lavoratori a casa e abbiamo raggiunto questo risultato”.

“L’accordo raggiunto oggi tra le aziende coinvolte, Almaviva, Covisian, ITA e le organizzazioni sindacali – spiega Orlando – consente di salvaguardare l’intero perimetro occupazionale dei siti di Palermo e Rende. I 520 lavoratori interessati dalla vertenza verranno interamente riassorbiti da Covisian e ITA Spa Airways entro il 31 dicembre 2022 in linea con quanto previsto dall’accordo dello scorso 21 ottobre. In particolare, ITA si è impegnata ad assumere a tempo indeterminato 200 lavoratori del bacino di Palermo e Rende, mentre gli altri verranno progressivamente riassorbiti da Covisian. L’accordo è stato raggiunto grazie alla disponibilità di tutte le aziende coinvolte a contribuire alla risoluzione del problema. Le assunzioni di 200 lavoratori da parte di ITA consentiranno di accompagnare la crescita del business della compagnia che sta vedendo aumentare il volume dei passeggeri e il numero di rotte, garantendo un servizio di assistenza al cliente ottimale. Lo rende noto l’Ufficio stampa del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali”.

Ita Airways esprime soddisfazione per l’accordo

“Ita Airways esprime soddisfazione per l’accordo trovato questa sera al tavolo indetto dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali in sinergia con il ministero dello Sviluppo economico – si legge in una nota diffusa dalla compagnia – L’accordo conferma quanto già sostenuto da Ita Airways in sede di audizioni parlamentari e salvaguarda le elevate competenze degli addetti al call center di Palermo e Rende, un patrimonio che viene valorizzato. Tutto questo ottenuto in considerazione del livello di crescita estremamente positivo della compagnia, che sta vedendo aumentare i suoi volumi di attività in maniera particolarmente rilevante, in termini di incremento del business per prenotazioni passeggeri e aperture di nuove rotte”.

“L’accordo – aggiunge la compagnia aerea – si determina sui seguenti punti più rilevanti: internalizzazione con contratto a tempo indeterminato di 200 risorse ex Covisian dedicate alla commessa Ita Airways, che si affiancano ai colleghi già presenti nella sede di Fiumicino, in modalità smart working a Palermo e Rende, secondo il seguente calendario: 100 assunzioni a partire dalle prossime settimane, e anticipo rispetto alle previsioni iniziali del tavolo di contrattazione, di altre 100 entro dicembre 2022 in linea con le ottime previsioni di crescita della compagnia; utilizzo di strumenti sociali innovativi presenti nell’ultima legge di bilancio in accordo con i ministeri competenti. Ita Airways sottolinea il prezioso lavoro del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali insieme al ministero dello Sviluppo economico, che hanno permesso la realizzazione di un tavolo di concertazione contraddistinto da un approccio costruttivo di tutte le parti coinvolte, a partire dalle sigle sindacali”.

Covisian: “Grazie a tutti per l’impegno”

Gabriele Moretti, presidente esecutivo di Covisian esprime “grande soddisfazione per l’accordo raggiunto e ringrazia l’impegno di tutte le parti per il loro contributo a questa soluzione che come affermato in Parlamento non poteva che passare attraverso l’impegno di tutti i soggetti al tavolo coordinato con successo dal Ministro Orlando e dalla sua struttura. Covisian, da sempre attenta al benessere dei lavoratori, assorbirà trecento persone da dedicare a nuove attività – ha dichiarato – noi crediamo che il lavoro vero e gli investimenti in ricerca tecnologica possano essere l’unica soluzione alla crisi del settore”.

Soddisfatti i sindacati

“Gli accordi sottoscritti prevedono l’assunzione complessiva di 522 lavoratori, 200 assunti direttamente da Ita e 322 assorbiti da Covisian”. È quanto si legge in una nota congiunta di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil. I sindacati spiegano che “sono stati sottoscritti due importantissimi accordi che salvaguardano l’intero perimetro occupazionale delle lavoratrici e dei lavoratori precedentemente operanti sulle attività di assistenza clienti di Alitalia prima, ed Ita poi”.

Orlando e l’assessore Marano: “Ringraziamo i sindacati e le imprese”

“Alla fine ha prevalso il buon senso, il rispetto per le lavoratrici ed i lavoratori. Un apprezzamento va rivolto al Ministro Andrea Orlando e al Ministero del lavoro per avere accolto l’appello delle lavoratrici e dei lavoratori , delle organizzazioni sindacali e della città di Palermo. Vogliamo ringraziare sindacati e imprese per l’accordo Ita Covisian Almaviva che garantisce il proseguimento dell’attività lavorativa ed il mantenimento  sostanziale dell’attività a Palermo. Le lavoratrici ed i lavoratori hanno dimostrato senso di responsabilità, tenacia e capacità di mediazione.  Senza queste nessun accordo sarebbe stato possibile.  La nostra soddisfazione è non solo quella legata alla soluzione positiva di una vicenda , a tratti drammatica, ma di avere avuto l’opportunità di viverla fino in fondo, fino alla sottoscrizione dell’accordo.  Il nostro dovere era quello di sostenere chi lavora e facilitare l’accordo. Siamo contenti di averlo adempiuto. L’ Amministrazione comunale conclude il proprio mandato con la conferma della clausola sociale e dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. Grazie a tutti e a tutte”. Lo dichiarano il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e Giovanna Marano assessora al lavoro.

Lagalla: “Ridata dignità ai lavoratori”

“Finalmente, dopo mesi di rinvii e tribolazioni, la vertenza Covisian ha un lieto fine. È stata restituita la doverosa dignità a un gruppo di lavoratori che per troppo tempo hanno atteso e combattuto”. Così su Twitter il neo sindaco di Palermo Roberto Lagalla.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *