Amia, attesa per la sentenza| Task force anche per Napoli? - Live Sicilia

Amia, attesa per la sentenza| Task force anche per Napoli?

Il sindaco Orlando mercoledì e giovedì sarà a Roma per alcuni incontri con i ministri del governo Monti. E sul tavolo della task force potrebbe finire anche Napoli.

PALERMO, GIOVEDI' INCONTRO PER LA GESIP
di
9 Commenti Condividi

“Sull’Amia aspettiamo la decisione del tribunale”. Leoluca Orlando non usa mezzi termini parlando del futuro della società partecipata del comune di Palermo, sull’orlo del fallimento e in attesa della sentenza dei giudici che ne dovranno decretare la sopravvivenza o meno. “Faremo di tutto per evitare il fallimento e dare attuazione al piano predisposto dal liquidatore per il concordato fallimentare”.

Ma sul fronte partecipate c’è da registrare anche la vicenda Gesip. Il sindaco Orlando volerà a Roma mercoledì, per incontrare il ministro all’Ambiente Corrado Clini, e poi giovedì parteciperà alla riunione della task force, che dovrebbe garantire la sopravvivenza dell’azienda per i prossimi cinque anni e che dovrebbe, secondo alcune indiscrezioni, comprendere anche il comune di Napoli. “Dopo che venerdì abbiamo approvato la delibera – ha detto Orlando – ho ricevuto una telefonata del ministro Anna Maria Cancellieri. I lavoratori riceveranno presto gli stipendi, il tempo degli adempimenti tecnici. Ma anche se li ricevessero fra 15 giorni, fossi in loro ci metterei la firma. Dopo l’incontro con la task force, incontreremo subito i sindacati”.

Il sindaco, che oggi che avuto un colloquio telefonico con il ministro al Turismo Piero Gnudi, ha anche annunciato la visita a Palermo dei sindaci di Napoli e Bari Luigi De Magistris e Michele Emiliano in occasione del ventennale della strage di via D’Amelio.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Caro sindaco fra un po veniamo a casa sua a mangiare,dato che le risorse stanno per finire. Ci dice di stare calmi di andare a lavorare,ma come possiamo stare calmi le banche inizieranno a chiamare,magari ci metta una buona parole anche con loro.grazie distinti saluti.

    Sig.sindaco bravo ti devo pure dire grazie ma i miei figli io non ci posso dare a mangiare firme,io il mio stipendio lo voglio subito fai una cosa mettiti al posto mio senza nessun altro reddito vivo di questo stipendio (sussidio)senza nessun altro e neppure me lo posso andare a fare il secondo lavoro perché sono invalido sul lavoro e fra poco le mie braccia non funzionano più,perciò tira tu le conclusioni.

    Caro signor Sindaco, anche io le faccio un appello, affinche’ faccia pagare gli stipendi agli operai della Gesip. Io come altri, sono un operaio Gesip che vive con questo solo stipendio, ho famiglia con bambini piccoli e mi ritrovo in difficolta’ per tirare avanti.Le porgo i miei saluti,aspettando da lei una risposta positiva.

    Visto che siete stati assunti solo per raccomandazione e per non dare valore aggiunto alla città, anche se arrivano tra 15 giorni, sti soldi sono comunque piovuti dal cielo.

    Filippo il 14 luglio di sera non uscire sai………………..cadone le stelle ( Sanlorenzo) NON VORREI CHE QUALCUNO TI COLPISCA AHAAHAHAHAHAH

    qualche giorno di ritardo non mi preoccupa, (anche se dovrò stringere la cinghia) quello che mi fa paura e che dovrebbe preoccupare un po tutti i colleghi gesip credo sia il futuro,
    qualcuno sa cosa ci proporrà il governo? e su questo che ci dovremmo informare, ma sicuramente ai capi popolo e pseudo sindacalisti viene più facile fare leva sulla fame dei colleghi e fomentare per poi magari chiedere anticipi o altri favori, riflettete cari colleghi!!

    Si puo’ risolvere il problema per 1, 6, 12 mesi, ma se un’azienda non serve a nulla ed e’ fatta da gente che non fa nulla tanto prima o poi chiude.

    COME SI PORTA AL PRECIPIZIO UN AZIENDA COME EX AMNU AL FALLIMENTO, UN CATTIVA GESTIONE AMMINISTRATIVA DOVE SONO STATI SPERPERATI SOLDI PUBBLICI AI DANNI DELLA COMUNITA’ PALERMITANA RITROVANDOCI CON UNA CITTA’ SPORCA SENZA DISINFESTAZIONI E CON I MEZZI INEFFICENTI ,CON IL PERSONALE CHE PROTESTA PERCHE’ NON PRENDE LO STIPENDIO E CON TANTI ALTRI FATTORI CHE AGGRAVANO E CHE FANNO DA CONTORNO, SPERO TANTO CHE QUESTA VOLTA SI RIESCA A PRENDERE A CUORE QUESTE PROBLEMATICHE CON QUESTA NUOVA AMMINISTRAZIONE E CHE IL SINDACO ORLANDO FACCIA SCUOLA A TUTTI QUESTI BUROCRATI IINUTILI CHE NON HANNO FATTO SOLAMENTE DANNO ALLA NOSTRA COMUNITA’.BISOGNA SAPERE ORGANIZZARE I VARI SETTORI NONCHE’ IL PERSONALE IN ORGANICO SIA DI AMIA DI AMIA ESSEMME E GESIP. GUARDARE LE PIANTE ORGANICHE E PRENDERE LE PERSONE CHE SANNO SVOLGERE BENE LE LORO MANSIONI SIA DI RACCOLTA DI DIFFERENZIATA PORTA A PORTA CHE DI GIARDINAGGIO DI POTATURA E DI PULIZIA SIA DEI PARCHI ED ANCHE DELLE ZONE AL DI FUORI DEL CENTRO STORICO,PERCHEE’ PER CHI NON LO SAPESSE ESISTONO ANCHE QUELLE, BISOGNA FARE CULTURA CIVICA ANCHE NELLE SCUOLE IN QUANTO LA COLPA E’ ANCHE DEL CITTADINO CHE NON SVOLGE IL PROPRIO DOVERE AD AGEVOLARE E MANTENERE QUESTA CITTA’ PULITA.BISOGNA CHE CI SIA MAGGIORE CONTROLLO SIA AI DIPENDENTI DI QUESTE AZIENDE SIA AI CITTADINI MALEDUCATI CHE NON FANNO IL DOVERE DEL CITTADINO PULITO.SPERO TANTO CHE QUESTI PROBLEMI VENGANO RISOLTI SIA PER L’AZIENDA AMIA AMIA ESSEMME CHE GESIP E CHE RITORNINO A LAVORARE PIU’ SERENAMENTEE PIU’ ENTUSIASMO

    IL COMMENTO PRECEDENTE E’ DALL’INDIRIZZO DI CUI SOPRA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *