Via Roma, ancora pulci alle Poste | In quattro finiscono in ospedale - Live Sicilia

Via Roma, ancora pulci alle Poste | In quattro finiscono in ospedale

Un portalettere in servizio in via Roma mostra le punture di pulci

Secondo caso in due settimane nel centro di raccolta di via Roma. Il Slp-Cisl: "Scarsa pulizia".

Palermo - il caso
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Ancora pulci nel centro di raccolta e smistamento delle Poste di via Roma. Ieri mattina i portalettere che stavano entrando in servizio al punto di raccolta Palermo Centro hanno trovato i locali di nuovo invasi dai parassiti, dopo che lo stesso centro era stato protagonista di un episodio analogo pochi giorni fa (clicca qui per leggere il servizio del 14 giugno). Un caposquadra, un portalettere e due membri del personale esterno sono finiti al pronto soccorso per le punture di insetto, ricevendo una diagnosi di aggressione da artropodi e una prognosi di sette giorni. Gli altri lavoratori del punto di raccolta si sono spostati al Centro meccanizzazione postale di via La Malfa, lasciando però inevasa la corrispondenza per la seconda volta in due settimane.

Già una settimana fa, nello stesso punto di raccolta Palermo Centro di via Roma, i portalettere si erano rifiutati di lavorare per la presenza di pulci nei locali e avevano chiesto una disinfestazione dei locali. Quello stesso pomeriggio la ditta incaricata da Poste della disinfestazione aveva ispezionato il centro e aveva compilato un verbale in cui affermava di non aver trovato parassiti. Sulle operazioni di pulizia però Maurizio Affatigato, coordinatore nazionale del Sindacato Lavoratori Poste della Cisl, esprime i suoi dubbi: “Dovevano disinfestare, ma ci hanno solo preso in giro buttando un po’ di insetticida. Ci hanno anche accusato di essere stati esagerati ma il secondo caso in pochi giorni toglie qualsiasi dubbio”.

Il problema, per Affatigato, nasce dalla scarsa pulizia generale degli uffici: “Il servizio di pulizia viene affidato con appalti al ribasso e vengono ridotte le ore di lavoro. Abbiamo scoperto che per contratto la pulizia dei pavimenti viene effettuata una volta all’anno, e solo su richiesta. Tutto questo in un luogo in cui ogni giorno transitano centinaia di portalettere”. Dello stesso parere è Dino Cassaro, segretario territoriale della Slp-Cisl per Palermo e Trapani: “Noi riceviamo posta da tutto il mondo, gli insetti possono infilarsi nei sacchi. Se ci fosse un presidio di pulizia costante nel tempo non ci sarebbero problemi, e invece dobbiamo registrare l’assenza dell’azienda”.

Sul tema della pulizia degli ambienti di lavoro la stessa Slp-Cisl aveva presentato ai primi di giugno una denuncia in cui chiedeva la disinfestazione del Cmp di via La Malfa. “Non abbiamo ancora saputo nulla – riprende Affatigato – ma abbiamo scoperto che le richieste urgenti vengono valutate in un centro di Napoli, che si riserva fino a tre mesi di tempo per rispondere”. La Cisl chiederà verifiche anche sugli altri centri di smistamento in città, “perché tra qualche giorno la stessa situazione di Palermo Centro potrebbe verificarsi anche altrove”.

Poste aveva effettuato delle verifiche nel centro di via Roma il giorno stesso in cui si erano verificati i disagi tra i lavoratori, una settimana fa: “Avevamo inviato un’azienda specializzata a ispezionare i locali – dice Antonella Del Sordo, responsabile comunicazione di Poste a Palermo – che ha stilato un verbale in cui sosteneva di non aver trovato parassiti”. Per questo Poste non aveva dato seguito alla vicenda. “Per dare una valutazione dell’episodio di ieri – conclude Del Sordo – dobbiamo aspettare l’intervento degli incaricati alla disinfestazione, che avverrà oggi in tarda mattinata. Solo dopo la loro ispezione potremo dare una versione ufficiale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Cittadini, fatevi mandare mail, almeno non vi beccate lettere con le pulci.

    Potrebbero essere state assunte di recente da Poste Italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.