Polo pediatrico alla Casa del Sole| Si sblocca l'appalto da 7 milioni - Live Sicilia

Polo pediatrico alla Casa del Sole| Si sblocca l’appalto da 7 milioni

Per evitare lungaggini e rischio d'infiltrazioni criminali l'Azienda sanitaria di Palermo ha deciso di affidarsi al “Provveditorato interregionale delle opere pubbliche Sicilia-Calabria”.

2 Commenti Condividi

PALERMO – Si sblocca l’appalto per il Polo pediatrico della Casa del Sole. E per evitare lungaggini e rischio di infiltrazioni criminali l’Azienda sanitaria di Palermo ha deciso di affidarsi al “Provveditorato interregionale delle opere pubbliche Sicilia-Calabria”. In pratica, è stato scelto di trasferire oneri e competente della stazione appaltante ad un altro ente così come previsto da un articolo del codice degli appalti.

L’obiettivo è abbattere dell’80 per cento i tempi di realizzazione dell’opera pubblica da 7 milioni di euro. La macchina si è messa in moto a febbraio con la stipula della convenzione fra il manager dell’Asp Antonio Candela e il ministero delle Infrastrutture. Entro un anno sarà completata la gara per realizzare il Polo pediatrico nei locali dell’ospedale che l’assessorato regionale alla Sanità ha assegnato in comodato d’uso gratuito all’Asp palermitana.

L’obiettivo dichiarato è fare presto, ma dietro l’insolita scelta di delegare la gestione della gara e l’esecuzione dei lavori non c’è solo “l’insufficienza di organico” e “la mancanza di di specifiche professionalità”, ma anche la voglia di mettersi al riparo da eventuali illeciti. In passato sotto inchiesta sono finiti i lavori di “ristrutturazione, manutenzione ordinaria e straordinaria” dell’ospedale Enrico Albanese di via papa Sergio, a Palermo. Un cantiere da 4 milioni che sarebbe stato sub appaltato in maniera sospetta.

Memore del passato il manager Candela ha scelto di affidarsi al ministero delle Infrastrutture. L’opera è attesa da anni e sarà ospitata in quelli che erano i padiglioni delle malattie infettive. Padiglioni in stato d’abbandono. Per anni Asp e azienda Villa-Sofia-Cervello si sono rimpallati la responsabilità dell’incompiuta. Ora, la svolta per arrivare finalmente alla riqualificazione dei locali che ospiteranno il Punto territoriale d’assistenza (Pta) a vocazione pediatrica. Ci saranno dei poliambulatori specialistici e dei punti prelievo.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Io che ci ho lavorato 40 anni e che con molti colleghi ho profuso le migliori energie,creando un ospedale in cui il bambino veniva nn solo curato bene ma soprattutto amato,ritengo che con una classe politica tanto inefficiente ed inadeguata
    forse i miei nipoti quando saranno anziani vedranno
    riaprire il mio bell’Ospedale

    È lecito sapere quando è stata aggiudicata la gara sbloccata? Qual’è il progetto e soprattutto il progettista. Scusate la curiosità, è l’informazione bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *