Arci e I Siciliani : "Stava per essere devastato un bene confiscato alla mafia"

Arci e I Siciliani: “Stava per essere devastato un bene tolto alla mafia”

L'intervento di polizia e carabinieri ha fermato la distruzione.
LA DENUNCIA
di
0 Commenti Condividi

ACIREALE. Un bene confiscato alla mafia nella frazione Pennisi di Acireale, “stava per essere devastato da chi aveva subito la confisca” e “solo l’intervento di polizia e carabinieri ha fermato la distruzione di un bene da tre anni patrimonio dello Stato”. Lo affermano in una nota congiunta Arci Sicilia e I Siciliani giovani che il 1 ottobre scorso ne avevano denunciato l’occupazione nell’ambito dell’iniziativa ‘Le Scarpe dell’antimafia’. La polizia, che indaga per furto aggravato, al momento dell’intervento ha trovato sul posto tre operai con un escavatore che avevano rimosso dal terreno circa 100 mattonelle autobloccanti che costituivano la pavimentazione e alcune decine di metri lineari di pannelli dietro la recinzione. Il commissariato di Acireale presenterà una relazione alla Procura. Sulla vicenda Arci Sicilia e I Siciliani giovani hanno convocato una conferenza stampa per venerdì prossimo, alle 11, a Pennisi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *