Armao: "Fas, notizia importante | Ma alla Sicilia serve di più" - Live Sicilia

Armao: “Fas, notizia importante | Ma alla Sicilia serve di più”

Intervista all'assessore all'Economia
di
6 Commenti Condividi

Sono arrivati i tanto attesi fondi Fas che serviranno per coprire il mutuo della sanità. Oltre a i soldi per le infrastrutture previste dal “Piano per il Sud” varato oggi dal Cipe. Una boccata d’ossigeno per le casse della Regione, “arrivata dopo le pressioni dell’esecutivo, che è riuscito a ottenere il risultato sperato”, ha detto l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, pochi minuti dopo la delibera che destinava anche alla Sicilia i fondi previsti dal Piano.

Assessore, ieri era moderatamente ottimista sullo sblocco delle somme. Questa mattina è arrivata la “fumata bianca”.
“Si tratta di una notizia importante. Ma è meglio specificare che si tratta di una risposta non ancora adeguata alle aspettative della Sicilia”.

In che senso?
“Nel senso che queste risorse erano già destinate alla Regioni. Per giungere a una perequazione infrastrutturale sul territorio nazionale servono risorse aggiuntive”.

Anche in vista del federalismo…
“Esattamente. Proprio per questo. Senza queste risorse aggiuntive, il federalismo non può partire, non può andare avanti”.

Lei è stato spesso critico nei confronti delle scelte del governo nazionale.
“Io penso che il Mezzogiorno abbia bisogno di maggiore considerazione, soprattutto perché il momento è molto difficile: il mix tra a crisi economica e la manovra dello Stato rischia di mettere in ginocchio l’economia del Sud”.

Intanto, però, questi Fondi potranno contribuire a dare una spinta all’economia dell’Isola.
“Certo. Ma è giusto sottolineare che questa delibera è il frutto delle nostre pressioni. Che evidentemente erano ben fondate. C’è un problema che riguarda tutto il Sud, non solo la Sicilia”.

Il suo ottimismo s’è rivelato ieri in Aula, quando ha chiesto di “spostare” a oggi l’approvazione dell’assestamento di bilancio. Cosa cambia dopo la decisione del Cipe?
“Cambia poco o nulla. L’assestamento rimane com’è. Le somme che avevamo previsto per il pagamento del mutuo sulla sanità le verseremo come anticipo, nell’attesa che i Fas arrivino”.

Quindi oggi verrà votato l’assestamento.
“Intanto lo riesamineremo in commissione Bilancio. Io ho inserito due emendamenti che daranno risposte immediate a due settori importanti”.

A cosa si riferisce?
“Al credito di imposta e a un finanziamento da 40 milioni per il settore della Formazione professionale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    naturalmente questi milioni gonfieranno i portafogli della cricca.

    Ma cosa c’entrano le strade con il mutuo sulla sanità?

    Armao non lamentarti sempre come amano fare i Siciliani… di sicuro bisogna pensare ad investire questi soldi per migliorare le condizioni dei Siciliani (strade, ferrovie, porti, strutture scolastiche, recupero artistico-archelogico, Ospedali, etc.) e poi chiedere ulteriori risorse per fare altro ancora.

    si caro asssessore non eletto… serve che lei vada a casa.. e se vuole occupare questo posto su faccia eleggere se ne e’ caoace! serve di piu’ vada a casa!!!!

    Armao è disgustoso. Chiede più soldi quando non si sa quanto denaro tornerà all’UE per incapacità manifesta di questa classe dirigente a programmare e spendere. I fondi Fas sono arrivati per le pressioni di Armao e Lombardo? Ne dubito, non se li fila nessuno a livello nazionale. Poi, come ha già scritto Cico,”ma cosa c’entrano le strade con il mutuo sulla sanità?”.
    Voglio proprio vederle tutte le infrastrutture che si realizzeranno con i fondi Fas, anche se so già in partenza che si tratta di un bancomat a uso e consumo degli amici di Armao e Lombardo. Puah!

    una notizia importante sarebbe se lei assieme allo sgovernatore vi dimettete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.