Arrestato l'investitore del dj Fucile |Gulisano positivo al test antidroga - Live Sicilia

Arrestato l’investitore del dj Fucile |Gulisano positivo al test antidroga

Colpo di scena nelle indagini sull'incidente che ha causato la morte del dj Gianluca Fucile: l'investitore 21enne si chiama Benedetto Gulisano ed è stato trovato positivo al test sull'assunzione di alcool e droga. Su richiesta della Procura sono stati disposti gli arresti domiciliari con l'accusa di omicidio colposo aggravato dall'assunzione di sostanze stupefacenti.

 

l'incidente del 25 gennaio
di
18 Commenti Condividi

<p>LivesiciliaCatania si stringe al dolore dei familiari e dedica un ritratto di "Agnoletto" a Gianluca Fucile</p>

CATANIA- L’investitore che ha ucciso il dj catanese Gianluca Fucile si chiama Benedetto Gulisano ed è stato trovato positivo al test sull’assunzione di alcool e droga. Per questo sono stati disposti gli arresti domiciliari. L’accusa è di omicidio colposo aggravato dall’assunzione di sostanze stupefacenti.

Gianluca Fucile, secondo le ipotesi della magistratura, sarebbe stato ucciso da un giovane che guidava sotto l’effetto di sostanze stupefacenti che, alle 2.00 di notte, non si sarebbe fermato allo stop in via Pasubio e lo avrebbe investito a grande velocità.

L’indagine è coordinata dal pm Alessandro Sorrentino e dal procuratore Capo Giovanni Salvi. Subito dopo l’incidente, è stato eseguito il test antidroga e il test antialcool al giovane investitore. Test risultato positivo.

La scomparsa di Gianluca Fucile ha sconvolto amici, familiari e decine di migliaia di fans che lo seguivano in ogni serata organizzata all’insegna della musica e del divertimento.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

18 Commenti Condividi

Commenti

    Sono senza parole, che un ragazzo del genere che ha ucciso un angelo cm Gianluca, lo mettendo agli arresti domiciliari. Ma la legge dov’è? E poi mi mettono corona in carcere xche ricatta un giocatore….. Sono veramente senza parole….

    In linea generale nessuno viene arrestato prima di aver subìto un processo ed esser stato giudicato colpevole. Quelli di cui si parla sono arresti domiciliari PRIMA del processo vero e proprio, che deve ancora avere luogo.

    Veronica, i domiciliari, spessissimo, si danno a chi non può inquinare le prove o non c’è alcun pericolo di fuga del reo. Pertanto, questo drogatello, non appena verrà processato, verrà arrestato e un bel po’ di anni se li farà, stai tranquilla

    qualcuno si è chiesto come mai non è stata fatta autopsia a Gianluca Fulice? si sa che chi bazzica in determinati ambiti non è sempre lucido..e uno, due, tre bicchierini se li fanno tutti.. è stata una tragedia sia per la morte di un innocente, che per l’altra vita di un 21enne come tanti.. che la sera esce e beve qualcosa… nn possiamo essere bravi a puntare sempre il dito senza conoscere le reali circostanze.. e con questo tengo a precisare che non difendo nessuno.

    Chi è senza peccato scagli la prima pietra!

    Da genitore questa storia mi mette una grande tristezza, sicuramente due vite e due famiglie spezzate e distrutte dal dolore. Quando si guida bisogna essere sempre lucidi ed usare ogni precauzione per essere sicuri (casco sempre, cinture di sicurezza sempre, no telefonini, no alcool, no droga). Ci sono troppi giovani morti a causa di incidenti stradali e ritengo che ci sia troppo scarsa attenzione per la prevenzione

    per quello che ha fatto questo individuo non c’è giustizia che tiene… gianluca era un angelo e non meritava quella fine così atroce… sara, ma che cavolo dici? quale tragedia e’ stata per quel 21, scusa? li hai letti i giornali? li hai visti i telegiornali? era perso e si è messo al volante… e poi che cosa vorresti dire col fatto che “chi bazzica in determinati ambiti non è sempre lucido”?

    Appoggio in pieno il post precedente. Purtroppo questa è stata una tragedia, una sfortunata tragedia. Non si deve cadere però in troppo facili luoghi comuni, e falsi perbenismi, o nemmeno in atteggiamenti inquisitori, come si fa facilmente in questi giorni, condannando senza appello un ventunenne. Gianluca mancherà a tutti, ma io mi chiedo appunto come si sia bravi solamente a guardare l’altra parte della storia, sentenziando contro un ragazzo reo, e assolutamente e senza smentite reo, di aver condotto una serata senza sobrietà o coscienza, come quando ci si mette alla guida poco lucidi appunto. Ma ritengo anche che le indagini non vanno mai eseguite ex uno latere. In questo modo saranno indagini sbagliate e parziale. Sulla vittima non è stata applicata autopsia, e non si indaga nemmeno sulla sua presunta guida accelerata o addirittura a fari spenti, come si vocifera da alcune parti. Ecco io dico soltanto che quella notte sono morte due persone, non una soltanto. Ed è troppo facile sbattere i mostri in prima pagina. Fermo restando che un principio fondamentale del nostro sistema è appunto l’assunzione delle responsabilità, ed è quindi giusto che chi sbagli, paghi. Ma i Santi, sono solo in Paradiso.

    Cara Maria, pensi forse che l’idea di essere sopravvissuto mentre un’altra persona se n’è andata non sia la pena più grande da scontare? Gli eventuali anni in carcere prima o poi passano, mentre una consapevolezza del genere ti accompagna fino all’ultimo dei tuoi giorni. Asteniamoci dall’emettere facili giudizi, nessuno era presente quella notte, nessuno conosce le reali modalità dello scontro, per quanto possano cercare di ricostruire le dinamiche. Ognuno si assuma le sue responsabilità. Io credo, nonostante non lo conoscessi, che se Gianluca fosse ancora qui si assumerebbe le sue. Non sta a noi giudicare.

    Sinceramente non provo nessuna pena per questa persona, e non riesco a capire neanche i vostri commenti… questa persona si è messa al volante totalmente persa, lo avete capito o no? era consapevole di aver bevuto e di aver fatto altro… e ha ucciso una persona, un angelo… mi spiegate che pena si potrebbe provare per un mostro del genere. Non mi interessa nulla di come passerà i suoi giorni. Questo individuo appena finisce tutto, si rimetterà alla guida della sua auto e lasciatemelo dire non si farà problemi a bere ancora… dovrebbe essere trattato a livello legale come una persona che uccide con un’arma, visto che in quel momento la sua arma era la sua auto. Vi rendete conto della tragedia che stà vivendo la famiglia Fucile, della tragedia che stanno vivendo i suoi amici abituati alla sua presenza? Avete sentito per caso la parola “arrotato”? Ora ditemi ancora se questo individuo merita pena, o dispiacere x come passerà il resto dei suoi giorni…

    mi fanno ribrezzo certi commenti un ragazzo che guida sotto l’effetto di alcol e stupefacenti,che viola il codice stradale e il limite di velocità non è giustificato..l’investitore ha sbagliato e deve PAGARE Gianluca ci ha rimesso la vita e nessuno potrà restituirgliela. Questo è l’epilogo di una bruttissima tragedia..e la cosa che dovremmo augurarci TUTTI è che la legge faccia il suo giusto corso perchè un ragazzo a 25anni aveva pieno diritto alla sua vita.

    Secondo me qualcuno dovrebbe chiedersi come mai esiste gente come Sara, in grado soltanto di parlare a sproposito. Non voglio polemizzare, ma dire due semplici parole: Gianluca Fucile per il codice stradale era pienamente nel giusto. Questo dovrebbe bastare a far capire a certa gente come mai non è stata fatta l’autopsia. Poi, se vogliamo essere anche un pò umani, pensiamo al fatto che quel ragazzo è morto tragicamente, perdendo molto sangue e con ferite enormi. Doveva essere torturato anche da morto?! Portiamo rispetto per favore e auguriamoci che una cosa del genere non accada mai più. Il bicchierino non c’entra proprio nulla, quel ragazzo era sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Ma quello che più conta è che GIANLUCA NON HA UCCISO NESSUNO. RIP GIANLUCA.

    DOMICILIARI? sbattetelo dentro e buttate la chiave sto bastardo!

    Si sa che chi bazzica in determinati ambiti non è sempre lucido… Sara cosa stai insinuando che chi va in discoteca a ballare certi tipi di musica è necessariamente un alcolizzato e/o drogato?
    Gianluca era un angelo, una persona meravigliosa,non meritava questa fine. E l’investitore dovra vivere per sempre con questo peso addosso,per avere ucciso un suo coetaneo, distrutto la vita di un ragazzo che amava la musica,studiava all’universita (e studiava davvero) e aveva tante altre passioni. Questa è la condanna piu grande ma spero che lo chiudano in galera e buttino la chiave come ha scritto Veronica, e poi fanno la guerra a fabrizio corona. Povera Italia.

    La volpe: Non penso che nessuno di noi sia nella condizione di giudicare xke quella notte non eravamo li. Non potevamo sapere qual’era lo stato psico-fisico dei due ragazzi. Stare zitti alle volte vale piu di mille inutili chiacchere e ripeto piu di mille dita puntate contro qualcuno! ci sono organi e persone che decideranno chi, dove, come dovrà essere punito.

    Cara Sara, visto che sei tu stessa a dire che” stare zitti alle volte vale più di mille inutili chiacchere” perchè non inizi a stare un pò zitta tu? Lo stato psico-fisico di quel pazzo lo stiamo conoscendo tutti… se non avessero trovato il tasso alcolico alle stelle, unito all’uso di sostanza stupefacenti a quest’ora non era agli arresti domiciliari. Mi spieghi che cosa stai insinuando su Gianluca? Il problema è che LUI NON C’E’ PIU’, per colpa di un incosciente. E un altro problema è che esiste gente come te, che parla a sproposito, senza aver il minimo rispetto per una vita che non c’è più e per chi prova un immenso dolore per la sua perdita. STAI ZITTA.

    ..resto perchè vorrei fare le mie più sentite condoglianze alla famiglia fucile,me ne vado perchè questo non restituirà gianluca ai suoi cari..resto perchè sono la sorella di benedetto gulisano, me ne vado perchè leggere il suo nome su questa pagina mi addolora profondamente..resto perchè siamo una famiglia unita, me ne vado perchè è difficile tenerci per mano nella tragedia..resto perchè mio fratello è una persona speciale, me ne vado perchè tanta gente non è disposta a perdonarlo.. resto perchè mio fratello non è un delinquente, me ne vado perchè ai giornalisti viene più facile scrivere così..resto per sostenere il dolore di una famiglia incredula costretta ad affrontare da quella notte una realtà che non avrebbe mai meritato di conoscere, me ne vado perchè purtroppo ci accompagnerà fino alla fine dei nostri giorni, tutti indistintamente..resto perchè mio fratello ha 21 anni, me ne vado perchè sono troppo piccole le sue spalle per sostenere una colpa così grande..resto perchè mio fratello è benedetto gulisano, me ne vado perchè leggere il suo nome su questa pagina mi addolora profondamente.

    Sono la mamma di un amico di Gianluca,la morte di questo ragazzo è stata vissuta, nella mia famiglia, con molto dolore,con mio figlio erano compagni di scuola fin dalle scuole medie,poi avevano frequentato il Liceo “G:Galillei”,sempre amici e molte serate passate insieme.
    Leggere questi commenti mi ha rattristato,cari ragazzi,perchè dovreste capire che è stata una terribile disgrazia per tutti;in primis per Gianluca che non ci sarà più,dolore per i suoi genitori,che non potranno più abbracciarlo,per il fratello,per tutti gli amici che lo amavano e dolore sarà anche per quel ragazzo che ha provocato l’incidente,per la sua famiglia.Gianluca era un bravissimo ragazzo,si era laureato in tecniche della riabilitazione psichiatrica faceva il dj per passione e per lavoro, per mantenersi agli studi.
    Imparate a riflettere prima di formulare giudizi,anzi nella tragedia,astenersi dai giudizi
    sicuramente ,Gianluca ve ne sarebbe grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *