Assistenti civici e bufale | Il Covid fa ancora paura - Live Sicilia

Assistenti civici e bufale | Il Covid fa ancora paura

Perché è più che mai necessario rispettare le regole.

Semaforo Russo
di
4 Commenti Condividi

Ai dibattiti infuocati, pure in piena estate, in piena pandemia sebbene in forma meno acuta e in piena crisi economica, noi italiani non sappiamo proprio rinunciarci. Magari è un pregio, magari no. Stiamo a litigare sui 60.000 volontari richiesti dai Comuni per avere aiuto sul territorio, evocando, evidentemente il senso dell’humor in certuni è rimasto intatto, le squadracce fasciste, le SA o le SS.

Se poi la deriva autoritaria viene denunciata da Giorgia Meloni che della materia un po’ se ne intende per radici politiche ed esperienza storica l’humor si può trasformare in un’aperta risata. In verità, il solo rischio, che manco esiste perché i volontari farebbero altro, che qualcuno gentilmente ci faccia notare che ce ne stiamo strafottendo delle regole ci manda in bestia. Ma tant’è.

Il tema, invece, è un altro. Chi non vorrebbe tornare a una vita assolutamente normale? Liberi di circolare, di abbracciare amici e parenti, di frequentare negozi, ristoranti e pub senza il metro in testa, una mascherina in faccia e il terrore nell’anima? Lo vorrebbero giovani e meno giovani. Del resto, non è vero che i ragazzi detengano l’esclusiva del bisogno di libertà e il diritto alla spensieratezza. Ognuno a modo suo e compatibilmente con l’età sogna di muoversi dove e come gli pare. Però tutti, giovani e meno giovani, abbiamo il dovere della responsabilità. Responsabilità che sembra latitare.

Parliamoci chiaro, sappiamo ancora molto poco del Covid-19. Ogni giorno leggiamo di posizioni diverse tra gli scienziati, qualcuno di questi anche in vena di ricerca di visibilità con tesi particolarmente originali o suggestive. Ci sono gli ottimisti, ci sono i terroristi. In Sicilia c’è stato soltanto un giorno con contagi 0, tra ieri e oggi siamo a 6, salvo aggiornamenti, a parte, purtroppo, il grave caso della donna incinta ricoverata all’ospedale “Cervello” di Palermo. Certo, si tratta di numeri bassissimi, ciò conforta ma non rassicura. Vuol dire, realtà triste che parecchi vogliono disconoscere, che il virus cammina, non è scomparso.

Non è stato sconfitto, per il semplice motivo che non è stata trovata l’arma risolutiva in fase di prevenzione e di cura. Adesso, ci si preoccupa del dopo 3 giugno, data in cui si potrà circolare tra le regioni italiane e viaggiare. Ci si preoccupa di seguire l’andamento della curva dei contagi, soprattutto al termine dei canonici 14 giorni a partire dal 3 giugno. Timori forti provocano anche gli eccessi da “movida”, eccessi totalmente fuori controllo al nord, al centro e al sud. In effetti, guardando foto e video dal mondo dei locali affollati di giovani incollati tra loro e, aggiungiamo, di spiagge ormai prese d’assalto, ci si chiede come sia possibile non capire che un conto è il progressivo ritorno alla normalità, con i necessari presidi di sicurezza, un conto è comportarsi come se il coronavirus fosse scomparso per un intervento divino o sia stato definitivamente debellato dalla scienza. Follia!

Alla fine, di fronte al valore della vita e della salute cosa costerebbe una movida “sicura”, ordinata, contingentata e limitare al contempo spiaggia e mare per il tempo necessario a capire se i contagi si confermeranno al minimo, senza picchi e nuovi focolai?


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Anche il pci se ne intendeva della materia di autoritarismo, tra l’altro considerando anche la loro alleanza con il regime sovietico.

    La presenza di volontari della protezione civile, ben attrezzati culturalmente, e’ stata sempre una risorsa in tutte le urgenze ed emergenze. Se potessi parlare col sindaco gli proporrei formazione anche a distanza per informare e formare i volontari. Non ho ancora avuto l’onore di conferire col sindaco o con altri del suo staff da circa due anni. Ergo suppongo che adotterà le misure idonee a prevenire ulteriori contagi. Le aree più a rischio saranno quelle più povere. Ciò avviene a livello locale e planetario. Le aree più sane economicamente avranno la possibilità di difendersi meglio.

    Bruno La Menza

    Immagino la reazione di certi elementi richiamati dagli assistenti civici…ma se già hanno problemi le forze dell’ordine a farsi rispettare ..il superministro boccia e le solite sinistre stupidaggini di chi vive fuori dal mondo

    Non ho capito il nesso, forse un tic?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.