Blocchi degli autotrasportatori, Falcone: "Sospendere proteste" - Live Sicilia

Blocchi degli autotrasportatori, Falcone: “Sospendere proteste”

Domani incontro con i rappresentanti delle associazioni di categoria.
INFRASTRUTTURE
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – «Abbiamo presentato le istanze degli autotrasportatori siciliani al ministero delle Infrastrutture nel corso di un incontro conclusosi poco fa a Roma. Il governo Musumeci, condividendo le ragioni della protesta, ha chiesto al governo Draghi di intervenire recependo tre proposte di buon senso: adoperarsi per il taglio dei costi dei trasporti sostenuto dalle imprese sulle autostrade del mare, predisporre un aumento del credito d’imposta sul carburante per gli autotrasportatori e, infine, l’aumento del tetto massimo di ore guida giornaliere. Al contempo, però, chiediamo a tutti coloro che in queste ore stanno protestando di far prevalere il senso di responsabilità e di sospendere ogni forma di blocco stradale e dei traffici. Solo lo spirito di collaborazione fra tutti può portare a obiettivi concreti, come già avvenuto nei mesi scorsi quando, scongiurando altri blocchi, la Regione è intervenuta stanziando dieci milioni di euro per l’autotrasporto siciliano. Domani, alle 10.30 al PalaRegione di Catania, incontreremo le rappresentanze di categoria per valutare ogni soluzione possibile». 

Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, al termine della riunione al Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (Mims).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Parla la Regione Siciliana e dice cacca: Intanto in Sicilia per autorizzare la costruzione di un parco eolico o di una centrale solare la Regione impiega mesi per autorizzare e le aziende scappano. Quindi abbiamo le energie alternative in Sicilia ma dobbiamo continuare a dipendere dal gas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.