Brt e Unibus, ecco| i vantaggi per gli studenti - Live Sicilia

Brt e Unibus, ecco| i vantaggi per gli studenti

Sul bus rapido dell’Amt validi anche i carnet del Progetto Unibus, prorogato fino ad aprile 2014.

Università
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Una piccola rivoluzione anche per studenti e dipendenti universitari è partita con l’avvio del Bus Rapido che collega in una ventina di minuti il parcheggio Due Obelischi, situato nella zona alta di Barriera, al confine con Gravina e S. Agata li Battiati, con la centralissima piazza Stesicoro. Numerose sono infatti le sedi universitarie dislocate lungo il percorso della linea del Brt: partendo dal parcheggio scambiatore, in meno di 15 minuti si raggiunge infatti la Cittadella universitaria (fermata Cittadella Est); qualche minuto dopo si arriva alla fermata Borgo-Metro, dove, sfruttando lo stesso biglietto del Brt, è possibile prendere la metropolitana fino alla zona di Palazzo delle Scienze e del polo di Scienze politiche. In poco più di 20 minuti si arriva, infine, al capolinea di piazza Stesicoro, a due passi dagli uffici e dalle aule di piazza Università.

Lungo il percorso della linea si trova anche il parcheggio universitario di S. Sofia (fermata S. Sofia), collegato con la Cittadella e il Policlinico. Studenti e dipendenti universitari possono dunque parcheggiare gratuitamente l’auto anche lì, utilizzando poi i titoli di viaggio ordinari dell’Amt. Un ulteriore vantaggio per gli universitari etnei è rappresentato dalla imminente proroga annuale – fino al 30 aprile 2014 – del progetto Unibus, l’iniziativa, avviata nel 2012 dall’Ufficio Mobility Management d’Ateneo (Momact) in collaborazione con l’Amt di Catania e con la Fce, grazie alla quale docenti, personale e studenti dell’Ateneo possono acquistare a prezzo agevolato dei carnet di biglietti, che saranno validi, oltre che sugli autobus di linea e sui treni della metropolitana, anche sul nuovo Bus Rapido.

 

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.