"Buco da 30 milioni alla Provincia"| Sentenza ribaltata: Caruso assolto - Live Sicilia

“Buco da 30 milioni alla Provincia”| Sentenza ribaltata: Caruso assolto

Palazzo Comitini, sede della provincia di Palermo

L'ex direttore generale era imputato per peculato.

5 Commenti Condividi

PALERMO – Il fatto non costituisce reato. I soldi sono spariti, ma la responsabilità non fu di Antonino Caruso. La Corte di appello presieduta da Matteo Frasca ha ribaltato la sentenza di primo grado che aveva riconosciuto colpevole l’ex direttore generale della Provincia di Palermo, condannandolo a 4 anni e 8 mesi di carcere. Il pubblico ministero in primo grado aveva chiesto 8 anni.

Caruso d’accordo con i vertici di una finanziaria lombarda, poi fallita, questa era l’accusa, avrebbe fatto sparire, attraverso una serie di investimenti, quasi 30 milioni di euro dalle casse dell’amministrazione provinciale. In primo era già caduta l’ipotesi di corruzione ed era rimasta in piedi quella di peculato. I vertici della finanziaria, la Ibs Forex di Como, in un processo separato sono stati condannati per bancarotta fraudolenta.

È passata la linea difensiva dell’avvocato Enrico Sanseverino, secondo cui, non solo Caruso non si era appropriato del denaro, ma ad altri e non a lui potevano essere contestati quegli investimenti di finanza creativa. Caruso non era responsabile dei trenta milioni andati in fumo.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    spariscono soldi a destra e a manca, ma nessun colpevole, il pease dei balocchi, poi un povero cristo ruba in un super mercato perche affamato e subito condanna e carcere, che posto strano e l italia dove I ricchi rubano e sguazzano nel misfatto e nessuno dice loro niente e dove I poveri sono sempre piu poveri

    Soldi pubblici affumati… e le strade della provincia crollano. Soldi persi e dipendenti assolti. Viva l’Italia.

    Quindi nessun colpevole? Mi pare di capire che rischi di più a rubare in un supermercato che a rubare 30 milioni.

    Anche in questo caso la magistratura ha dato il meglio di se stessa.

    CANE NON MANGIA CANE. CITTADINI VEDRETE CHE LA PROVINCIA NON SI APPELLERA’ …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.