Buco di bilancio |"Quasi" tutti assolti - Live Sicilia

Buco di bilancio |”Quasi” tutti assolti

Colpo di scena nell'appello del processo per il buco di bilancio che ha messo in ginocchio il Comune di Catania. Tutti assolti tranne l'ex ragioniere generale Castorina, che replica: "Ho agito secondo coscienza"

LA sentenza di secondo grado
di
7 Commenti Condividi

CATANIA- Sono stati assolti quasi tutti nel processo per il buco di bilancio del Comune di Catania tranne l’ex ragioniere generale Vincenzo Castorina, condannato a 1anno e 8 mesi con l’accusa di falso e al pagamento di 1.500 euro alle parti civili.  Il giudice di seconda istanza non ha confermato la sentenza di condanna di primo grado. Nel 2011 il giudice Alfredo Cavallaro aveva condannato per il reato di falso a 2 anni e 9 mesi l’ex ragioniere Vincenzo Castorina e gli ex assessori Francesco Caruso, Giuseppe Arena, Santo Li Gresti, Giuseppe Maimone, Giuseppe Siciliano e Gianni Vasta. Gli assessori della seconda giunta Scapagnini Filippo Drago, Stefania Gulino, Mimmo Rotella, Salvatore Santamaria, Nino Strano, Mario De Felice e Giuseppe Zappalà erano stati condannati a 2 anni e 3 mesi di carcere. Per tutti era stata stabilita anche l’interdizione dai pubblici uffici per una durata pari alla pena.

Il procedimento era scaturito dalle osservazioni sul bilancio consuntivo del 2003 formulate dai revisori dei conti. Un bilancio contestato anche dalla Corte dei Conti per il quale l’ex sindaco Scapagnini e gli assessori erano stati accusati di aver inserito entrate non esigibili per fare quadrare i conti, “occultare il disavanzo” ed evitare così, oltre al dissesto finanziario, la decadenza e l’incompatibilità come amministratori.

Nel 2004 e nel 2005 erano stati previsti introiti di decine di milioni di euro che dovevano provenire dalla transazione che il Comune aveva stipulato con la società Catania Risorse, alla quale aveva venduto palazzi comunali e beni pubblici. Catania Risorse era partecipata al 100% dallo stesso Comune e i soldi di questa transazione non sono mai arrivati. Finanzia creativa, ma utile ad evitare di dichiarare il dissesto, celebrando la campagna elettorale del 2005 sotto i riflettori della stampa a testa alta.

Il buco di bilancio è stato poi colmato con il finanziamento di 140milioni di euro concesso dal governo Berlusconi a valere sui fondi Fas. Un finanziamento che provava come le entrate precedenti non fossero state idonee a coprire il bilancio e quindi evitare un dissesto che andava dichiarato.

Per la magistratura, però, i politici non hanno commesso reato approvando gli atti predisposti dal ragioniere generale Vincenzo Castorina, unico responsabile.

LE REAZIONI. Gli assessori ed consiglieri comunali della maggioranza di governo del Comune di Aci Castello, insieme alle liste elettorali Forza Italia, Nuovo Centro Destra, Il pasese che vogliamo, Movimento Civico, Progetto Aci Castello e Grande Aci Castello, esprimono viva soddisfazione per l’assoluzione ottenuta dal sindaco Filippo Drago al termine del processo sul conto consuntivo del Comune di Catania, in cui ai tempi ricopriva la carica di assessore ai Lavori pubblici.

“Finalmente giustizia è stata fatta, poichè abbiamo sempre creduto nell’operato della magistratura affinchè venisse fatta piena luce sulla vicenda al fine di stabilire la verità dei fatti. In questi anni il nostro sostegno all’amico e sindaco Filippo Drago non è mai mancato e, adesso, è ancora più forte e convinto per proseguire con sempre maggiore impegno e passione il programma di sviluppo e crescita per la nostra comunità, lasciandoci ormai alle spalle il triste e devastante passato che l’ha massacrata prima della nostra opera di rinascita e risanamento, per non tornare più indietro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    E due! Dopo i parcheggi sotterranei crolla miseramente un altro pezzo della montatura politico giudiziaria che ha condannato Catania alla fame! Ed ora una domanda: se era perfettamentente legittimo il tentativo di risanare il bilancio mediante l’attività di Catania risorse chi bisogna ora perseguire per avere impedito di tenere in ordine i conti senza chiedere la carità’ allo stato? Così come oggi a chi dobbiamo chiedere il conto di non avere i parcheggi sotterranei di proprietà dei catanesi? Tuccio D’Urso

    Poveretti, facciamoli Santi. Subito!

    se si ruba una caramella ad un bambino per strada si può patteggiare una pena alternativa alla detenzione ?

    Signor D’Urso, stando ai giudici bisogna chiedere conto al povero rag. Castorina, unico responsabile dei problemi economici della città …
    O forse unico capro espiatorio per una politica incapace …
    A proposito, sig. D’Urso , é lei che ha approvato quell’obbrobrio di Piazza Europa … ?
    Complimenti …

    Come al solito i nostri politici ne escono tutti puliti!!!!!!!!!!Dimenticavo……loro si limitano a dare solo INDIRIZZI POLITICI e non gestiscono (ufficialmente)mai niente. Il rag. Castorina sta toccando con mano, sulla sua pelle, cosa significhi accondiscendere ai SUBLIMALI VOLERI dei nostri politici per mantenere, magari,una….fettina di quel potere gestionale di cui oggi, per ora, ne paga, unico, il conto.Se è stato poco incisivo nel perorare la sua causa in giudizio non crede che sia venuto il momento di ridistribuire le responsabilità personali che, stranamente, erano state accertate in prima istanza ed ora ribaltate in seconda istanza?Dimenticavo…………il capro espiatorio, per indirizzo costituzionale non può essere mai un politico!!!!!!!!!

    Mi permetta, ingegnere D’Urso (a proposito, ha ancora l’elmetto in testa?), di dissentire. Esiste una verità giudiziaria e una politica-storica: la prima segue tempi e logiche diverse dalla seconda. Per i giudici quella Giunta non è responsabile, ma per la mia memoria storica di semplice cittadino gli ultimi quindici anni in questa città, provincia e regione, sono simili ad un Medioevo di cui ancora non si intravede uno straccio di Rinascimento. Non è una valutazione legata al colore politico, ma in generale alla classe politica degli ultimi anni. Chissà, prima o poi la stampa libera potrebbe avviare una seria discussione sulla politica di questi decenni, sui suoi valori, su certe scelte di economia, urbanistica e servizi pubblici francamente discutibili. Ovviamente, come dicevo, è la mia opinione, ma mi auguro che esista sempre il diritto di critica e che non prenda questo intervento come un attacco personale.

    bisogna ancora leggere le motivazioni della sentenza, ma così su due piedi che interesse aveva il ragioniere a falsificare il bilancio visto che è stato l’unico ad essere condannato???????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *