Tragedia familiare a Caltagirone |Spara a moglie e figlio e poi si suicida - Live Sicilia

Tragedia familiare a Caltagirone |Spara a moglie e figlio e poi si suicida

Il teatro della tragedia

Gaetano Sortino, ieri sera, ha imbracciato un fucile e dopo aver colpito moglie e figlio si è ucciso. La donna è morta, il figlio è ricoverato in gravi condizioni. Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri, l'indagine è coordinata dalla Procura di Caltagirone.

In Via Svevi 12
di
15 Commenti Condividi

Gaetano Sortino e Cettina Zimone

CALTAGIRONE – Un raptus di follia. Un sessantasettenne di Caltagirone, Gaetano Sortino, ha preso in mano un fucile ed ha sparato prima alla moglie e al figlio e poi ha puntato l’arma contro se stesso uccidendosi. La donna, Cettina Zimone, 64 anni, è morta, mentre il giovane è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale: le sue condizioni sono gravi.

Serata maledetta ieri sera a Caltagirone. Nel teatro della tragedia, un panificio con annessa abitazione in Svevi 12, sono intervenuti Polizia, Carabinieri, il magistrato Anna Andreatta, della Procura di Caltagirone, e il medico legale per l’ispezione cadaverica. Sulla scena del crimine anche la scientifica per tutti i rilievi e gli accertamenti. A condurre le indagini il dirigente della Polizia di Caltagirone, Marcello Ariosto

L'accesso alla casa della famiglia Sortino

Tutto è successo pochi minuti dopo l’orario di chiusura. Dalla ricostruzione degli inquirenti Sortino avrebbe prima colpito il figlio davanti all’uscio di casa, ubicata nella stessa palazzina dell’esercizio commerciale, poi avrebbe sparato contro Cettina Zimone in un garage confinante tra l’abitazione familiare e il panificio. Poi avrebbe ricaricato il fucile da caccia (una doppietta) l’avrebbe puntato contro il mento e avrebbe fatto fuoco uccidendosi. Moglie e marito sono morti, il giovane ha riportato ferite gravi ma sembra non essere in pericolo di vita. L’altra figlia della coppia al momento della tragedia era al piano di sopra; secondo gli investigatori solo per questo motivo sarebbe scampata al gesto folle del padre.

Intorno alle 23 di ieri sera sono terminati i rilievi della scientifica e si è conclusa anche l’ispezione cadaverica. I due corpi su disposizione del Pm Andreatta sono stati trasportati all’obitorio dove sarà effettuata l’autopsia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    Queste cose non dovrebbero succedere i genitori devono proteggere i figli non ammazzarli i mariti devono capire che non si ammazzano le mogli per rabbia.auguro al figlio di guarire al più presto e che venga circondato solo da persone buone e sincere d’ora in poi

    MI UNISCO AL DOLORE E AUGURO CHE IL NOSTRO CARO AMICO POSSA RIPRENDERSI DA TALE VICENDA E PREGHERò PER UNA SUA PRONTA GUARIGIONE

    mi dispiace che accadano queste cose;non mi permetto di giudicare nessuno…sono situazioni in cui si perde il controllo e non ci si rende conto di cio’ che si fa;atti troppo estremi….;spero con tutto il cuore che il figlio si riprendi,nessuno ha il diritto di toglierci la vita,solo Dio;vi siamo vicini nel dolore..un’abbraccio

    io lo conosco e non sapete quanto mi dispiacceee perke suo figlio viene in classe con me e quindi gaetano mi dspppp spero ke tuo padre stia bene ♥ ♥

    Tragedia annunciata? Ennesimo femminicidio. Donne, svegliamoci!!

    Conosco perfettamente la famiglia,genitori rispettabilissimi, grandi lavoratori, umili e affettuosi con i figli…Sono rimasta basita nell apprendere la notizia…La mente umana è veramente un circuito elettrico…Forza Pino torna presto a casa…Una preghiera x Cettina donna meravigliosa madre esemplare…Gaetano ma che ti è successo?!Un abbraccio anke se virtuale ma con affetto a voi figli e nipoti…

    se preghi guarisce prima…

    conoscevo entrambi non ho parole per tale gesto mi dispiace

    sono una calatina e vivo da 36 anni in provincia di la spezia;non ricordo di conoscere la signora Sortino ma poichè ho 63 anni è possibile che abbiamo frequentato gli stessi ambienti da giovani.La cosa mi ha molto turbata ma non meravigliata perchè viviamo in un periodo tragico e purtroppo queste notizie sono all’ordine del giorno.Sono particolarmente vicina alla figlia e soprattutto alla nuora.Spero di tutto cuore che il marito possa star bene e riprendersi tutti da questo dramma.Un abbraccio

    Mi dispiace dell’accaduto sono vicino alla famiglia e spero che pino si possa riprendere per stare di nuovo accanto ai suoi figli e moglie….un grosso imbocca lupo

    Mi dispiace, mi dispiace tanto.per la vittima, una signora sempre gentile e solare, per i figli, i nipoti anche per il signor gaetano….quanta disperazione, quanto dolore assurdo.prego con tutto il cuore che il figlio guarisca presto e che Dio lo aiuti a superare questa tragedia.ci mancherà il quotidiano sorriso della signora Concetta…

    Troppo facile parlare così, anch’io sono donna ma non per questo mi barrico subito dietro al vittimismo. Conosco la famiglia e sono sicura che non è un gesto di odio contro la moglie ne contro il figlio. Mi auguro che Pino torni presto a casa anche se, comunque, è sempre stato in mezzo a persone che lo hanno amato sinceramente.

    auguro una buona guarigione a pino e che DIO perdoni cio che successo

    mi associo a tutti i vostri commenti un grazie a tutti di cuore..

    io ho solo 12 anni , Gaetano Sortino cioè il figlio di Pino sta molto meglio con la compagnia della classe ogni giorno gli diamo più attenzioni e ora su padre sta meglio ed è in buone mani ; Pino guarisci presto dalla tua mily <3 baci baci a tutti 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.