Anello ferroviario, Cancelleri al cantiere: "Il 30 novembre liberiamo la città"

Cancelleri al cantiere dell’Anello | “Città libera il 30 novembre”

Il viceministro alle Infrastrutture annuncia anche un progetto legato al completamento dell'opera FOTO
PALERMO
di
9 Commenti Condividi

PALERMO – Il 30 novembre la città di Palermo tornerà a ‘respirare’ grazie allo smantellamento dei cantieri superficiali dell’Anello ferroviario, ma andrà anche incontro a un processo di consistente riqualificazione delle aree in cui ricade la mastodontica opera. Parola del viceministro alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, durante una visita al cantiere di via Sicilia dove sono in corso i lavori di realizzazione della fermata Libertà. Cancelleri ha anche anticipato la presentazione, a settembre, di quello che si preannuncia un massiccio programma di interventi sulla città legati al completamento dell’Anello. Alla visita ha partecipato anche il sindaco Leoluca Orlando, guidato insieme al viceministro dal responsabile dei lavori, l’ingegnere Filippo Palazzo di Rete ferroviaria italiana.

Com’è ormai noto i cantieri ferroviari che popolano il capoluogo siciliano sono stati colpiti da corposi ritardi, “che si devono certamente recuperare – dice Cancelleri –. Piazza Politeama e via Sicilia sono due ferite aperte da fin troppo tempo, ma l’importante novità che mettiamo a segno è il completamento dell’Anello, un lavoro da oltre 100 milioni di euro, e nei primi di settembre presentiamo il relativo progetto. Faremo anche Palermo più bella e, come stiamo facendo già con Anas anche con Rfi, faremo un impianto di interventi più fitto possibile. Con le possibilità che il Dl Semplificazioni ci sta dando – aggiunge – perché oggi, grazie a questa nuova norma, i responsabili unici del procedimento diventano come il commissario del ponte di Genova e cioè hanno poteri derogatori; così acceleriamo la parte realizzativa delle opere.

“Il 30 novembre, data di cui mi prendo la responsabilità, liberiamo la città – ribadisce Cancelleri – e credo che entro il 2021 riusciamo a mettere in esercizio il primo lotto”. Più difficile invece fare previsioni sul secondo: “Non voglio prendermi la libertà di dare delle date – commenta al riguardo il viceministro alle Infrastrutture – ma non devono avvenire più ritardi”.

Nel cantiere di via Sicilia i lavori si stanno concentrando sulla galleria che collega le stazioni Notarbartolo e Giachery, con l’intenzione di riaprirla a fine settembre quantomeno al passaggio dei treni (ma senza fermata). “Oggi quello che è stato fatto sembra semplice – commenta l’ingegnere Palazzo – ma in realtà si sono utilizzate tecniche tali da costruire i pali senza intercettare la galleria già esistente, chiusa poche settimane fa. Adesso la vecchia galleria è stata demolita e la nuova ‘scatola’ è stata svuotata dalla terra; rifaremo la galleria e il 30 settembre il treno passerà”. Quanto ai tempi, l’ingegnere di Rfi spiega che “la stazione Libertà adesso ha bisogno di un altro anno di lavoro per le finiture, c’è una gran parte di tecnologia che va implementata per garantire la sicurezza e poi mancano le procedure tecniche per l’autorizzazione alla messa in esercizio”. LE FOTO DEL CANTIERE

Palazzo poi spezza una lancia a favore della nuova impresa all’opera nei cantieri, il gruppo campano D’Agostino Costruzioni: “I tempi che abbiamo programmato sono stati fino a oggi rispettati al giorno, anche per i cantieri di via Emerico Amari, nonostante alcuni problemi. Riconfermiamo che il 30 novembre libereremo le superfici. Adesso – conclude – c’è un’impresa che si comporta come tale, abituata a fare lavori complessi, tant’è che i risultati sono sotto gli occhi di tutti”.

“Sei vuoi vivere in una città migliore ci vogliono sacrifici – afferma il sindaco Leoluca Orlando –. Purtroppo gli appalti hanno avuto ritardi notevolissimi, per motivi che comunque non hanno riguardato il Comune, ma adesso c’è un altro clima. E c’è una importante conferma dell’impegno rinnovato del governo, dimostrata anche con l’istituzione del biglietto unico integrato all’interno del territorio di Palermo, frutto della recente convenzione tra Amat e le ferrovie”. Anche il primo cittadino conferma che “il 30 novembre le aree in superficie verranno rese libere e utilizzabili in base alle scelte che faremo”, e in tal senso aggiunge che a suo dire “pedonalizzare è il modo più utile per migliorare la città”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Cancelleri, tre anni fa abbiamo sentito un tuo collega dire diventerà bellissima, dopo tre anni la sicilia fa più schifo di prima, quindi nel parlare stai attento a ciò che dici.

    La tua giusta mansione sarebbe quella di operaio addetto alla costruzione dell’anello ferroviario ma il mago grillo ti ha fatto la magia e fai il viceministro alle ovvietà e alla parentopoli.

    ritardi per i motivi non hanno riguardato il comune????? Vabbè siamo alla farsa…la colpa è sempre degli altri. Mai un atto di onesta intellettuale, di ammissione di responsabilità. Mai.
    ma come può fare questa affermazione falsa ??? Il comune è pienamente responsabile .
    le colpe :
    • avere inflitto grandissima sofferenza ai cittadini
    • avere delegato a terzi l’appalto dei lavori – a casa propria – senza inserire adeguate clausole per salvaguardare i cittadini.
    • comune incapace di sorvegliare e vigilare sull’andamento dei cantieri, avrebbe dovuto poter chiedere la rescissione o indennizzi per i danni…nulla
    • avere distrutto attività economiche per lavori infiniti che hanno bloccato le strade
    • il progetto con molta probabilità non sarà sostenibile economicamente…lo è solo nella teoria di chi l’ha redatto…a quel punto che facciamo??? Chi pagherà le spese di gestione????

    SIGNOR MARIOC…………………….IMPARA A SOPPORTARE SACRIFICI SE VUOI UNA CITTA’ MIGLIORE. VEDO CHE SAI MOLTO CRITICARE, PROPONITI A DIRIGERE E VEDREMO LE TUE QUALITA’ IN CAMPO

    larissa…nel mondo civile con politici che si rispettano, i lavori si eseguono in tempi certi e ragionevoli. non si gioca sulla pelle dei cittadini. Prima di argomentare superficialmente e buttarla in caciara Vai a studiare seriamente tempistica consegna, progetti capitolato contratto convenzioni ….e poi fai un commento attendibile

    Grazie Ministro Cancelleri, a buon rendere anche se personalmente ho sempre votato 5 Stelle precisando, a scanso di equivoci, di non essere un percettore del Reddito di Cittadinanza che considero una delle maggiori conquiste sociali nella storia d’Italia. Speriamo che invece tantissimi altri cittadini vogliano premiare alle prossime elezioni chi, come Lei, da sempre opera concretamente con i fatti per un sempre maggiore benessere di tutti noi siciliani. Le chiacchiere e le promesse le lasciamo agli altri politici.

    Cancellieri incompetente ,come molti 5stelle,con questi cervelloni al governo non si può che peggiorare

    Figurati se ollanno avesse perso di presenziare a questo avvenimento di solo facciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.