Abusivi, asse Comune-Procura| Prima demolizione entro Natale - Live Sicilia

Abusivi, asse Comune-Procura| Prima demolizione entro Natale

Da sinistra Lorenzo Agueci, Salvatore De Luca, Leoluca Orlando ed Emilio Arcuri

Palazzo delle Aquile ha siglato un protocollo d'intesa per velocizzare le procedure di abbattimento di 1.274 edifici fuori legge, invertendo così un trend negativo: negli ultimi trent'anni in città non è stata rasa al suolo nemmeno una costruzione.

IL PROTOCOLLO D'INTESA
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Abbattere oltre 1.200 costruzioni abusive a Palermo, che dal 1993 a questa parte sono state definite tali da sentenze penali ma che finora sono sempre rimaste in piedi. Questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato oggi, come annunciato da Livesicilia, dal sindaco Orlando, dal vice Emilio Arcuri, dal procuratore Leonardo Agueci e dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca.

La prima demolizione avverrà nel giro di una decina di giorni, e quindi prima di Natale: Palazzo delle Aquile tra vagliando alcune opzioni, ma sembra scontato che si tratterà di una costruzione da demolire interamente. Un’operazione imponente, se si pensa che le case abusive, così definite da sentenze penali dal 1993 a oggi, sono 2.764 fra Palermo e provincia, di cui 1.274 nel capoluogo e su circa 700 gravano altri procedimenti di carattere amministrativo.

Il protocollo permetterà di snellire e velocizzare le procedure burocratiche per l’esecuzione degli interventi “rendendo completo – ha detto il Procuratore Agueci – l’intervento sanzionatorio che non si esaurisce certamente con la sentenza o la sanzione”. Il Procuratore aggiunto Salvatore De Luca ha sottolineato che il protocollo individua criteri “improntati al diritto, alla ragionevolezza e alla operatività” che permettono di cominciare subito le demolizioni e farle continuare nel tempo e costantemente.

“Obiettivo del protocollo è quello ovviamente si demolire – ha detto Emilio Arcuri – ma anche innescare un effetto deterrente verso coloro che vogliono costruire illegalmente o che, avendolo già fatto saranno spinti a demolire quanto già costruito”. Per il Sindaco Leoluca Orlando, il protocollo rappresenta “un ulteriore tassello della collaborazione fra le istituzioni, mirato alla tutela della legalità e soprattutto alla repressione di comportamenti che, come tristemente ci ricorda la cronaca, sono pericolosi per il territorio e per l’incolumità dei cittadini”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    e la storia si ripete. Ricordate le demolizioni di Pizzo Sella? tutto fumo negli occhi. Forse riusciranno a demolire qualche struttura ormai vecchia di anni e così si faranno il regalo di natale. Povera Palermo

    Certo che come sindaco Orlando non vale niente, però come attore comico…. Insieme alla sua spalle , Emilio Arcuri, stanno diventando una coppia comica di primo livello, una specie di CRIK e CROK.
    La gente muore dalle risate quando pronuncia frasi come ” Abbatteremo 1200 case abusive” oppure quando sostiene che Palermo ha i conti in ordine. Però il massimo della comicità lo raggiunge quando sostiene che…il sindaco lo sa fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.