Catalfamo, Lo Curto e la massoneria | Nessuna dichiarazione all'Ars - Live Sicilia

Catalfamo, Lo Curto e la massoneria | Nessuna dichiarazione all’Ars

Presa d'atto dell'Aula: non intendono depositare alcun atto riguardante l'eventuale iscrizione

Il Parlamento regionale
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – I deputati regionali Antonio Catalfamo ed Eelonora Lo Curto “non intendono depositare alcuna dichiarazione sull’eventuale appartenenza ad associazioni massoniche o similari”. L’Ars ne ha preso ufficialmente atto nel corso della seduta del 5 marzo. L’esponente di Fratelli d’Italia e il capogruppo dell’Udc a Sala d’Ercole erano stati tra i più fermi oppositori della legge voluta dal presidente della commissione Antimafia regionale, Claudio Fava, che prevede l’obbligo dichiarativo per i deputati regionali iscritti alle logge massoniche, anche in caso negativo. Gli effetti della legge sono stati inoltre estesi anche ai componenti della giunta regionale e agli amministratori locali.

LEGGI ANCHE:
La sfida di Lo Curto e Catalfamo: “Non diciamo se siamo massoni”

Ars, ok alla legge sulla massoneria

S.C.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Mi chiedo cosa pretendiamo da queste figure che oltretutto ne supporta altre analoghe?

    MA SE, COME RACCONTANO, LA MASSONERIA NON HA NULLA DA NASCONDERE, QUESTI DUE COSA PERSEGUONO? BATTAGLIA IDEOLOGICA? O …

    Raggi di luce in uno squallido e pericoloso oscurantismo!

    Condivido questa presa di posizione contro una legge che esiste solo in Sicilia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.