Catania, droga: spaccia davanti casa, arrestato - Live Sicilia

Droga, spaccia davanti al portone di casa: arrestato

L'uomo è stato notato daii Carabinieri mentre cedeva dello stupefacente, la conferma dopo la perquisizione dell'abitazione
0 Commenti Condividi

CATANIA – È stato notato mentre spacciava droga davanti al portone di casa: un 61enne pregiudicato catanese è stato arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti ieri notte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Catania – Squadra Lupi, impegnati in un servizio a largo raggio di controllo del territorio nel quartiere Borgo.

I militari hanno notato che il 61enne stazionava all’esterno del portone d’ingresso di un palazzo e ad un certo punto è stato raggiunto da un soggetto, col quale ha comunicato per pochi secondi per poi accedere al palazzo mentre il suo interlocutore lo ha atteso per strada.

I Carabinieri, insospettiti dal movimento anomalo, al suo ritorno hanno perquisito il 61enne e hanno trovato in possesso di un involucro contenente 5 grammi di marijuana, che teneva nella mano destra pronta per essere ceduta al “cliente”.

I militari hanno esteso la perquisizione all’abitazione del pregiudicato, sita nel palazzo dal quale era uscito, e su una mensola del soggiorno hanno trovato un block notes sul quale erano appuntati dei nominativi e delle cifre. All’interno della mensola i Carabinieri hanno trovato un vano nel quale erano nascosti 10 involucri di polietilene contenente 2 grammi di cocaina e 11 involucri con 30 grammi di marijuana, oltre a un bilancino di precisione digitale.

Il 61enne è stato posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, che ha convalidato l’arresto e disposto la traduzione presso il carcere di Catania – Piazza Lanza.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *