Catania, muore a 17 anni in ospedale: aperta inchiesta - Live Sicilia

Catania, 17enne dimesso torna al pronto soccorso e muore

Tutto è precipitato in poche ore. Aperta inchiesta della Procura
POLICLINICO
di
0 Commenti Condividi

Aveva solo 17 anni. Tanti sogni da realizzare. Una vita interrotta all’improvviso. In poche ore. Una notte maledetta. Sergio Salvatore Di Bella è morto all’improvviso in una sala operatoria il 14 marzo scorso. Diserzione aortica. Due parole che hanno segnato per sempre il destino di una famiglia. Mamma e papà sono convinti che il loro campione – appassionato di calcio e tifoso del Milan – potesse essere salvato. E che ci siano state delle negligenze nell’assistenza al Pronto Soccorso del Policlinico di Catania. Ora sarà la Procura di Catania a fare chiarezza. Capire se ci sono responsabilità.

Nella denuncia ai carabinieri di Nesima è messo nero su bianco il film che porta al tragico epilogo. Erano le 21 del 13 marzo quando il giovane si è sentito male. Un malore, la corsa in ambulanza, la visita al Pronto Soccorso del Policlinico. A Sergio è stata diagnosticata una colica renale sinistra. All’una di notte lo hanno dimesso con la terapia farmacologica. Ma dopo tre ore, il 17enne è svenuto. I genitori lo hanno preso di peso e lo hanno portato nuovamente al presidio d’emergenza di via Santa Sofia. Ma era troppo tardi: è deceduto nella sala operatoria di cardiochirurgia vascolare. “Nella prima visita medica eseguita mio figlio nonostante accusasse una paralisi alla gamba sinistra non hanno fatto alcuna Tac o esami specifici”, denuncia la mamma ai Carabinieri. La perdita di un figlio è un dolore soffocante. Un’emorragia dilaniante e irrefrenabile. I due genitori ora cercano verità e giustizia. Nulla potrà portare indietro Sergio, ma vogliono andare fino in fondo a questa drammatica storia.

L’inchiesta della Procura è stata avviata. Questa mattina la pm Agata Consoli ha conferito l’incarico ai consulenti per effettuare l’autopsia: sono il medico legale Andrea Palmeri e il cardiochiururgo Enrico Reginato. L’esame autoptico sarà eseguito oggi pomeriggio all’obitorio del Policlinico. È indagato, come atto dovuto per compiere l’accertamento irripetibile, il medico che era di turno al Pronto Soccorso. I familiari, assistiti dall’avvocato Walter Rapisarda, hanno nominato come consulente di parte, il medico legale Lucio Di Mauro e il cardiochirurgo Giuseppe Gula. Nessun commento da parte dei vertici dell’azienda ospedaliera, che si affida al lavoro della magistratura con la massima serenità.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *