Cefalù, sigilli a un'isola ecologica |Scatta la denuncia per il sindaco - Live Sicilia

Cefalù, sigilli a un’isola ecologica |Scatta la denuncia per il sindaco

Autorizzazione scaduta, ma Lapunzina replica: "Tutto in regola"

Nel Palermitano
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Sequestrata un’isola ecologica a Cefalù, nel Palermitano, dove la guardia di finanza, la polizia provinciale e il personale dell’Arpa hanno posto i sigilli all’area di contrada Caldura, che si trova nei pressi del centro abitato e di una scuola per l’infanzia: provvedimento scattato perché l’autorizzazione in possesso della società che gestisce i rifiuti era scaduta e nessuna istanza di rinnovo era stata presentata al dipartimento regionale Acqua e rifiuti. L’area sequestrata è di circa duemila metri quadrati, con all’interno i rifiuti, tra cui anche quelli di tipo pericoloso. “Segnalato il rappresentante legale della società denunciato alla procura della Repubblica di Termini Imerese anche il sindaco di Cefalù”, Rosario Lapunzina, osservano le fiamme gialle.

“Nessuna autorizzazione ambientale è richiesta dalla normativa per la gestione dei centri comunali di raccolta”. Lo sostiene il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, in merito all’inchiesta della guardia di finanza e della Procura di Termini Imerese. Lapunzina sostiene che l’obbligo dell’autorizzazione non esisteva più dal 2009 quando è stata prevista invece una “approvazione” a fini urbanistici da parte del Comune. Di conseguenza, osserva ancora il sindaco “non sussisteva sul gestore, e men che meno sul Comune, l’obbligo di richiedere il rinnovo dell’autorizzazione”. In questo caso era stata rilasciata prima della norma “che ha eliminato la necessità del regime autorizzatorio”. Per queste ragioni è stato già chiesto il dissequestro dell’area.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Mi auguro che le stesse forze
    dell’ordine intervenute a Cefalù, domani vadano con urgenza al centro raccolta di romagnolo a Palermo ed alla discarica di bellolampo o forse non sono queste le disposizioni? .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *