Chinnici apre la campagna senza Fava: scoppia la polemica - Live Sicilia

Chinnici apre la campagna senza Fava: scoppia la polemica

Centopassi: "Siamo leali, non minchioni". E Di Paola ripara la dose.
REGIONALI
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Nel giorno in cui il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, è in Sicilia per lanciare l’apertura della campana elettorale di Caterina Chinnici un incidente diplomatico rischia di fare saltare il banco.

“Noi dei Centopassi siamo leali, non minchioni. Se il Pd ritiene che la candidatura della Chinnici sia un suo affare privato, e se Caterina Chinnici si ritiene impegnata a far campagna elettorale solo con i candidati del Pd, nessun problema. Vorrà dire che il Movimento Centopassi si riterrà libero di far campagna solo per la propria lista”.

Parole come pietre. La nota del gruppo di Claudio Fava arriva puntuale come un orologio svizzero e scocca l’ora di una grana enorme per i dem. Al netto delle rassicurazioni profuse a mezzo stampa, il clima nel centrosinistra siciliano è decisamente avvelenato. A cogliere la palla al balzo è l’ex alleato Nuccio Di Paola che adesso veste i panni del frontman del M5S. “Vedo che Fava si è finalmente reso conto che quello che dicevano da tempo sul Pd non è mai stato campato in aria: il partito ha sempre considerato Chinnici una suo affare privato e comprendiamo perfettamente lo stato d’animo del leader di Centopassi. A questo punto non possiamo che ribadire ai siciliani, ancora con maggiore forza, che il voto utile contro Schifani siamo noi”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Caro Fava non é proprio così! Il PD vuole avere la certezza di perdere le elezioni. Ecco il perché di tale modus operanti. Se avesse tenuto alla Sicilia avrebbe candidato Beppe Provenzano!

    I separati in casa, anticipo di batosta elettorale, non tanto nei numeri ma quanto nella credibilità. credo che per Fava saranno i cento passi per uscire di scena

    Ma avete letto i nomi dei candidati nelle altre liste? Come se la mafia non fosse mai esistita. Vergogna

    A me sembra che nel PD ci sia un diffuso autolesionismo e che a cominciare dal loro segretario nazionale godano tantissimo nel farsi del male…….

    Egregio deputato Fava. Non si può vivere di rendita, Più presenza tra gli elettori più sorrisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *