Chiusura cantiere entro Natale |Si avvicina la rivoluzione Brt - Live Sicilia

Chiusura cantiere entro Natale |Si avvicina la rivoluzione Brt

Domani, l’assessore alla mobilità Santi Cascone, insieme ai tecnici dell’Utu effettueranno un sopralluogo per verificare lo stato di avanzamento dei lavori per la realizzazione del percorso “protetto” del Bus Rapid Transit (BRT).

trasporto pubblico
di
10 Commenti Condividi

CATANIA- Vanno avanti velocemente i lavori per la realizzazione della prima linea veloce per autobus. Si tratta del Brt (Bus Rapid Transit) che collegherà il parcheggio scambiatore “Due Obelischi” di Barriera con piazza Stesicoro, progetto che prevede 12,3 chilometri di percorso, 18 fermate, autobus da 12 metri e 80 posti che viaggeranno in media a 20 chilometri orari, per un costo complessivo di 1,6 milioni di euro (oltre i 500 mila euro necessari per l’adeguamento del parcheggio).

Domani, infatti, nella rotatoria tra via Del Bosco e via Leucatia, l’assessore alla mobilità Santi Cascone e i tecnici comunali dell’Ufficio Traffico Urbano effettueranno un sopralluogo per verificare lo stato di avanzamento dei lavori per la realizzazione del percorso protetto. “L’obiettivo del sopralluogo – dichiara a LivesiciliaCatania l’assessore alla viabilità, Santi Cascone – oltre a verificare il rispetto del cronoprogramma, è quello di fare chiarezza e spiegare ai cittadini che la realizzazione della corsia preferenziale non restringerà la carreggiata se non di poco e che i disagi presto finiranno”.

Molte, infatti, le preoccupazioni sulla tenuta della viabilità in via Passo Gravina, strada altamente trafficata, con i cordoli in mezzo alla carreggiata, e altrettante le lamentele dei residenti nella zona di Fasano, oltre che dei Comuni confinanti, per le file chilometriche e il caos ingestibile, causato proprio dalla presenza del cantiere. “Stiamo realizzando quella che può essere definita una linea tranviaria -– afferma a LivesiciliaCatania Giacomo Guglielmo, esperto del sindaco per la mobilità – ed è inevitabile un po’ di disagio di cui ci scusiamo. I lavori si chiuderanno in aprile – prosegue – e stiamo tentando di accelerare il più possibile per completare prima delle festività natalizie la parte a monte della circonvallazione”.

Con l’anno nuovo, infatti, il cantiere si sposterà nelle strade del centro cittadino su cui transiterà l’autobus, come ad esempio via Sant’Euplio o via Ala, dove altrettanti saranno i disagi.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    follia follia follia….una strada da due corsie, via passo gravina, già insufficiente per l’utenza che fruisce della stessa si restringe come a cinquant’anni fa con un numero di vetture esiguo…il bus veloce sarà inefficiente come al solito…più spese di parcheggio e bus, almeno spero ci siano delle formule convenienti….secondo me sarà una gran mangiata di soldi come al solito…..

    (“Domani, infatti, nella rotatoria tra via Del Bosco e via Leucatia…”) scusate ma questa rotatoria dov’è? mica via Leucatia e via del Bosco s’incrociano!
    di quale città si sta parlando???
    o forse questi tecnici non conoscono neanche i nomi delle strade?
    se è così, caro sindaco Stancanelli, u pigghiassi tecnicu catanisi. Prima ca tutti ‘sti furasteri finisciunu ppi cunzumarini.
    E poi, scusate l’irriverenza, ma quali autobus ci devono passare, se alle fermate si fanu i fulinii???

    L’umanoide catanese, che si distingue dal palermosauro solo per la diversità dell’accento, è troppo involuto per comprendere i concetti di pubblico interesse.

    Basta… pigghiti u tram invece di sbraitare.

    Ma a lapa che cacocciuli si pò posteggiare? E’ Importante per l’umanoide catanese.

    Però qualche dubbio sul percorso del BRT è lecito o bisogna credere che i valenti tecnici comunali siano depositari del sapere assoluto?
    Io, da normale cittadino, mi chiedo perché questo BRT debba passare necessariamente da via Passo Gravina. Non sarebbe stato molto più semplice creare una corsia preferenziale in direzione sud in via Leucatia e rendere quella via a senso unico in direzione nord per le auto? Il tragitto del bus in questo modo sarebbe molto più breve. Mi rifiuto di credere che il Comune non l’ha fatto per evitare polemiche con gli amanti del cornetto notturno del bar Castello!
    Oppure un’altra soluzione era quella di usare sia all’andata che al ritorno la via Santa Sofia e utilizzare i controviali di quell’arteria come corsie preferenziali senza spendere soldi pubblici in cordoli. In queso modo il costo dell’intervento sarebbe stato di gran lunga minore, ma si sa che questi progetti con finanziamenti pubblici servono anche a fare mangiare qualcuno fra tecnici, progettisti e imprese fornitrici.

    Condivido Andrea… il progetto è stato stravolto senza alcuna logica, nell’originario percorso era interessata solo Via S. Sofia ovvero l’unica arteria in grado di supportare un tale progetto, adesso si creerà il caos perenne in via passo gravina per non pensare cosa succederà sotto il tondo gioieni……

    penso che soprattutto in via passo gravina i disagi saranno notevoli a causa del restringimento della carreggiata e a causa soprattutto della mancanza assoluta di vigili urbani ………………….
    il comune, i vigili urbani, e le imprese che effettuano i lavori dovrebbero interagire
    per potere ovviare ai notevoli disagi creati come al solito succede nel comune di catania.
    ma tanto le lamentele dei cittadini sono solo parole al vento per i responsabili della citta’

    grazie sempre ……………

    Orazio l’ intelligenza è un dono…pazienza non è per te!

    Basta, ripeto, prenditi il tram. Catania è una città FERMA da due quindici anni e tu hai paura di una corsia preferenziale, vediamo chi tra noi è più dotato di intelligenza.

    Ma di una linea BRT Aeroporto-Alcalà/Duomo-Metro Porto – Stazione Centrale/Ciminiere- Europa/S.G.Li Cuti – Ognina – Scogliera -Aci Castello-Trezza non se ne parla nemmeno? ..che non sia solo ‘R’ ( rapid ) ma anche ‘F’ ( frequent )??

    caro Orazio, forse non te l’ha detto nessuno che esistono dei lavori in cui non si sta seduti in una comoda poltrona in ufficio…io faccio lavoro di rappresentanza ed il pane a casa non me lo porti tu…se pensi che lo possa svolgere in autobus sei un genio…e poi non insultare chi chiede il posteggio ppa lapa…vuol dire che si fa il mazzo…tu sei bravissimo a parlare….saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *