Comune, Bianco perde pezzi |L'assessore Mazzola si dimette - Live Sicilia

Comune, Bianco perde pezzi |L’assessore Mazzola si dimette

Pare che la decisione sia nata per "forzare" un eventuale rimpasto della Giunta.

in quota articolo 4
di
2 Commenti Condividi

CATANIA – Ha presentato le proprie dimissioni alle 11.30. Trovano conferma i rumors dei giorni scorsi sul fatto che l’assessore alle Attività produttive, Angela Mazzola, avrebbe presto lasciato l’incarico di delegata della giunta Bianco in materia di Attività produttive e Centro storico. La conferma delle dimissioni arriva da alcuni consiglieri comunali, tra cui il rappresentante del Gruppo misto in quota Fratelli D’Italia, Manlio Messina, autore della mozione di sfiducia nei confronti della Mazzola.

Messina dichiara di non conoscere le motivazioni per cui l’avvocato prestato alla politica abbia deciso di rimettere il mandato, anche se evidenzia di essere contento “per il commercio in città, dato che peggio non si poteva fare. Forse – dice ancora il consigliere – ha preso coscienza che quello non fosse il suo ruolo. A questo punto – sottolinea – spero che il resto della Giunta faccia altrettanto”.

In ogni caso, pare che le motivazioni risiedano nel mancato rimpasto da parte del sindaco Bianco che avrebbe temporeggiato troppo per cambiare alcuni membri della sua squadra, e rispecchiare meglio gli equilibri in Consiglio. E che la scelta della Mazzola sia piuttosto una dimostrazione di forza da parte del gruppo cui appartiene – il Pd area Articolo 4. Dettagli che si potranno facilmente verificare nei prossimi giorni, basterà osservare quali saranno le scelte del primo cittadino.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    sicuramente non sentiremo la sua mancanza. anzi, tutt’altro. se riuscisse magari a portarsi dietro tutta la giunta, sindaco compreso sarebbe una liberazione per tutta la città

    L’ Avv. ex assessore Angela Mazzola è la prima vittima, indifesa e con pochi consensi .

    Adesso bisogna aspettare la prossima mossa.

    Il PD per volontà di Renzi, circa un anno fà ha collocato dentro alcuni esponenti dell’ex art.4. Non parliamo di cambio casacche, guai chi pronunzia certe frasi e allusioni, tutto e’ avvenuto per coerenza e onestà intellettuale. Negli ultimi anni le notizie e i rumors hanno sempre confermato il metodo democratico di tutti gli appartenenti all’Art.4 nei vari settori strategici della società catanese.

    In un batter d’occhio con un copia incolla anche all’interno del PD, si e’ affermata la democrazia, la libertà e la chiarezza negli intenti.

    Nelle proposte di incarichi sono stati sempre evidenziati i metodi all’avanguardia civile:
    ( ultimo riferimento in assoluto il Presidente della partecipata sostare srl; in nottata il presidente ha dovuto fare un comunicato stampa che smentiva quanto dichiarato la sera prima il Suo avvocato di fiducia ), tutti i Consiglieri comunali in fila per due si sono adoperati per dimenticare tutto e approvare il famoso aumento delle strisce blue con l’aggiunta di un plauso di benemerito al Presidente della partecipata sostare srl.

    Quindi, per gli addetti al settore , politici incalliti e strateghi della politica non è finita qui, gli sviluppi saranno incredibili, bisogna posare la prima pietra fin da adesso per il prossimo sindaco di area ( ex art. 4 ), non importa con o senza il vero PD di una volta, tanto qualsiasi posizione non servirà a niente.

    Il famoso concambio è in atto ( l’attuale Sindaco sarà il fututo Presidente Regione Sicilia e un componente del sempre indimenticabile ex art. 4 il futuro Sindaco di Catania ), guai a schierarsi contro o non aderire, si rimarrà per sempre fuori e malcapitati ex di tutto e tristemente desolati .
    A questo punto, conviene veramente sposare il concambio e non perdere l’occasione.

    Michele
    ( attualmente e per poco del PD ed ex art. 4 )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *