Concordia, trovati resti umani| Forse della siciliana Trecarichi - Live Sicilia

Concordia, trovati resti umani| Forse della siciliana Trecarichi

Maria Grazia Trecarichi

Le ossa sono state ritrovate sul ponte 3, in una zona dove mesi fa, durante le ricerche sul relitto al Giglio, venne recuperato il cadavere della signora originaria di Leonforte.

il naufragio
di
3 Commenti Condividi

GENOVA – Al secondo giorno di ricerche il relitto della Concordia restituisce ossa e un teschio. Il ritrovamento arriva a metà pomeriggio. A individuare i resti umani sono i sommozzatori dei vigili del fuoco che subito avvertono il magistrato di turno in procura a Genova. Sul posto arrivano i carabinieri della ‘squadra rilievi’ del nucleo investigativo di Genova per prendere in custodia teschio e ossa di una mano. Il pensiero va a Russel Rebello, il cameriere indiano, l’unico disperso del naufragio di Costa Concordia al Giglio, avvenuto venerdì 13 gennaio 2012. Rebello è la 32/ma vittima di quel disastro. Impossibile dire, al momento, se le squadre impegnate nelle ricerche hanno compiuto la loro missione: ritrovare il cameriere indiano per permettere al fratello Kevin di dargli una degna sepoltura. Obiettivo primario, il ritrovamento di Russel, anche per il responsabile della Protezione civile, Franco Gabrielli.

Ma è molto più probabile che quei resti non siano di Russel. Le ossa sono state ritrovate sul ponte 3, in una zona dove mesi fa, durante le ricerche sul relitto al Giglio, venne recuperato il cadavere mutilato della signora siciliana Maria Grazia Trecarichi. Le custodiva il locale lavaggio stoviglie. La protezione civile ha informato i familiari della donna e dell’indiano. Ma servirà l’esame del dna per stabilire a chi attribuire quelle ossa. Anche se tutto fa propendere che siano resti della Trecarichi che venne trovata decapitata e senza una mano. I resti saranno trasferiti a Medicina legale. Durante il secondo giorno di attività, le ricerche si erano concentrate nella zona poppiera del ponte 4, dove, secondo le testimonianze di chi ha operato al Giglio, poteva trovarsi Rebello nel momento in cui la nave si adagiava sul fianco dritto sulla scogliera del Giglio. Qui sono stati impegnati i vigili del fuoco, del nucleo sub della Guardia costiera, i sommozzatori della Guardia di finanza. Le squadre si muovono tra fango, suppellettili rovesciate. Altri sommozzatori dei vigili del fuoco e i palombari della Marina militare hanno fatto un sopralluogo sui ponti 2 e 1 per individuare l’area più idonea ad ospitare la piattaforma operativa per le attività subacquee sul ponte 1, ancora completamente sommerso. La visibilità in acqua è migliorata, un aspetto che faciliterà le ricerche.

Sarà sottoposto a raggi X e a una tac il cranio trovato ieri sul ponte 3 del relitto della Concordia per stabilire con certezza se sia di uomo o donna. Dal risultato delle indagini macroscopiche il medico legale Alessandro Bonsignore ha ipotizzato che potrebbe trattarsi di una donna sia per la dimensione del cranio sia per l’angolo mandibolare che per la conformazione della fronte. Se gli accertamenti confermassero l’ipotesi del medico legale, potrebbe trattarsi del cranio di Maria Grazia Trecarichi, la donna siciliana il cui cadavere mutilato era stato trovato sul ponte 3 nella zona dove ieri è avvenuto il ritrovamento delle ossa.

Ho saputo, ieri, dalla Protezione Civile del ritrovamento del teschio. Sono davvero preoccupato per mia figlia: so che questa cosa rinnoverà il suo dolore. Sta cercando di lasciarsi alle spalle la tremenda esperienza vissuta e questo non l’aiuterà”.   Così Elio Vincenzi, marito di Maria Grazia Trecarichi, la donna di Leonforte (En), morta nel naufragio della Concordia, commenta il ritrovamento di un teschio che, secondo gli esperti, potrebbe essere della moglie. La figlia della coppia, Stefania, si salvò. Finora della donna erano stati ritrovati solo alcuni resti che, dopo l’esame del dna, hanno consentito comunque la celebrazione del funerale e la sepoltura.   “Mi hanno detto -spiega – che ci sono buone probabilità che si tratti di mia moglie. Io ho sentito il fratello di Russel Rebello (il cameriere ancora disperso ndr) e gli ho augurato di trovare i suoi resti per potergli dare finalmente sepoltura”.

(fonte ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Pensate un po di questa povera donna sono rimaste solo le ossa sparse sul ponte,mentre l artefice di tutto cio’ si trovava ieri alla Sapienza a Roma a tenere una lezione di “controllo del panico”?!?!?!?!? Schettino che ha abbandonato per primo la nave!!!!
    Si questo e’ il bel paese ma anche il paese degli impuniti!

    Che dire? Vicinanza ai familiari di questa signora per lo strazio che stanno vivendo e che ogni volta si rinnova: speriamo possano trovare un minimo di serenità

    Povera signora.. è stata una tragedia immane causata dalla incompetenza e dalla superficialità di chi avrebbe dovuto guidare la nave. Ogni volta che vedo quell’individuo che non mostra il benche’ minimo senso di colpa e che va alle feste e viene invitato a relazionare in pubblico, onestamente mi viene da vomitare. Non ha ne’ sensi di colpa manifesti ne’ rispetto per le vittime e per i loro familiari. Non dovrebbe essere invitato da nessuna parte e chi lo fa si pone al suo infimo livello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *