Così Crocetta e il suo governo |ci portano in braccio ai grillini - Live Sicilia

Così Crocetta e il suo governo |ci portano in braccio ai grillini

Il malgoverno della Sicilia spinge i 5 Stelle. E offre assist alle loro trovate mediatiche.

Il punto
di
32 Commenti Condividi

PALERMO – C’è un vento che soffia forte sulla politica siciliana. Un vento a 5 Stelle che s’è già fatto sentire alle ultime amministrative. E che i guasti di una Regione “sgovernata” continuano ad alimentare giorno dopo giorno. Anche se a Palazzo, con un infondato ottimismo, qualcuno spera ancora di poter invertire la rotta. Fuori, però, si parla un’altra lingua. Che è la stessa dell’efficace retorica populista dei grillini. Ai quali la “vecchia” politica offre assist su assist.

Prendete la vicenda dei rifiuti. Tante parole, tanti vecchi e stanchi riti, tanti odiosi scaricabarile, come abbiamo raccontato in questi giorni su Livesicilia. Ma le parole farfugliate dai partiti non lasciano traccia sull’opinione pubblica, la munnizza, quella sì. La sua vista e il suo odore rimangono e diventano per l’opinione pubblica l’immagine tangibile di un sistema che è collassato e che, con mille attenuanti per carità, si è rivelato incapace di fare la prima cosa che le Istituzioni dovrebbero fare, cioè dare risposte concrete ai bisogni di una comunità. E così i ragazzacci di Grillo, che fin qui tranne rare e poco significative eccezioni, hanno agito liberi dal peso della responsabilità di governo, nella comoda oasi dell’opposizione che non si sporca le mani, hanno vita facile nel mettere a segno le loro azzeccate mosse mediatiche. Come quella dell’autocompattatore portato davanti a Palazzo d’Orleans dal sindaco di Bagheria Cinque insieme ad altri colleghi. Una trovata comunicativa efficace, in sintonia perfetta con lo spirito di un’opinione pubblica stanca, disillusa e irritata. Immagini concrete, tangibili, come un sacco di munnizza, contro verbosi giri di parole che avvolgono fallimenti. Proprio come era stato con la famosa trazzera nei mesi oscuri della Sicilia spezzata in due. Quella ripida discesa, snobbata come propaganda sterile dagli avversari, si innestò alla perfezione nella disperata voglia di concretezza che divorava gli avviliti siciliani in quei giorni. Ed è rimasta nella memoria, più di mille parole.

Insomma, i 5 Stelle oggi parlano una lingua che l’elettorato capisce. Il Palazzo in questo fatica da tempo. E fintanto che l’esperienza di governo dei grillini in Sicilia si limita tra alti e bassi (dai pasticci di Gela con l’espulsione del sindaco alle grande per l’abusivismo a Bagheria) a qualche comune, tutto ciò mette al riparo i 5 Stelle dall’essere assimilati agli “altri”, come è toccato con tragica rapidità all’ex “nuovo” Matteo Renzi. E così in Sicilia ogni giorno in più di questo governo, che arranca da un’emergenza all’altra senza dare la sensazione di riuscire a gestire i processi, si trasforma in uno spot per il populismo dei grillni. Visto anche che l’altro potenziale attore della contesa, il centrodestra, in Sicilia sembra impantanato in una visione nostalgica e fuori dal tempo. Serve inventarsi qualcosa di diverso e di nuovo per centrosinistra e centrodestra. Tra gli appelli per “ricompattare i moderati” (o per “rilanciare le riforme”) e una trazzera, in questi giorni di stanchezza e rabbia non può esserci partita.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

32 Commenti Condividi

Commenti

    Analisi perfetta. É un problema di linguaggio. Il solo capace di interlocuzione con la gente comune é il linguaggio del m5s. E lo dico da iscritto al PD….

    In braccio? Autostrada a 6 corsie!

    Qual è il problema?

    La Monterosso vale almeno ventimila voti, persi.

    E quale sarebbe il male? ?

    Ho appena scoperto che la città metropolitana di Cagliari non è l’ex provincia ma solo Cagliari e il suo hinterland. Questo è un piccolo esempio di come una vera politica regionale possa impedire gli errori di Roma che noi accettiamo supinamente come un salvatore.

    HO UN DUBBIO:

    …. CHE LA SICILIA ABBIA ABBANDONATO LA REALTA’ E SIA ENTRATA NEL SURREALE ???

    Dott. Toscano, niente paura, ai grillini ci pensa Saro, ecco cosa ebbe a dire “Affidatevi a me, i grillini li ho già sconfitti”.

    I grillini sono quelli della trazzera e devono essere quindi beffeggiati, e chi lo fa si sente di essere uno sveglio.

    Renzi fa l’inaugurazione bis della parte del ponte himera mai crollato, accompagnato per l’occasione dal ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e dal presidente di Anas Gianni Vittorio Armani.

    I siciliani penso preferiscano le trazzere sistemate a inaugurazioni farsa, è persino logico.

    Magari, sinistra e destra hanno fallito, il M5S è il primo partito in Sicilia

    va detto che anche l’opposizione ci mette del suo. basti pensare alla sanatoria degli immobili sotto costa. una follia demagogica e clientelare che si vuole far passare come norma di buon senso, dopo che sono partite demolizioni e quant’altro. va dato atto al governo di essersi espresso contro questa follia.

    Certo i leader siciliani dei 5 stelle non sono convincenti, per esempio non voterei mai Cancelleri come presidente della regione, però sono certamente avvantaggiati dal collasso politico di gente come Crocetta, Orlando etc, autentici e certificati fallimenti. Per non parlare del centrodestra che i suoi disastri li ha compiuti al suo tempo e non abbiamo voglia di rivederli al governo. Speriamo che i grillini però esprimano candidature di spessore, non certo questi attuali.

    E non vediamo l’ora di ritrovarci in una Sicilia a Cinque Stelle! Basta gente corrotta, basta politicanti di mestiere, è ora che i cittadini prendano in mano le redini di questa tramandata terra. Onestà!!!

    Il piu’grande ladro del mondo avrebbe fatto meno danni di crocetta.

    Populismo vuol dire coinvolgere il popolo, e nasce come coinvolgimento positivo che rende la parte più debole partecipe della realtà che la circonda. in questo caso tuttavia si tratterebbe di quella parte del popolo civile che da tanto tempo non ha avuto una voce. Il populismo a 5 stelle mi sembra da intendersi nella sua accezione positiva, senza ambigue allusioni: partecipazionismo cittadino e sostenibilità politica, scevri da vecchi giochi di potere che purtroppo appestano i vecchi e logori partiti. Penso che i cosiddetti “grillini” (termine in genere impropriamente e demagogicamente utilizzato), ovvero chi riconosce se stesso come potenziale parte attiva di una nuova politica che, sia pur con i suoi ereditari difetti culturali locali, sia indirizzata alla civiltà, meritino più fiducia che fango consciamente e inconsciamente architettato alle loro spalle. 5 stelle vuol dire rimboccarsi le maniche e lavorare per costruire l’agognata decenza a cui un bel po’ di gente da tempo anela, chi preferisce l’assistenzialismo dei vecchi partiti ne stia lontano e lasci fare a chi ha buona volontà.

    se i partiti sono incapaci di risolvere i problemi, saranno i cittadini a farsene carico, dovete farcene una ragione anche voi giornalisti servi della vecchia politica.

    Crocetta ancora peggio di Cuffaro e Lombardo.
    Povera Sicilia cosa hai fatto di male per meritarti così tante violenze.

    Ma quando mai. I Siciliani preferiscono le autostrade aggiustate come si deve. o quanto meno ripristinate almeno su una carreggiata, com’è successo in 6 mesi grazie al governo nazionale. Perché se si aspettava quello regionale, campa cavallo. La verità è che i grillini sanno parlare alla pancia della gente. Ed in Sicilia la gente vota con la pancia. Altrimenti non si spiegherebbero commenti come quelli cui rispondo. A meno che enea non abbia mai avuto la necessità di spostarsi tra Catania e Palermo. Io questa necessità ce l’ho e giammai mi sono avventurato sulla trazzera fino a quando l’autostrada è rimasta interrotta. In quel periodo mi spostavo in treno ( che oggi continua a viaggiare carico di gente, perché è molto sfruttato dagli ennesi e dai nisseni). Chi si è azzardato riferisce di frizioni bruciate e momenti di panico. Ma la stragrande maggioranza dei siciliani che ne sa?

    Hai ragione. Anche a me non convincono i grillini. Ma non credo che in sicilia il criterio di scelta sia il leader che più ti convice. Voteremo il meno peggio (o quello che si ritiene essere il meno peggio) e penso che allo stato attuale siano loro i meno peggio.

    Ben detto!

    finalmente un giornalista di spessore che riesce ad essere imparziale…

    A leggere il commento del Sig. Arturo mi viene da piangere !! ringraziare un governo nazionale per aver riaperto una carreggiata mai crollata, capisco lo stato in cui versano gli elettori del PD !! Mi chiedo ti sembra normale dover attraverso decine di km di autostrada su unica corsia pericolosa e il Sig. Renzi viene a prenderci per i fondelli? ma smettila e apri gli occhi !! Io ringrazio il M5S che senza spendere soldi di noi contribuenti ha permesso grazie alla famosa trazzera di evitare un giro enorme e senza bruciare nessuna frizione, altresì ha permesso dopo anni di ricollegare un paese intero come Caltavuturo abbandonato da questi governi di destra e sinistra . Prima di parlar male del M5S conta fino a 10

    Quello che ancora molti non hanno compreso è che occorre parlare con i cittadini da cittadini che, momentaneamente, si prestano alla politica. In questo i grillini sono più forti di qualsiasi altro. Il pd così come il Pdl fanno politica solo all.interno delle proprie segreterie e per tutelare interessi che per nulla collimano con quello del cittadino.
    Quella del m5s non è protesta ma proposta. Fatevene una ragione.

    Basta con questi teatrini che hanno distrutto la Sicilia e i Siciliani, Movimento 5 Stelle al governo

    Speriamo presto

    Nel M5S, è risaputo, comanda solo Grillo. Quindi il termine ‘grillini’ è più che fondato. Quanto all’assistenzialismo, è proprio il M5S che propone il ‘reddito di cittadinanza’, altrimenti detto ‘campare a sbafo a spese del contribuente’ e la prima cosa che ha fatto l’Appendino a Torino è stata quella di predisporre una marea di concorsi per unzionari ed impiegati comunali.

    Purtroppo viene siete accorti solamente ora,con tutti gli incarichi che ha dato pur di governare così malamente ma la colpa principale è del Pd che pur di avere gli Ass.alla Salute e al Turismo,, dell’Udc per avere Pistorio come assessore ,a D’Agostino finti moralizzatori di Lombardiana memoria hanno fatto fare a Crocetta tutti gli sbagli di questo mondo non pensando di consegnare la Sicilia al M5s o al centro destra.Per il centro sinistra la partita è finita.

    Ah a Arturo, sei rimasto l’unico piddino in zona, cambia terra in tempo perché l’anno prossimo prenderete una scoppola che la sentiranno fino in Finlandiaaaa!

    I “cinquestelle” non sono una cosa diversa da noi cittadini ( come i vecchi partiti)… Sono parte di “noi” cittadini, non si sono messi in politica per sete di potere e arricchirsi … E quindi da cittadini dobbiamo appoggiarli , nonostante gli errori che l’inesperienza porta con se… Sono l’unica speranza…

    Non vediamo l’ora…

    Ezio Dread, guarda che in Finlandia hanno i termovalorizzatori perché neanche loro riescono ad arrivare al ‘riciclo al 100%’. Al massimo fanno il 70%. Ma voi, no, niente. Solo differenziata. Andrà a finire che, nel 2020, quando si dovranno eliminare i termovalorizzatori, ci sarà tanto di quel che 30% in Sicilia che saremo in tanti a doverla abbandonare!

    @Arturo
    ti ricordo che il reddito di cittadinanza è presente in tutta europa a d esclusione della grecia…………
    mentre i grillini vogliono inserire il reddito di cittadinanza che prevede anche un percorso di inserimento al lavoro il pd con il governo monti ha confermato la socialcard e adesso vuole proporre, disegno di legge gia presentato , il reddito di inclusione che non prevede assolutamente nulla………..ora dimmi un po chi vuole fare campare a sbafo a spese di contribuenti? un po di onesta intellettuale di tanto in tanto è cosi difficile per voi pd2ini?

    @ Il reddito di cittadinanza è un meccanosmo altamente dinamico che crea lavoro, non vuol dire di certo campare i nostri figli a scapito di chi paga le tasse. Si ottiene il reddito di cittadinanza se si perde il lavoro, mentre l’istituzione deve fare di tutto per trovartelo e toglierti il sussidio per donarlo a chi ne ha più bisogno, quindi probabilmente a chi ha perso il suo lavoro. Informati su come funziona il reddito di cittadinanza nei paesi europei, ma soprattutto viaggia e conosci, non restare in un’isola per tutto il tuo tempo, e amala la tua isola, non illuderti soltanto di amarla.

    Poi ti prendo anche in anticipo dicendoti per primo che i 5 stelle hanno anche dei difetti, quale grande verità. Chi non ne ha? Loro ce li hanno e come. Ma chi si immagina un cambio di guardia che restituisca la perfezione è fuori dal mondo, forse si sente Dio ma non lo è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.