Costrinse un alunno a grugnire | Condannato maestro di Bagheria - Live Sicilia

Costrinse un alunno a grugnire | Condannato maestro di Bagheria

La Corte di Cassazione

Poco importa che l'alunno punito avesse grugnito per primo, per deridere l'insegnante. I giudici sono stati inflessibili.

La sentenza
di
5 Commenti Condividi

PALERMO– L’alunno di sette anni l’aveva offeso e deriso facendo il verso del maiale davanti alla classe così il maestro gli ha dato “una lezione”: l’ha costretto a mettersi a terra a quattro zampe e a grugnire. Si tratta di un comportamento, quello dell’insegnante, che, secondo la Cassazione, rappresenta un abuso dei mezzi di correzione, reato punito dall’articolo 571 del codice penale. La Corte ha quindi reso definitiva la condanna a due mesi (sospesa con la condizionale) e al risarcimento dei danni in sede civile (e al pagamento delle spese di giudizio di 3.500 euro) di un insegnante, oggi cinquantenne, che al momento del fatto, nel 2006, stava facendo una supplenza in una scuola elementare di Bagheria (Palermo).

Secondo la Sesta sezione penale – si legge nella sentenza 15149, che si riferisce all’udienza del 19 marzo – il maestro ha commesso “una prevaricazione” e oltretutto ha sbagliato a rispondere ad un atto da lui percepito come “bullistico” con una imposizione del potere. Nel ricorso l’uomo, attraverso il suo avvocato, aveva sostenuto che, considerato “il contesto culturale-ambientale” della scuola, “la lezione di forte contenuto simbolico” imposta all’alunno, che aveva “gravemente compromesso la credibilità dell’insegnante” davanti alla classe, avesse finalità educative e fosse adeguata alle esigenze. I giudici, nella sentenza, ammettono che il comportamento del bambino avesse “certamente messo in crisi la sua credibilità di docente”, ma evidenziano come rispondere con lo stesso dileggio “all’impertinente offesa” abbia avuto “una ben più accentuata ripercussione sul piano psicologico” del bambino e anche “sulla sfera dell’onorabilità, che è patrimonio anche dei minori”.

Inoltre secondo la Corte “appare del tutto fuori centro il riferimento fatto dal ricorrente al contesto ‘bullistico’, alimentato dall’area territoriale ‘mafiosa’, in cui a suo avviso andava inquadrata la condotta”. Si tratta – per la Cassazione – di un’osservazione “non solo palesemente avventata, avuto riguardo della tenera età della persona offesa, ma comunque espressione della distorta idea che di fronte a simili contesti ‘bullistici’ possa reagirsi con metodi che finiscono per rafforzare il convincimento che i rapporti relazionali (scolastici o sociali) debbano essere risolti sulla base di rapporti di forza o di potere”.

(Fonte ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Dunque, possiamo insegnare ai nostri figli che dileggiare gli insegnanti non è offensivo????

    bene…il bambino avra’ capito la lezione…puo’ fare quello che vuole e l’insegnante non va rispettato!

    Con queste sentenze ridicole avremo un mondo di bulli e maleducati! Se fosse successo a me mio padre a casa mi avrebbe dato il resto… Ed avrebbe fatto bene! Solidarietà al professore!

    le sentenze della magistratura si accettano solo quando fanno comodo, in questo caso la sinistra insorge a difesa di un “compagno” maestro che da adulto si è comportato da bambino. La suprema Corte ha fornito motivazioni più che significative sul comportamento di questo insegnante a mio parere prevalso da fanatismo ideologico a tal punto da costringere un bambino a mettersi a 4 zampe per affermare la sua superiorità culturale e civile che sembra prevalere su qualsiasi altra cosa.

    Ma che c entra la politica… La sinistra .. La superiorità culturale… Ma di che parli! Poteva essere fascista non cambia niente… Ridicoli i genitori che fanno queste denunce.imparino ad educare i figli!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *